Luglio 13, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Malesia afferma che Pechino è preoccupata per i progetti energetici nel Mar Cinese Meridionale

La Malesia afferma che Pechino è preoccupata per i progetti energetici nel Mar Cinese Meridionale

KUALA LUMPUR (Reuters) – Il primo ministro malese Anwar Ibrahim ha dichiarato martedì che Pechino ha espresso preoccupazione per le attività energetiche dell’azienda statale malese Petronas nel Mar Cinese Meridionale, anche se Kuala Lumpur ritiene che i progetti siano sul suo territorio.

Le osservazioni di Anwar arrivano dopo che ha aperto la porta ai negoziati con la Cina all’inizio di questa settimana, in riferimento alla crescente pressione sulle operazioni energetiche malesi nelle acque che Pechino sostiene essere di sua proprietà.

La Cina rivendica la sovranità su quasi tutto il Mar Cinese Meridionale, attraverso il quale passano ogni anno 3 trilioni di dollari di commercio marittimo. Malesia, Brunei, Filippine, Taiwan e Vietnam hanno rivendicazioni sovrapposte.

Petronas gestisce giacimenti di petrolio e gas all’interno della zona economica esclusiva (ZEE) di 200 miglia della Malesia e negli ultimi anni ha avuto diversi incontri con navi cinesi.

Rispondendo a un’interrogazione parlamentare sulle sue discussioni sul Mar Cinese Meridionale durante la sua visita in Cina la scorsa settimana, Anwar ha affermato che la Cina è preoccupata dal fatto che “Petronas abbia svolto attività significative in un’area rivendicata anche dalla Cina”.

“Ho sottolineato… che la Malesia considera l’area come territorio malese e quindi Petronas continuerà le sue attività di esplorazione lì”, ha detto Anwar, senza specificare un progetto marino o una posizione.

Ma Anwar ha affermato che la Malesia è aperta ai negoziati “se la Cina ritiene che sia giusto”, aggiungendo che il blocco dell’ASEAN ritiene che le rivendicazioni sovrapposte debbano essere risolte attraverso i negoziati.

Petronas ha rifiutato di commentare e non è stato possibile raggiungere l’ambasciata cinese a Kuala Lumpur per un commento.

READ  Il Consiglio di Sicurezza dell'ONU approva una risoluzione sulla guerra tra Israele e Hamas, con l'astensione degli Stati Uniti dal voto

La Cina rivendica il suo territorio attraverso la “linea delle nove divisioni” sulle sue mappe, che tagliano le zone economiche esclusive di Vietnam, Filippine, Malesia, Brunei e Indonesia.

Tuttavia, nel 2016 la Corte permanente di arbitrato ha stabilito che la linea a nove trattini, che si estende fino a 1.500 chilometri al largo della sua costa, non ha basi legali.

Il think tank statunitense, l’Asian Maritime Transparency Initiative (AMTI), ha dichiarato la scorsa settimana che una nave della guardia costiera cinese ha operato nell’ultimo mese vicino allo sviluppo del gas Petronas a Kasawari, al largo dello stato malese del Sarawak, e si è avvicinata al progetto entro 1,5 miglia. L’AMTI ha detto che una nave della marina malese si trovava nell’area.

Il giacimento di Kasawari contiene circa 3 trilioni di piedi cubi di riserve di gas e dovrebbe iniziare la produzione quest’anno.

Lunedì, il ministero degli Esteri cinese ha dichiarato di non essere a conoscenza dell’incidente specifico, ma ha affermato che il comportamento della guardia costiera cinese è indescrivibile.

Nelle sue osservazioni parlamentari, Anwar ha affermato che la Cina ritiene che le sue navi si trovino in acque internazionali.

Anwar ha detto che il ministero degli Esteri malese emetterà una nota di protesta in caso di “collisione” tra navi malesi e cinesi.

(Segnalazione di Rosanna Latif) Scritto da A. Ananthalakshmi; A cura di Martin Beatty

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.