Dicembre 5, 2021

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La frustrazione e la resistenza nel villaggio dovrebbero essere lasciate in mare

Fairbone, Galles (AB) – Come molti che sono venuti a Fairbone, Stuart Eves ha deciso che il villaggio costiero nel Galles settentrionale sarebbe stato la sua casa quando si è stabilito qui 26 anni fa. Si innamorò della vita tranquilla e lenta del piccolo villaggio di questa comunità di circa 700 abitanti situata tra le aspre montagne e il mare d’Irlanda.

Eves, 72 anni, che ha costruito un parcheggio per roulotte nel villaggio, ha detto: “Volevo che i miei figli ricevessero la stessa educazione che ho ricevuto io. Corre ancora con suo figlio”. Hai il mare, hai le montagne. È un posto meraviglioso vivere. “

Nel 2014, è cambiato improvvisamente quando le autorità hanno identificato Fairbanks come la prima comunità costiera del Regno Unito a rischio di inondazioni a causa dei cambiamenti climatici.

Il governo, che ha previsto tempeste frequenti e gravi mentre il livello del mare aumenta rapidamente a causa del riscaldamento globale, ha affermato di poter proteggere il villaggio solo per altri 40 anni. Entro il 2054, hanno detto i funzionari, vivere a Fairbanks non sarebbe stato né sicuro né protetto.

Quindi le autorità stanno lavorando con gli abitanti del villaggio in un processo chiamato “restauro gestito” – in pratica, per spostarli e lasciare il villaggio al mare dell’occupazione.

Durante la notte, i prezzi delle case sono crollati a Fairbanks. I residenti sono stati definiti i primi “rifugiati climatici” nel Regno Unito. Molti sono rimasti scioccati e indignati dai titoli nazionali che annunciavano che il loro intero villaggio sarebbe stato “licenziato”. Sette anni dopo, la maggior parte delle domande sul loro futuro rimane senza risposta.

“Hanno distrutto il villaggio e ora devono cercare di riabilitare la gente. Sono 450 case”, ha detto Eves, che è presidente del consiglio della comunità locale.

READ  Kyle Rittenhouse è un testimone

Nessuno vuole andarsene da qui. Mentre molti sono in pensione, ci sono anche giovani famiglie che stanno allevando la prossima generazione. La gente del posto parla con orgoglio della loro comunità ristretta. Sebbene ci sia solo un negozio di alimentari, fish and chips e due ristoranti nel centro del villaggio, i residenti dicono che Pebble Beach e un piccolo treno a vapore attirano la folla vivace dell’estate.

Natural Resources Wales, un’organizzazione governativa responsabile della sicurezza marittima a Fairbanks, ha affermato che il villaggio è particolarmente vulnerabile a molteplici rischi di inondazioni. Costruito nelle basse saline del 1850, il Fairbone è già in alta marea primaverile sotto il livello del mare. Durante le tempeste, il livello delle onde è di 1,5 metri (5 piedi) sopra il livello del villaggio.

Gli scienziati affermano che il livello del mare in Inghilterra è aumentato di circa 10 centimetri (4 pollici) nell’ultimo secolo. Si prevede che le emissioni di gas serra e l’azione del governo aumenteranno da 70 centimetri a 1 metro nel 2100.

Fairbone si trova sulla facciata di una facciata, con ulteriori rischi di inondazioni improvvise dal fiume che scorre dietro di essa. Le autorità hanno speso milioni di sterline per rafforzare il muro del mare e quasi 2 miglia di barriere per le onde del mare.

Nonostante il rischio di inondazioni in molti villaggi lungo la costa gallese, le decisioni su quali aree proteggere alla fine riducono i costi. Secondo Fairbone, il costo del mantenimento delle difese contro le inondazioni sarà superiore al “valore che proteggiamo”.

Negoziatori al vertice sul clima delle Nazioni Unite a Glasgow, in Scozia Gli effetti del cambiamento climatico sono già un dato di fatto.

