Dicembre 7, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il giudice si rifiuta di respingere il caso John Durham contro le prove documentali di Steele

Giovedì un giudice federale ha respinto la richiesta del consigliere speciale John Durham di archiviare il caso contro Igor Danchenko, che era una fonte chiave nelle accuse del 2016 sui legami di Donald Trump con la Russia ed è stato successivamente accusato di mentire all’FBI. Circa le informazioni che ha usato per supportare le sue affermazioni.

Il giudice distrettuale degli Stati Uniti Anthony J. Trenga giovedì ha stabilito che una giuria deve valutare il caso di Danchenko. Ma è stata una “chiamata molto ravvicinata”, ha detto Trenga dalla panchina.

Durante l’amministrazione Trump nel 2019, l’ex procuratore generale William P. La sentenza è solo una vittoria temporanea per Durham, il bar sentito nel 2019. Gran parte delle indagini di Durham si sono concentrate sull’uso da parte dell’FBI del cosiddetto “dossier Steele”, una raccolta di dichiarazioni su Trump compilate dall’ex spia britannica Christopher Steele.

Ma poiché Durham deve ancora convincere i giurati che Danchenko è colpevole oltre ogni ragionevole dubbio, il commento del giudice secondo cui la decisione è difficile potrebbe essere una minaccia. L’indagine del procuratore speciale ha subito una battuta d’arresto a maggio quando un altro uomo è stato accusato di aver mentito all’FBI, l’avvocato per la sicurezza informatica Michael Sussman. Assolto da una giuria nel tribunale federale di Washington. Il processo di Danchenko dovrebbe iniziare l’11 ottobre presso la corte federale di Alessandria, in Virginia, giovedì. Durham ha sostenuto personalmente il caso.

Lo riferisce la giuria Danchenko, a cui verrà chiesto di pesare Non colpevole, Durante un’intervista dell’FBI del 2017 su un dirigente di lunga data di Washington PR con legami con i Democratici, Carlo Dolan Jre Sergey Million, ex presidente della Camera di commercio russo-americana.

READ  Punto esclamativo per la Cina, fornito da margini migliori

Igor Danchenko è stato arrestato e accusato di aver mentito all’FBI sulle informazioni contenute nel dossier Steele.

Al centro del caso è se quelle dichiarazioni di Danchenko all’FBI e le successive dichiarazioni di Steele basate su informazioni di Danchenko e altri fossero inganni intenzionali che hanno avuto un effetto materiale sugli sforzi del governo per verificare le affermazioni nel documento. Steele è stato assunto per preparare i rapporti da Fusion GPS, una società di ricerca assunta da uno studio legale che rappresenta l’avversario di Trump, Hillary Clinton, e dal Comitato Nazionale Democratico.

La squadra di difesa di Donchenko ha chiesto al giudice di respingere l’accusa di cinque conteggi in una memoria legale depositata il 2 settembre.

Il caso di Danchenko, hanno detto, era un “caso straordinario di abuso del governo”.

“La legge criminalizza solo le false dichiarazioni inequivocabili che sono rilevanti per una decisione specifica del governo”, ha affermato Stuart A. Scritto da Sears e Danny Onorato. Le domande dell’FBI erano “essenzialmente vaghe, le risposte del signor Danchenko erano di fatto false, senza risposta o vaghe e le dichiarazioni non erano rilevanti per una specifica decisione del governo”.

“Se Rudy Giuliani ha detto che le elezioni del 2020 sono state truccate, non sarebbe una falsa dichiarazione”, ha affermato Sears giovedì in tribunale. “Lui crede.”

Il team di Durham ha ribattuto che le domande dell’FBI erano chiare e che, in ogni caso, era compito di una giuria risolvere le controversie sui fatti contestati.

Un agente dell’FBI ha posto a Donchenko una domanda “decisamente diretta” su Dolan durante un’intervista del 15 giugno 2017, la squadra di Durham ha presentato una memoria del 16 settembre.

READ  Il giudice respinge la causa di Trump contro Hillary Clinton per le elezioni del 2016

“Ma non hai parlato con Chuck Dolan di nulla mostrato nel documento, vero?” ha chiesto l’agente, secondo i documenti del tribunale.

“No”, ha risposto Danchenko.

“Non credi?” chiese l’agente.

“No. Abbiamo parlato di questioni correlate, ma no, no, no, niente di specifico”, ha detto Danchenko.

L’avvocato speciale ha affermato che il contesto dell’intervista dovrebbe chiarire che a Danchenko è stato chiesto delle prove dietro le affermazioni nel dossier Steele. Almeno un’accusa nel documento Steele, afferma l’accusa, riflette “informazioni raccolte direttamente da Danchenko” da Dolan, sebbene Danchenko neghi di aver discusso qualcosa di “specifico” in esso.

Danchenko ha chiesto a Dolan via e-mail di Paul Manafort Si è dimesso dalla carica di presidente della campagna elettorale di Trump nel 2016E Dolan ha risposto con informazioni che corrispondevano al rapporto del 22 agosto di Steele, afferma l’accusa.

Ma gli avvocati di Danchenko hanno affermato: “La lettura più ragionevole di questa domanda è che il signor Danchenko e [Dolan] Ne abbiamo parlato dopo la pubblicazione dei rapporti dell’azienda.

“La risposta del signor Danchenko a questa domanda era vera, perché non ha mai parlato [Dolan] “Hanno parlato di accuse specifiche nei rapporti aziendali, ma anche di questioni ‘correlate’ relative alle accuse successivamente pubblicate in quei rapporti”, hanno scritto gli avvocati di Donchenko.

Hanno aggiunto che la domanda dell’agente dell’FBI è stata formulata proprio perché lo scambio di e-mail tra Donchenko e Dolan non suonava come una “conversazione”.

“Parlare si riferisce alla comunicazione attraverso parole pronunciate, non per iscritto”, hanno affermato i sostenitori.

Durham ha sostenuto all’udienza di giovedì che “nel dizionario attuale, ‘parlare’ ha significati diversi”.

READ  2 morti, 5 feriti a San Pedro sparando vicino a Beck Park

“Sapeva esattamente cosa stava cercando l’FBI; conosceva il contesto in cui gli era stato chiesto”, ha detto Durham, aggiungendo che Danchenko non ha fornito agli investigatori scambi di e-mail su Manafort perché aveva consegnato altro materiale. gli avvocati hanno affermato che le informazioni nel dossier Steele erano in realtà “pubbliche”. Le fonti delle notizie” provenivano da, non da Dolan.

Gli avvocati di Donchenko hanno sostenuto che le sue dichiarazioni all’FBI nel 2017 – secondo cui “credeva” che Million l’avesse contattata in modo anonimo in una telefonata e condiviso informazioni su Trump e la Russia – fossero “letteralmente vere” e non potessero essere considerate una bugia criminale. .

Durham ha detto che un’e-mail mostra che Danchenko non ha mai parlato con Million fino all’8 agosto 2016. I pubblici ministeri affermano che Danchenko ha detto che il chiamante anonimo l’ha contattata settimane prima di quella data.

“Sapeva che non era successo, non era il milione che lo chiamava”, ha detto Durham.

Il pannello del consiglio speciale aveva precedentemente rivelato che il milione non era stato trovato. Gli avvocati di Donchenko hanno sostenuto separatamente giovedì che diverse e-mail relative a Donchenko da parte di Million a un giornalista russo non dovrebbero essere ammesse come prove nel processo “senza che al signor Donchenko sia stata concessa l’opportunità di interrogare Million”.