Dicembre 5, 2021

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il dollaro brillava per i timori che le azioni asiatiche sarebbero crollate e l’inflazione sarebbe esplosa

I cameraman televisivi stanno aspettando l’apertura del mercato il 2 ottobre 2020 davanti al grande schermo che mostra i prezzi delle azioni alla Borsa di Tokyo a Tokyo, in Giappone. REUTERS / Kim Kyung-Hoon

  • La CBI statunitense è salita alle stelle dal 1990 e ha scosso i mercati
  • L’inflazione su vasta scala sfida la storia “intermedia” della banca centrale
  • Il dollaro ha raggiunto un massimo di 15-1 / 2 mesi nelle gare per i precedenti aumenti delle tariffe
  • I rendimenti dei titoli di stato sono alti mentre il tasso di pareggio è in aumento
  • Calo della leadership australiana nei mercati azionari asiatici

Tokio, nov. 11 (Reuters) – Giovedì i timori di inflazione hanno spinto le borse asiatiche al rialzo dopo che i prezzi al consumo statunitensi sono aumentati di più dal 1990, citando un caso di austerità da parte della Federal Reserve e un aumento una tantum dei prezzi al consumo statunitensi.

I rendimenti nominali dei titoli del Tesoro statunitensi sono aumentati di più da febbraio sull’indice di riferimento a 10 anni, mentre i rendimenti reali, tenendo conto dell’inflazione, sono scesi ai minimi storici.

L’oro è salito al massimo in cinque mesi e Bitcoin ha raggiunto un record mentre gli investitori cercavano di contenere l’inflazione.

Il petrolio è sceso bruscamente da un massimo di sette anni dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che la sua amministrazione stava cercando modi per ridurre i costi energetici.

Il più ampio indice MSCI di azioni dell’Asia-Pacifico al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) Il benchmark australiano è sceso dello 0,85% a causa di un calo dell’1,19% (.AXJO).

blue chips cinesi (.CSI300) È sceso dello 0,09%.

READ  La deportazione di Khair Irving dovrebbe essere un ulteriore dolore per Sean Marx dei Nets

Nikkei del Giappone (.N225) La tendenza al rialzo è stata dello 0,24%, con lo yen che si è indebolito rispetto al dollaro e i futures sulle azioni statunitensi in leggero aumento.

Durante la notte, però, l’S&P 500 (.SPX) Cala dello 0,82%, il giorno peggiore da più di un mese. Dopo che l’indice ha raggiunto il picco all’inizio della settimana, ha segnato il primo calo all’indietro in un mese.

L’indice del dollaro, che misura la valuta nei confronti di sei alleati chiave, tra cui yen ed euro, è sceso leggermente al di sotto del massimo di 94,905 raggiunto mercoledì, il livello più alto dal luglio dello scorso anno.

Il biglietto verde è salito di 114,04 yen, in rialzo dello 0,13% da 112,73 all’inizio della settimana.

L’indice dei prezzi al consumo negli Stati Uniti è aumentato del 6,2% su base annua, portando a un aumento più ampio della benzina, aggiungendo ai segnali che l’inflazione sarà più scomoda entro il 2022 nel mezzo di una crisi nelle catene di approvvigionamento globali. Per saperne di più

Le pressioni inflazionistiche stanno crescendo anche nel mercato del lavoro, con altri dati di mercoledì che mostrano che il numero di americani che hanno presentato richieste di sussidio di disoccupazione è sceso al minimo da 20 mesi.

Sia la Casa Bianca che la banca centrale hanno sostenuto che i prezzi sarebbero diminuiti una volta allentate le restrizioni sull’offerta, con la banca centrale che ha ribadito la scorsa settimana che l’inflazione elevata sarebbe stata “stabile” poiché i politici hanno sottolineato la pazienza.

Rodrigo Cadrell, un esperto stratega forex presso la National Australian Bank di Sydney, ha scritto in una nota del cliente che “la decisione della banca centrale deve affrontare un periodo di prova”.

READ  L'Austria imporrà un blocco nazionale a coloro che non sono stati vaccinati

“I vincoli all’offerta possono cambiare temporaneamente, ma l’aumento dei fattori chiave sta aumentando la pressione sulla banca centrale per innescare una risposta di politica monetaria”.

Il mercato monetario sta ora alzando il primo tasso di interesse della banca centrale entro luglio.

I rendimenti dei titoli del Tesoro di riferimento a 10 anni hanno raggiunto un massimo di sette settimane dell’1,592% mercoledì. Il mercato del tesoro globale è stato chiuso giovedì per le festività statunitensi.

Nel frattempo, i rendimenti dei titoli di Stato a 10 anni protetti dall’inflazione (TIP) sono scesi bruscamente al minimo storico di -1,243% prima di salire durante la sessione.

Le aspettative di inflazione sono salite al massimo quinquennale del 3,113%.

Con l’indice di volatilità CBOE, la volatilità si è diffusa su altri mercati (.VIX), La cosiddetta misurazione della paura di Wall Street, ha toccato il suo livello massimo in quasi un mese.

È stato scambiato intorno a $ 1.850, salendo a $ 1.868,20 durante la notte per la prima volta da metà giugno.

Bitcoin inizialmente ha stabilito un nuovo record di $ 69.000 prima di scendere sotto i $ 65.000 nell’ultima operazione.

Il greggio US West Texas Intermediate (WTI) è salito di 25 cent a 81,59 dollari al barile, ma ha toccato un massimo notturno di 84,97 dollari e un massimo di sette anni di 85,41 dollari alla fine del mese scorso.

Il greggio Brent è salito di 30 cent a 82,94 dollari al barile, toccando il massimo da tre anni di 85,50 dollari mercoledì e ottobre a 86,70 dollari.

Modifica della festa di Lincoln

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  Biden fa grandi commenti sui diritti umani: "Devi affrontare la verità per affrontare il passato"