Giugno 21, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Modi si aspettava di mantenere il potere, ma le prime statistiche in India indicano che questa non sarà la vittoria schiacciante che aveva sperato.

Modi si aspettava di mantenere il potere, ma le prime statistiche in India indicano che questa non sarà la vittoria schiacciante che aveva sperato.

NUOVA DELHI – Martedì la coalizione guidata dal primo ministro Narendra Modi ha ottenuto la maggioranza dei seggi Elezioni generali in IndiaMa secondo i numeri parziali, ha dovuto affrontare una sfida da parte dell’opposizione più forte del previsto dopo essere stato alle prese con i risultati economici contrastanti del leader e la polarizzazione politica.

Sembrava improbabile che il suo partito nazionalista indù riuscisse a ottenere la maggioranza da solo, secondo i conteggi in corso, nonostante le speranze pre-elettorali per una vittoria schiacciante – ma si prevede comunque che Modi venga eletto per un terzo mandato di cinque anni nelle elezioni. La più grande pratica democratica del mondo.

Se la tendenza continua, sarà un duro colpo per il leader 73enne, che non è mai stato nella posizione di dover fare affidamento sui partner della sua coalizione per governare.

Il conteggio di oltre 640 milioni di voti in sei settimane avrebbe richiesto un giorno intero e i numeri preliminari potrebbero cambiare.

Durante i suoi dieci anni al potere, Modi ha trasformato il panorama politico indiano, apportando… Nazionalismo indùUna volta era un’ideologia marginale in Indianel mainstream lasciando il paese profondamente diviso.

I suoi sostenitori lo vedono come un leader forte e autodidatta, che è riuscito a migliorare la posizione dell’India nel mondo. Dicono di lui i suoi critici e i suoi oppositori Innanzitutto la politica indù Ha generato intolleranza, mentre l’economia, la quinta più grande del mondo e una di quelle in più rapida crescita, è diventata più disuguale.

Alcuni 10 ore contandoLe statistiche parziali annunciate dalla Commissione elettorale indiana mostrano che il partito Bharatiya Janata di Modi è in testa in 196 distretti elettorali e ha ottenuto 45 seggi su 543 seggi parlamentari, compreso un seggio per acclamazione. Il principale partito d’opposizione, il Partito del Congresso, è avanzato in 83 distretti elettorali e ne ha vinti 15.

Per ottenere la maggioranza sono necessari 272 seggi. Nel 2019, il BJP ha ottenuto 303 seggi, mentre nel 2014, quando Modi salì per la prima volta al potere, ne ottenne 282.

READ  L'attacco di un elefante uccide una donna americana nel Parco nazionale di Kafue in Zambia

Il partito di Modi fa parte dell’Alleanza Nazionale Democratica, i cui membri si sono presentati in 236 distretti elettorali e ne hanno vinti 50, secondo il conteggio parziale. Il Partito del Congresso fa parte Alleanza dell’IndiaSi presentò in 211 distretti elettorali e ne vinse 19.

La Commissione elettorale non pubblica dati sulla percentuale dei voti conteggiati.

I sondaggi d’opinione condotti durante il fine settimana prevedevano che la NDA avrebbe vinto più di 350 seggi. I mercati indiani, che lunedì hanno toccato i massimi storici, martedì hanno chiuso in netto ribasso, con i due indici azionari di riferimento – NIFTY 50 e BSE Sensex – in calo di oltre il 5%.

Per Payal, residente nella città settentrionale di Lucknow che usa un solo nome, le elezioni riguardavano l’economia e l’enorme numero di persone che vivono in povertà in India.

“Le persone soffrono, non c’è lavoro e le persone si trovano in una situazione in cui i loro figli devono preparare il tè e venderlo per strada”, ha detto Payal. “Questo è un grosso problema per noi. Se non ci svegliamo adesso, quando ci sveglieremo?”

Se Modi vincesse, sarebbe solo la seconda volta che un leader indiano manterrebbe il potere per un terzo mandato dopo Jawaharlal Nehru, il primo primo ministro del Paese.

Ma se il BJP sarà costretto a formare una coalizione, il partito probabilmente farà molto affidamento sulla buona volontà dei suoi alleati, rendendoli attori cruciali dai quali possiamo aspettarci di avere il suo peso, sia in termini di policy-making che di politica pubblica, ha detto Milan Vaishnav, direttore del Programma Asia Meridionale presso la Fondazione Carnegie International Peace: “Formazione del governo”.

“Questo sarà davvero un territorio inesplorato, sia per gli indiani che per il Primo Ministro”, ha aggiunto.

