Giugno 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La perdita di Mercedes-Benz rallenta la campagna meridionale della UAW

La perdita di Mercedes-Benz rallenta la campagna meridionale della UAW

Dopo aver subito una battuta d’arresto in due stabilimenti Mercedes-Benz in Alabama venerdì, gli sforzi del sindacato United Auto Workers per organizzare altri stabilimenti automobilistici nel sud probabilmente rallenteranno e potrebbero avere difficoltà a fare progressi.

Circa il 56% dei lavoratori Mercedes che hanno votato hanno rifiutato l’UAW alle elezioni dopo che il sindacato ha ottenuto due vittorie chiave quest’anno. Ad aprile, i lavoratori di uno stabilimento Volkswagen nel Tennessee hanno votato per aderire a un sindacato, il primo grande produttore automobilistico non sindacale nel sud a farlo. Alcune settimane dopo, il sindacato ha negoziato un nuovo contratto che porta miglioramenti significativi nei salari e nei benefici ai suoi membri in diversi stabilimenti della Carolina del Nord di proprietà di Daimler Truck.

“Una perdita alla Mercedes non significa la morte del sindacato”, ha affermato Arthur Wheaton, direttore degli studi sul lavoro presso la School of Industrial and Labour Relations della Cornell University. “Significa solo che la loro fiducia nel passaggio al prossimo stabilimento sarà inferiore. La UAW è impegnata a lungo termine. Non penso che si fermeranno solo perché hanno perso qui.”

Dalla sua fondazione nel 1935, la UAW ha rappresentato quasi esclusivamente i lavoratori impiegati dalle tre case automobilistiche con sede nel Michigan: General Motors, Ford Motor Co. e Chrysler, che ora fa parte di Stellantis. Ha lottato a lungo per fare progressi nelle fabbriche di proprietà di produttori stranieri, soprattutto negli stati del sud dove il sentimento antisindacale è profondo.

I lavoratori dello stabilimento Volkswagen avevano votato due volte contro la rappresentanza dell’UAW prima dell’ultima vittoria del sindacato. Gli sforzi di dieci anni fa per organizzare una delle fabbriche della Mercedes non sono riusciti a raccogliere abbastanza sostegno per tenere le elezioni.

Gli ampi sforzi di organizzazione dei sindacati raramente vanno a buon fine, ha osservato Harley Chaiken, professore emerito all’Università della California, Berkeley. Negli anni ’30, la UAW ottenne il riconoscimento da General Motors e Chrysler, ma fece fatica alla Ford, che continuò ad impiegare lavoratori non sindacalizzati per alcuni anni.

“Non ho dubbi che continueranno ad organizzarsi e alla fine cercheranno di ottenere un altro voto”, ha detto.

Nei suoi precedenti sforzi nel Sud, il sindacato era stato ostacolato da un’immagine negativa, che potrebbe anche aver avuto un ruolo nella perdita dell’UAW alla Mercedes. Per molti anni, le tre case automobilistiche del Michigan hanno tagliato posti di lavoro e chiuso stabilimenti, in parte a causa di contratti di lavoro rigidi e costosi. Il sindacato è stato anche colpito da casi di corruzione che hanno messo dietro le sbarre diversi ex alti funzionari, tra cui due ex presidenti della UAW.

READ  Elon Musk ha licenziato l'intero team di sovralimentazione di Tesla

I leader aziendali in Alabama hanno condotto una campagna contro l’UAW basata in parte sull’affermazione che il sindacato era responsabile del declino di Detroit. In Opinione di gennaio Pubblicato sull’Alabama Daily News, CEO dell’Alabama Business Council, Helena Duncan, ha affermato che lo stato subirebbe la stessa sorte se i lavoratori votassero a favore della sindacalizzazione.

“Gran parte del declino della Motor City oggi deriva dalle richieste insostenibili che la UAW ha posto ai produttori di automobili, una mossa sconsiderata che ha inviato innumerevoli posti di lavoro a stati dove vige il diritto al lavoro come il nostro e un giorno ha paralizzato un grande paese.” “Grande città”, scrisse la signora Duncan.

Un anno fa, il sindacato ha eletto un nuovo presidente, Sean Fine, che è rimasto immune dagli scandali di corruzione e si è impegnato ad adottare un approccio più aggressivo nelle trattative contrattuali. Poi, lo scorso autunno, il sindacato ha ottenuto grandi guadagni in termini di salari e benefici nelle trattative con le case automobilistiche di Detroit, dopo scioperi mirati durati circa 40 giorni. Centinaia di lavoratori automobilistici nel Sud hanno iniziato a chiedere aiuto per organizzare i loro stabilimenti non sindacalizzati. La UAW ha risposto annunciando che spenderà 40 milioni di dollari per organizzare viaggi nei prossimi due anni.

“Non ho affatto paura”, ha detto Fine venerdì in Alabama dopo che il sindacato ha perso il voto della Mercedes. “Penso che i lavoratori vogliano i sindacati, penso che vogliano giustizia, e continueremo a fare quello che possiamo fare”.

In una dichiarazione, Mercedes ha sottolineato il suo rapporto diretto con i lavoratori e ha affermato che non vede l’ora di garantire che l’azienda “non sia solo il loro datore di lavoro preferito, ma un luogo da consigliare ad amici e familiari”.

