Maggio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il reclutamento della NCAA è qui per il gioco dei soldi e la sorpresa è la velocità con cui è avvenuto

Il reclutamento della NCAA è qui per il gioco dei soldi e la sorpresa è la velocità con cui è avvenuto

Venerdì un giudice federale del Tennessee ha concesso un'ingiunzione preliminare che impedisce alla NCAA di applicare le proprie regole contro il pay-to-play nel reclutamento. Con effetto immediato, le squadre possono negoziare nome, immagine e unità con le reclute senza timore di sanzioni NCAA.

La mia prima reazione alla notizia: rende obsoleta l'intera trama di “Blue Chips”.

Se non hai mai visto quel classico film sul basket universitario del 1994, ecco i dettagli chiave: Nick Nolte interpreta Pete Bell che vende la sua anima e lascia che un booster compri alcuni ragazzi. Il centro Stud Neon Boudeaux (interpretato da Shaquille O'Neal) riceve una nuova macchina. La madre di Butch McCray (Penny Hardaway) trova una casa. Un grosso e vecchio trattore arriva nella fattoria di Ricky Rowe (l'ex big man dell'Indiana Matt Novar).

Ma un giornalista investigativo viene a conoscenza della mossa. Le cose non sono finite bene per Coach Bell.

Vai più in profondità

Il giudice federale impedisce alla NCAA di far rispettare le regole NIL

Ne parlo perché nel 1994, anche un non appassionato di basket sapeva che pagare i ragazzi delle scuole superiori era un peccato capitale. Questo presupposto è così radicato nelle persone che un intero film è basato su una violazione della NCAA che non ha bisogno di spiegare perché sia ​​una regola.

Questa immagine è stata rilasciata il 18 febbraio 1994, quasi 30 anni fa, quando il giudice Clifton L. Corker ha risolto l'errore con la NCAA, consentendo ai Neon Boudeaux e ai Ricky Roes del mondo di ottenere le loro auto e i loro soldi. .

Le perdite in tribunale della NCAA sono arrivate così velocemente e furiosamente ultimamente che dovresti fermarti un momento e pensare a quanto siano importanti alcune di queste decisioni.

READ  Rafael Nadal, imbattuto, ha vinto il suo 14° titolo Open di Francia

Fino al 2021, un atleta non sarà idoneo se acquista un hamburger. Oggi, grazie a una raffica di stati che approvano leggi che costringono la NCAA a consentire pagamenti NIL, Caitlin Clark può apparire in uno spot pubblicitario della State Farm e nessuno batte ciglio.

Per decenni è stato accettato che i giocatori avrebbero dovuto restare fuori per un anno se si fossero trasferiti in una nuova scuola. A dicembre, un giudice del West Virginia ha emesso un'ingiunzione che consente agli atleti di trasferirsi immediatamente e giocare quante volte vogliono.

Ora, uno dei principi fondanti dell’atletica universitaria nel corso della sua esistenza – non pagare per il reclutamento – è andato in fumo in meno di tre settimane.

Il 30 gennaio, il presidente del Tennessee Donde Plowman ha scritto una lettera al presidente della NCAA Charlie Baker, intromettendosi nel sistema per aver tentato di sanzionare la scuola per il reclutamento del quarterback a cinque stelle Nico Iamaleava per aver stipulato un lucroso contratto NIL con l'affiliata del Tennessee Spire Sports. L'argomento in sé – secondo cui i gruppi di sostegno non dicono che la NCAA non può impegnarsi apertamente nel reclutamento – era ridicolo. Ma ha offerto l’occasione perfetta per sfidare la regola di base.

Come previsto, i procuratori generali del Tennessee e della Virginia hanno intentato una causa federale sostenendo che le restrizioni NIL della NCAA violavano la legge antitrust. Corker ha negato la richiesta dei ricorrenti di un'ingiunzione temporanea, ma venerdì ha emesso un'ingiunzione preliminare con lo stesso effetto:

“Con effetto immediato, alla NCAA è vietato e vietato applicare la politica NIL provvisoria della NCAA, lo statuto della NCAA o qualsiasi altra autorità disciplinare. inclusa ma non limitata alla determinazione completa e finale del merito dell'azione istantanea, inclusa ma non limitata ai booster o al gruppo di booster.”

