Novembre 30, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il petrolio scende mentre la domanda cinese preoccupa i timori di recessione

Il petrolio scende mentre la domanda cinese preoccupa i timori di recessione
  • Brent e West Texas Intermediate sono in calo di quasi un dollaro dai massimi di cinque settimane
  • La decisione di limitare l’offerta dell’OPEC + ha fatto aumentare i prezzi
  • Il settore dei servizi cinese si contrae per la prima volta da mesi

LONDRA (Reuters) – I prezzi del petrolio sono scesi lunedì, facendo scattare cinque giorni di rialzo mentre gli investitori cercavano di rallentare l’attività economica in Cina, il più grande importatore di greggio al mondo, facendo rivivere i timori di una recessione globale e il calo della domanda globale di carburante.

I future sul greggio Brent per la liquidazione di dicembre sono scesi dell’1,1% e sono scesi di 40 centesimi, o dello 0,4%, a $ 97,52 al barile entro le 1240 GMT.

Il greggio West Texas Intermediate per la consegna di novembre è sceso dell’1,1% e l’ultimo a $ 92,29, in calo di 35 centesimi, o dello 0,4%.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

I dati di sabato hanno mostrato che l’attività di servizi in Cina nel mese di settembre si è contratta per la prima volta in quattro mesi poiché le restrizioni COVID-19 hanno pesato sulla domanda e sulla fiducia delle imprese. Leggi di più

Il rallentamento in Cina, il secondo consumatore mondiale di petrolio dopo gli Stati Uniti, si aggiunge alle crescenti preoccupazioni per una possibile recessione globale causata dall’aumento dei tassi di interesse da parte di molte banche centrali per combattere l’elevata inflazione.

“Il petrolio … è influenzato dal triplo smacco della debolezza economica cinese, dall’inasprimento della politica monetaria statunitense e dall’intervento SPR dell’amministrazione Biden”, ha affermato in una nota Stephen Innes, amministratore delegato di SPI Asset Management.

READ  Questo indicatore dell'inflazione attentamente osservato ha mostrato una certa calma a luglio

Ennis si riferiva alla possibilità di ulteriori rilasci dalla riserva petrolifera strategica degli Stati Uniti il ​​mese prossimo in risposta alla decisione della scorsa settimana dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) e degli alleati, inclusa la Russia, nota come OPEC+, di tagliare il loro obiettivo di produzione. Di 2 milioni di barili al giorno. Leggi di più

Brent e West Texas Intermediate hanno registrato i loro maggiori guadagni percentuali settimanali da marzo dopo l’annuncio del taglio.

I tagli dell’OPEC+, che precedono il divieto dell’Unione Europea sul petrolio russo, spremeranno le forniture in un mercato già ristretto. Le sanzioni dell’UE sul greggio e sui prodotti petroliferi russi entreranno in vigore rispettivamente a dicembre e febbraio.

“La decisione dell’OPEC+… avrà un lieve impatto sul mercato della fornitura di petrolio poiché i tagli alla produzione effettivi saranno minori”, ha affermato lunedì l’agenzia di rating Fitch, aggiungendo che il gruppo combinato stava già producendo meno delle sue quote precedenti.

Ha aggiunto che “le aspettative di stagnazione economica porteranno a una diminuzione della domanda di petrolio”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Noah Browning Reporting) Reporting aggiuntivo di Florence Tan ed Emily Chow Montaggio di Louise Heavens e David Goodman

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.