Giugno 14, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Segretario alla Difesa americano elogia i partenariati di sicurezza in Asia di fronte alle minacce di Russia e Cina

Il Segretario alla Difesa americano elogia i partenariati di sicurezza in Asia di fronte alle minacce di Russia e Cina


Singapore
CNN

Sabato il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin ha elogiato l’arrivo di un “nuovo riavvicinamento” nella regione dell’Indo-Pacifico, in un momento in cui gli Stati Uniti stanno rafforzando i loro partenariati strategici e di sicurezza nella regione tra le crescenti minacce provenienti da Cina e Russia.

“Oggi stiamo assistendo a una nuova convergenza su quasi tutti gli aspetti della sicurezza nella regione dell’Indo-Pacifico”, ha affermato Austin allo Shangri-La Security Dialogue Forum di Singapore.

“Questa nuova convergenza produce una rete di partenariati più forte, più resiliente e più capace. Ciò definisce una nuova era di sicurezza nella regione dell’Indo-Pacifico”.

Austin ha affermato che la nuova convergenza non è “una singola alleanza o coalizione”, ma piuttosto “un insieme di iniziative e istituzioni sovrapposte e complementari, guidate da una visione condivisa e da un senso condiviso di impegno reciproco”.

All’orizzonte di questa visione regionale si profila una Cina più assertiva, alla quale Austin alludeva senza menzionarla per nome.

Ha detto che il riavvicinamento non significa “imporre la volontà di un paese” o “bullismo o coercizione”, ma piuttosto principi e convinzioni condivise tra cui “la risoluzione pacifica delle controversie attraverso il dialogo – non la coercizione o il conflitto”. E certamente non attraverso la cosiddetta punizione.

La dichiarazione sembra essere un riferimento implicito alle esercitazioni militari cinesi attorno a Taiwan la settimana scorsa, che secondo Pechino rappresentano una “forte punizione” per le “azioni separatiste” dell’isola autogovernata. La massiccia dimostrazione di forza è arrivata pochi giorni dopo che Taiwan ha prestato giuramento al suo nuovo leader democraticamente eletto, Lai Ching-te, che ha invitato Pechino a fermare le sue tattiche intimidatorie.

READ  Gavin Williamson, ministro britannico, si dimette dopo le accuse di bullismo

Austin ha affermato che il nuovo riavvicinamento ha aiutato gli Stati Uniti a realizzare “progressi storici” negli ultimi tre anni. Abbiamo rafforzato la stabilità nella penisola coreana. Abbiamo sostenuto lo status quo nello Stretto di Taiwan. Abbiamo difeso lo stato di diritto nel Mar Cinese Meridionale”.

Sotto la presidenza di Joe Biden, gli Stati Uniti hanno rafforzato le relazioni con alleati e partner che la pensano allo stesso modo nella regione dell’Asia-Pacifico per affrontare una Cina in ascesa, che sotto la guida di Xi Jinping è diventata sempre più assertiva e aggressiva nei confronti dei suoi numerosi confini marittimi e territoriali. rivendicazioni nella regione — da Taiwan. Verso il Mar Cinese Orientale e Meridionale.

Questi sforzi per rafforzare le relazioni americane hanno fatto arrabbiare Pechino, che accusa Washington di condurre una campagna di “accerchiamento e repressione” della Cina.

L’attenzione di Austin sulla “nuova convergenza” nella regione dell’Asia-Pacifico sembra aver toccato il cuore della delegazione cinese presente tra il pubblico.

Nella sessione di domande e risposte, un colonnello cinese ha chiesto ad Austin se gli Stati Uniti stessero pianificando di costruire un sistema di alleanze simile alla NATO nella regione dell’Asia-Pacifico, e ha incolpato la NATO per la guerra in Ucraina.

“L’espansione dei confini orientali della NATO ha portato alla crisi ucraina. Quali conseguenze pensate che avrà l’aggiustamento del sistema di alleanze degli Stati Uniti nella regione dell’Asia-Pacifico sulla sicurezza e la stabilità di questa regione?”, ha chiesto il senior Cao Yanzhong colonnello e ricercatore presso l’Istituto per lo studio della guerra dell’Accademia.

“Sono rispettosamente in disaccordo con la tua opinione secondo cui l’espansione della NATO ha causato la crisi in Ucraina”, ha risposto Austin, suscitando un raro applauso dal pubblico.

READ  Il presidente della Corea del Sud avverte di una repressione mentre lo sciopero dei camionisti entra nel secondo giorno

“È chiaro che la crisi ucraina è dovuta alla decisione di Putin di invadere illegalmente il suo vicino”.

Lo scambio è avvenuto il giorno dopo che Austin ha tenuto i suoi primi colloqui diretti con il ministro cinese della Difesa nazionale, l’ammiraglio Dong Jun, a margine del forum della difesa.

I rari colloqui tra i ministri della Difesa statunitense e cinese hanno toccato una serie di questioni controverse, tra cui Taiwan e le relazioni della Cina con la Russia, oltre agli attriti nel Mar Cinese Meridionale.

Sabato, Austin ha menzionato l’incontro con Dong nel suo discorso, dicendo che hanno avuto una “discussione schietta”.

“Non c’è alternativa ai colloqui militari diretti tra gli alti dirigenti. “Non vi è alcun sostituto per linee di comunicazione aperte per evitare incomprensioni e valutazioni errate”, ha affermato, aggiungendo che attende con impazienza ulteriori colloqui con la Cina.

Austin ha anche affermato l’impegno degli Stati Uniti nei confronti del trattato di difesa con le Filippine, definendolo “rigoroso”.

Venerdì il presidente filippino Ferdinand Marcos Jr. ha denunciato azioni illegali, coercitive e aggressive nel Mar Cinese Meridionale durante l’apertura di un forum sulla difesa, affermando che la pace, la stabilità e la prosperità nelle acque vengono minate da altri attori, senza menzionare la Cina per nome.

Austin ha inoltre riaffermato l’impegno degli Stati Uniti nei confronti della regione dell’Asia-Pacifico, affermando che la pace e la stabilità in tutta la regione sono cruciali per il mondo intero.

“Gli Stati Uniti possono essere sicuri solo se l’Asia è sicura. Ecco perché gli Stati Uniti mantengono da tempo una presenza in questa regione. Ecco perché continuiamo a fare gli investimenti necessari per rispettare i nostri impegni con i nostri alleati e partner”.

READ  I manifestanti francesi si sono mobilitati contro il piano pensionistico di Macron, ma in numero minore del previsto