Prima che Modi salisse al potere, l’India ha avuto governi di coalizione per 30 anni. Il BJP ha sempre goduto della maggioranza da solo, pur continuando a governare in coalizione.

READ  Notizie sulla guerra tra Russia e Ucraina: aggiornamenti in tempo reale

Calore estremo Colpisci l’India Mentre gli elettori si recavano alle urne. Mentre martedì le temperature erano leggermente più basse, i funzionari elettorali e i partiti politici stavano ancora raccogliendo grandi quantità di acqua e installando refrigeratori d’aria esterni per le persone in attesa dei risultati.

Fuori dalla sede del partito Bharatiya Janata a Nuova Delhi, i sostenitori hanno suonato tamburi e campanelli mentre era in corso il conteggio dei voti. In precedenza, i lavoratori del partito eseguivano rituali indù.

Nel frattempo, i sostenitori del Congresso guardavano ottimisti alla sede del partito e scandivano slogan inneggianti a Rahul Gandhi, il volto della campagna del partito.

In una conferenza stampa, il leader del Congresso Mallikarjun Kharge ha affermato che la forte performance dell’alleanza è stata una “vittoria per la democrazia” e una “perdita morale e politica” per Modi.

Gandhi ha aggiunto che questi numeri erano un messaggio dalla gente: “Le persone più povere di questo paese hanno difeso la Costituzione dell’India”.

In oltre un decennio al potere, la popolarità di Modi ha superato quella del suo partito, e ha trasformato le elezioni parlamentari in elezioni che somigliano sempre più alle elezioni parlamentari. Campagna in stile presidenziale. Il risultato è che il BJP fa sempre più affidamento sull’approccio perpetuo di Modi per rimanere al potere, con i politici locali che passano in secondo piano anche nelle elezioni statali.

“Modi non è stato solo il principale attivista, è stato l’unico attivista in queste elezioni”, ha detto Yamini Aiyar, un ricercatore di politiche pubbliche.

I critici di Modi affermano che la democrazia del Paese sta vacillando sotto il suo governo, che ha sempre più utilizzato tattiche forti per soggiogare gli oppositori politici, fare pressione sui media indipendenti e reprimere il dissenso. Il governo respinge tali accuse e afferma che la democrazia prospera.

READ  Agenti russi minacciano di reclusione i rappresentanti di Google e Apple

Il malcontento economico è peggiorato sotto Modi. Mentre i mercati azionari raggiungono livelli record e il numero dei milionari si moltiplica, i tassi di disoccupazione giovanile salgono alle stelle Solo una piccola parte degli indiani Approfittando del boom.

All’apertura delle urne a metà aprile, il BJP inizialmente era fiducioso Ha concentrato la sua campagna Sulle “Garanzie Modi”, evidenziando i risultati economici e sociali che secondo il suo partito hanno portato alla riduzione della povertà. Con lui al timone, “l’India diventerà un paese sviluppato entro il 2047”, ha ripetuto Modi in un comizio elettorale dopo l’altro.

Ma la campagna è diventata sempre più tumultuosa, poiché Modi ha intensificato la sua retorica mirata e polarizzante I musulmani costituiscono il 14% della popolazione È una tattica volta a dare energia ai suoi elettori a maggioranza indù.

L’opposizione India Alliance ha attaccato Modi per le sue politiche nazionaliste indù e ha condotto una campagna su questioni di disoccupazione, inflazione e disuguaglianza.

Ma l’ampia coalizione, che comprende più di una dozzina di partiti politici, è afflitta da disaccordi e spaccature ideologiche, che sollevano dubbi sulla sua efficacia. Allo stesso tempo, anche la coalizione ha affermato di sì Ingiustamente preso di miraIndicando una serie di raid, arresti e indagini sulla corruzione contro i loro leader da parte di agenzie federali che, secondo loro, sono motivate politicamente. Il governo lo ha negato.

Nella capitale finanziaria, Mumbai, Mangesh Mahadeshwar è stato uno dei tanti rimasti sorpresi dall’andamento delle elezioni.

“Ieri pensavamo che il BJP avrebbe ottenuto più di 400 seggi”, ha detto un uomo di 52 anni che stava monitorando i risultati nel ristorante dove lavora. “Oggi sembra che ciò non accadrà, la gente questa volta non ha sostenuto molto il BJP”.

___

I giornalisti dell’Associated Press David Rising a Nuova Delhi e Rafiq Maqbool a Mumbai, in India, hanno contribuito a questa storia.