La NCAA può ancora sperare di esaminare il caso e ripristinare le sue politiche precedenti, ma sia nelle sue decisioni TRO che ingiuntive, Corker ha stabilito che “(i) querelanti hanno dimostrato una ragionevole probabilità di successo nella loro richiesta di risarcimento Sherman Act”. Sarebbe saggio risparmiare qualche milione di dollari in ore fatturabili su un'altra difesa perdente.

READ  Rubata la casa di Lori Loughlin e Mossimo Giannulli, rubato gioielli per un valore di 1 milione di dollari

Negli ultimi tre anni, allenatori e amministratori hanno definito il crescente impatto del NIL sul reclutamento “selvaggio, selvaggio West”. Un'altra frase famosa: “Non è destinato a essere NIL”. Loro e gruppi di pubblico che la pensano allo stesso modo considereranno il giudizio di Corker come un incubo.

Scelgo un'altra parola: inevitabile.

La NCAA non ha avuto altra scelta che abbracciare finalmente il NIL nel 2021, perché politici con opinioni diverse in diversi stati si sono mobilitati attorno alla causa. Ma ha provato a fare un piede dentro e uno fuori. “Va bene, va bene. Puoi guadagnare soldi. Ma possiamo dirti chi sei altrimenti non ti è permesso guadagnare quei soldi.

Il prossimo caso disperato in attesa di verificarsi, il caso del Tennessee ha spinto a provarci.

“Alla luce degli altri casi antitrust pendenti contro la NCAA… il significato della sentenza odierna non può essere sopravvalutato”, ha affermato Tom Mars, un avvocato che rappresenta Spire Sports. “Questo è il primo domino a cadere, e quello che sta succedendo con altri casi antitrust pendenti ora sembra inevitabile. Gli avvocati della NCAA dovrebbero esserne consapevoli.

Nel frattempo, anche senza intervento legale, la NCAA ha perso da tempo la sua battaglia contro la collusione. Mentre gli investigatori alla fine hanno scoperto il Tennessee, ogni altra grande scuola sportiva ora ha i propri “contratti NIL” per le reclute attuali e potenziali per far finta di non pagare per giocare.

Almeno per ora, possono porre fine alla lotta.

“La gente considererà questo (risultato) come, 'Wow, è pazzesco', ma in realtà aiuta a convalidare quello che sta succedendo”, ha detto Walker Jones, direttore esecutivo del Grove Collective di Ole Miss. “I giocatori ora possono avere tutte le informazioni (sui potenziali clienti NIL) per prendere una decisione più informata.

READ  La Russia occupa l'Ucraina e le notizie di Vladimir Putin

“Riconosce le realtà del mercato, piuttosto che aggrapparsi a un modello arcaico.”

per andare più in profondità

Quell'archetipo non è ancora del tutto morto. La sentenza di Corker è un'ingiunzione, non una decisione definitiva. Ci vorranno anni per decidere altri casi legali relativi alla questione se gli atleti debbano essere considerati dipendenti o abbiano diritto a una riduzione delle entrate televisive.

Ma anche il più ardente sostenitore del tradizionale dilettantismo NCAA sarebbe sicuramente d'accordo sul fatto che la festa è finita. Baker ha già proposto cambiamenti radicali che permetterebbero alle scuole di compensare direttamente gli atleti.

Un po' tristemente, non vedremo mai il riavvio dello studio cinematografico “Blue Chips” con Zach Eddy e Victor Wembanyama. Nessuno prende sul serio la presunzione della NCAA secondo cui l'allenatore è il cattivo, non il libro delle regole.

(Foto: Foto NCAA tramite C. Morgan Engel/Getty Images)