Il sindacato ha indicato che prevede di concentrare i propri sforzi organizzativi su un altro stabilimento in Alabama, lo stabilimento Hyundai a Montgomery. Ma organizzare questo stabilimento potrebbe essere più difficile della campagna presso gli stabilimenti Mercedes, ha affermato Eric Gordon, professore di economia all’Università del Michigan che segue l’industria automobilistica.

READ  Stato di valutazione del crash test di Tesla Cybertruck rivelato da NHTSA e IIHS

L’UAW aveva alleati in Volkswagen e Mercedes. I sindacati sono un attore forte in Germania, dove hanno sede queste due società. Secondo la legge tedesca, i rappresentanti dei lavoratori devono occupare la metà dei seggi nel consiglio di sorveglianza dell’azienda, che è l’equivalente del consiglio di amministrazione americano.

Sia Volkswagen che Mercedes hanno gruppi chiamati comitati aziendali attraverso i quali manager e dipendenti discutono e negoziano questioni sul posto di lavoro e piani di produzione. Nella sua marcia verso lo stabilimento Volkswagen di Chattanooga, la UAW è stata sostenuta dal comitato aziendale dell’azienda e dall’IG Metall, il potente sindacato che rappresenta tutti i lavoratori automobilistici tedeschi.

La UAW non avrà questo tipo di supporto nello stabilimento Hyundai di Montgomery, ha detto Gordon. “In generale, le aziende automobilistiche coreane hanno rapporti più contraddittori con i sindacati rispetto ai produttori tedeschi”, ha affermato. “Le aziende coreane sono meno abituate a sedersi insieme in una sala conferenze con i sindacati”.

L’anno scorso, settimane dopo che la UAW aveva ottenuto aumenti salariali e previdenziali dalle tre case automobilistiche con sede nel Michigan, Hyundai annunciò che avrebbe aumentato drasticamente i salari per i suoi lavoratori nei prossimi quattro anni – una mossa ampiamente vista come un tentativo di indebolire… interesse per i lavoratori. Unisciti all’UAW

“La decisione di essere rappresentati dal sindacato spetta ai membri del nostro team”, ha affermato Hyundai in una nota.

Lo stabilimento di Montgomery produce due famose auto sportive, la Tucson e la Santa Fe, e impiega circa 4.000 lavoratori. La precedente campagna della UAW per organizzare l’impianto si è conclusa nel 2016 senza votazione.

Lo scorso autunno, il sindacato ha dichiarato che intendeva prendere di mira le fabbriche di proprietà di 10 case automobilistiche di proprietà straniera – Toyota, Honda, Hyundai, Nissan, BMW, Mercedes, Subaru, Volkswagen, Mazda e Volvo – e altre di proprietà di Tesla, che ha sede in Texas. . e due piccole startup di veicoli elettrici, Lucid e Rivian, entrambe con sede in California.

Il sindacato ha affermato che le fabbriche americane di proprietà di queste società straniere e americane impiegano circa 150.000 lavoratori in 13 stati.

Ma in Alabama, la UAW si trovò ad affrontare un ambiente forse più ostile che altrove. Durante la campagna elettorale alla Mercedes, il governatore Kay Ivey si è espresso contro il sindacato e ha guidato un gruppo di sei governatori del sud, tutti repubblicani, che hanno pubblicato una lettera in cui suggeriva che l’adesione a un sindacato potrebbe spingere le case automobilistiche a spostare i posti di lavoro fuori dai loro stati. Un importante politico dell’Alabama ha descritto l’UAW come “sanguisughe”.

READ  L'inflazione nel Regno Unito sta scendendo da un massimo di 41 anni mentre gli aumenti dei prezzi del carburante si attenuano

La Mercedes ha chiamato Nick Saban, il popolarissimo ex allenatore di football dell’Università dell’Alabama, per parlare ai lavoratori nel tentativo di convincerli a votare contro la UAW.

I sindacati sono tradizionalmente visti come un’istituzione del nord e spesso associati al movimento per i diritti civili, che allontana molte persone in Alabama, ha detto Gordon. “È un posto molto difficile per l’UAW”, ha detto.

Questo odio potrebbe anche rendere difficile per la UAW negoziare contratti che garantiscano aumenti di iscritti e altri guadagni anche se ottiene voti sindacali. I legislatori che si oppongono ai sindacati possono fare pressione sui datori di lavoro affinché non facciano concessioni significative nelle trattative.

Fine e la UAW hanno sostenuto che i sindacati sono il modo migliore per i lavoratori di chiedere salari più alti quando le case automobilistiche godono di forti vendite e profitti in Nord America.

Il sostegno pubblico ai sindacati è più forte di quanto lo sia stato negli ultimi anni, anche nel Sud. Quest’anno, 600 lavoratori di una fabbrica di autobus elettrici in Alabama hanno votato per aderire al sindacato Communications Workers of America. Una settimana fa hanno negoziato un nuovo contratto che prevedeva aumenti salariali e maggiori benefici.

Anche l’UAW e altri sindacati hanno goduto del sostegno del presidente Biden, che Lo scorso autunno si è unito ai lavoratori del settore automobilistico in sciopero in un picchetto nel Michigan. Il sindacato ha appoggiato Biden nelle elezioni di quest’anno.

Ma questa stretta associazione con il presidente potrebbe anche danneggiare la UAW con i lavoratori conservatori di uno stato del sud che favoriscono l’avversario di Biden, l’ex presidente Donald J. Trump. Fine e Trump si sono spesso criticati a vicenda, ma i sondaggi lo hanno dimostrato Una grande minoranza di famiglie sindacali sostiene l’ex presidente.