Giugno 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Chang’e-6 cinese riprende il viaggio lontano dall’esplorazione lunare

Il Chang’e-6 cinese riprende il viaggio lontano dall’esplorazione lunare
didascalia dell’immagine, L’agenzia spaziale cinese ha affermato che il robot ha sventolato la bandiera cinese dopo aver completato la raccolta dei campioni

  • autore, Francesco Mao
  • azione, notizie della BBC

La Cina afferma che la sua sonda lunare è decollata con successo dal lato nascosto della Luna e sta per iniziare il suo viaggio di ritorno sulla Terra con i primi campioni raccolti nell’area.

I media statali hanno riferito che il modulo spaziale Chang’e-6, dal nome della dea della luna nella mitologia cinese, è decollato con successo alle 07:38 di martedì (23:38 GMT di lunedì) per iniziare il viaggio di ritorno.

La navicella è atterrata domenica vicino al polo sud della Luna, in una prima mondiale celebrata dalla comunità scientifica internazionale.

La Cina è l’unico Paese ad essere atterrato sul lato nascosto della Luna nel 2019.

L’Amministrazione spaziale nazionale cinese ha definito la missione un “risultato senza precedenti nell’esplorazione lunare umana”.

Quel lato della Luna, sempre rivolto lontano dalla Terra, è tecnicamente difficile da raggiungere a causa del suo terreno accidentato e dei profondi crateri.

La missione cinese mira a essere la prima a riportare campioni di roccia e suolo dalla regione, che secondo gli scienziati potrebbero essere molto diversi dalle formazioni rocciose vicino alla Luna.

I media statali hanno diffuso video dell’agenzia spaziale cinese che mostrano il velivolo robotico senza pilota che estende un piccolo braccio e sventola una bandiera cinese dopo aver raccolto i preziosi campioni.

“La missione ha resistito alla prova delle temperature estreme sul lato nascosto della Luna”, ha affermato l’agenzia spaziale.

Dopo il decollo, il modulo è entrato in una “orbita predeterminata attorno alla Luna”.

L’intera sonda tornerà al luogo di atterraggio nella Mongolia Interna tra circa tre settimane.

Gli scienziati in Cina avranno la prima opportunità di studiare le rocce, e successivamente i ricercatori di tutto il mondo potranno fare domanda per questa opportunità.

La sonda è atterrata domenica al Polo Sud, un gigantesco cratere noto come Bacino di Aitken. Il cratere è uno dei più grandi conosciuti nel sistema solare.

L’atterraggio era pieno di pericoli, poiché era molto difficile per la navicella spaziale comunicare una volta raggiunta la faccia nascosta della Luna.

Le autorità spaziali cinesi hanno descritto l’operazione come comportante “molte innovazioni ingegneristiche, rischi elevati e grandi difficoltà”.

Titolo del video, Un video mostra in lontananza una sonda cinese che atterra sulla Luna

Secondo la CNSA, l’obiettivo è raccogliere circa 2 kg di materiale utilizzando un trapano e un braccio meccanico.

Gli esperti avevano precedentemente detto alla BBC che erano possibili nuove barriere coralline.

“Tutti sono davvero entusiasti di vedere queste rocce che nessuno ha mai visto prima”, ha detto il professor John Burnett-Fisher, esperto di geologia lunare presso l’Università di Manchester.

In precedenza aveva studiato le rocce lunari riportate dalla missione Apollo degli Stati Uniti e da precedenti missioni in Cina.

Ma la possibilità di analizzare la roccia da una parte completamente diversa della Luna potrebbe rispondere a domande fondamentali su come si formano i pianeti, dice.

Il polo sud della Luna è la prossima frontiera nell’esplorazione lunare, una regione che i paesi desiderano comprendere a causa del suo potenziale di ghiaccio.

L’accesso all’acqua aumenterebbe significativamente le possibilità di stabilire con successo una base umana sulla Luna per la ricerca scientifica.

Questa è la seconda volta che la Cina lancia una missione per raccogliere campioni dalla Luna.

Nel 2020 Chang’e-5 ha riportato 1,7 kg di materiale dall’Oceanus Procellarum, una regione vicino alla Luna.

Nel 2019, la Cina è diventata il primo paese a raggiungere tale distanza con l’atterraggio del Chang’e-4.

La Cina pianifica altre tre missioni senza equipaggio in questo decennio alla ricerca di acqua sulla Luna ed esplora la possibilità di costruire lì una base permanente.

La strategia più ampia di Pechino mira a far camminare un astronauta cinese sulla Luna entro il 2030.

Gli Stati Uniti mirano a riportare gli astronauti sulla Luna, mentre la NASA punta a lanciare la missione Artemis-3 nel 2026.