READ  Rapimento di Haiti: le forze di sicurezza affermano che 17 missionari americani e canadesi sono stati rapiti da 400 gang maoiste americane

Catrin Wager, membro del gabinetto del Gwynedd Council, l’autorità locale che sovrintende a Fairbourne, ha sottolineato che Fairbourne potrebbe non essere l’unico villaggio balneare gallese ad essere il primo ad essere incredibilmente designato a causa del cambiamento climatico. Non ci sono precedenti su come sviluppare politiche che aiutino a trasformare la popolazione rurale, ha affermato.

“Abbiamo bisogno di più risposte dai governi del Galles e del Regno Unito. Questo è il mio messaggio per questo (vertice delle Nazioni Unite)”, ha detto Wager. “Dobbiamo non solo mitigare gli effetti del cambiamento climatico, ma anche ottenere indicazioni su come ci stiamo adattando alle cose che stanno già accadendo”.

In tutto il Regno Unito, mezzo milione di proprietà sono a rischio di inondazioni costiere e quel numero salirà a 1,5 milioni entro la fine degli anni 2080. Secondo il Comitato sui cambiamenti climatici, Un organo consultivo indipendente istituito ai sensi delle leggi sul cambiamento climatico.

Richard Dawson, membro del panel e professore di ingegneria presso l’Università di Newcastle, ha affermato che il governo britannico, che ospita il Summit delle Nazioni Unite sul clima, dovrebbe essere più aperto su tali rischi.

Alla fine, ha detto, devono essere prese “decisioni difficili” su molti insediamenti costieri, che hanno un gran numero di residenti anziani e poveri, e le autorità devono preparare le persone a spostarsi nell’entroterra.

“Non importa cosa accadrà nella COP, il livello del mare intorno al Regno Unito continuerà a salire e dobbiamo essere pienamente preparati per questo”, ha detto Dawson. “Dobbiamo essere realistici. Non possiamo difendere ovunque. La sfida per il governo è che la questione non viene affrontata con l’urgenza o la trasparenza di cui abbiamo bisogno.

READ  SpaceX2 Crew ha rilevato una perdita di urina nella navicella spaziale Dragon

A Fairbourne, un continuo confronto tra gli abitanti del villaggio e le autorità sottolinea questa sfida. I residenti si sentono irragionevolmente isolati e non credono che ci sia una scadenza chiara per quanto velocemente il livello del mare aumenterà fino al punto in cui le loro case saranno minacciate. Quando e come avverrà lo sgombero? Verranno risarciti, quindi quanto dovrebbe essere?

Nessuna risposta. Il vicario del villaggio Ruth Hansport ha affermato che molti residenti hanno sperimentato “esaurimento emotivo” nel corso degli anni a causa dell’incertezza e della negatività. Altri hanno deciso di continuare la loro vita.

Becky Offland e suo marito hanno recentemente affittato l’hotel Glan Y Mor, sono andati controcorrente e hanno investito nel futuro del villaggio. Sperano che la loro attività porti più visitatori e sostegno finanziario a Fairbourne.

“È come una grande famiglia, questo posto. Non è un villaggio, è una famiglia”, ha detto il 36enne Offland. “Combatteremo tutti per tenerlo dov’è”.

Per strada, il proprietario di Fairbone Oyster Alan Jones, 64 anni, ha detto che non aveva intenzione di andare da nessuna parte.

“Fino a quando l’acqua non arriva davvero qui”, finché non possiamo allenarci fisicamente, continueremo”, ha detto.

Eves ha detto che lui e suo figlio credono “quello che sarà, sarà”. Ma piangerà l’inevitabile rovina del villaggio che ama.

“Non puoi portare questo villaggio qui, mettilo lì e aspettarti che funzioni di nuovo”, ha detto. “È un disastro umano per te essere qui, anche se su piccola scala.”

___

Leggi le storie sui problemi climatici attraverso l’Associated Press su https://apnews.com/hub/climate