Giugno 21, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La stazione sciistica francese chiude definitivamente perché non c’è abbastanza neve

La stazione sciistica francese chiude definitivamente perché non c’è abbastanza neve

Colin Michael Baker/Alamy Live News

Seggiovia La Sambuy, qui raffigurata durante i mesi più caldi.



CNN

l’inverno sta arrivando. Per un’altra stazione sciistica francese ciò significa affrontare la realtà che non c’è abbastanza neve per continuare ad operare.

La città di La Sambuy, che gestisce una destinazione sciistica per famiglie vicino al Monte Bianco nelle Alpi francesi, ha deciso di smantellare i suoi impianti di risalita perché il riscaldamento globale ha ridotto la stagione sciistica a poche settimane, il che significa che non è più redditizio mantenerli aprire.

“In precedenza, ha nevicato praticamente dal 1 dicembre al 30 marzo”, ha detto alla CNN Jacques Dalix, sindaco di La Sambuie.

Ha aggiunto che lo scorso inverno ci sono state solo “quattro settimane di neve, e anche allora non c’era molta neve”. Ciò significa “molto rapidamente, sulla pista sono comparsi sassi e rocce”.

Dalix ha affermato che il resort potrà aprire per meno di cinque settimane nei mesi di gennaio e febbraio e prevede una perdita operativa annua di circa 500.000 euro (530.000 dollari). Il costo della sola manutenzione degli ascensori è di 80mila euro l’anno.

La Sambuy non è una località enorme, con solo tre impianti di risalita e alcune piste fino a 1.850 metri (circa 6.070 piedi).

02:16- Fonte: CNN

Il 90% del ghiaccio che circonda l’Antartide è scomparso in meno di un decennio

Ma con una gamma di piste che vanno dalle piste “nere” a quelle “verdi” per principianti e piste relativamente economiche, sono state apprezzate dalle famiglie che cercano un’esperienza più a bassa montagna rispetto a quella offerta dalle destinazioni più grandi e ad alta quota.

READ  Il tifone Muifa approda mentre milioni di persone in Cina si preparano a forti piogge e inondazioni

Il sito web del bollettino neve del Regno Unito On The Snow lo definisce “Luogo perfetto da visitareCon viste panoramiche eccezionali e tutto ciò di cui hai bisogno in un resort accogliente.”

Quest’estate, in un momento difficile per la pianificazione della stagione invernale, il Consiglio comunale di La Sambuie ha deciso di chiudere la stazione che gestisce dal 2016. Anche se è previsto lo smantellamento dell’infrastruttura sciistica il prima possibile, si spera che l’infrastruttura sciistica sarà smantellata il prima possibile. La città riesce ancora ad attrarre visitatori.

Il resort, che si propone anche come destinazione estiva per escursioni e attività all’aria aperta, diventerà invece un luogo dove “scoprire e proteggere la natura, camminare ed esercitarsi, se possibile”, ha affermato Dalix.

Sito web La Sambuy ora Contiene un messaggio che informa che la stazione sciistica è “chiusa definitivamente”. Il 10 settembre, a seguito di una decisione del consiglio comunale. “Grazie a tutti per la stagione 2023 della scorsa estate e per tutti gli anni meravigliosi che ho trascorso al vostro fianco”, si legge nel messaggio.

Olivier Chasignol/AFP/Getty Images

Il villaggio di Saint-Fermin nelle Alpi francesi ha smantellato il suo impianto di risalita nel 2022 a causa della diminuzione della neve invernale.

La Sambuy non è l’unica stazione sciistica francese ad affrontare il collasso. L’anno scorso San Fermin, un’altra piccola destinazione sciistica alpina, ha scelto di andare a rHa spostato il suo impianto di risalita dopo aver visto la stagione invernale diminuire Da mesi a settimane, una situazione di cui si imputa anche il cambiamento climatico.

Mountain Wilderness, un gruppo ambientalista francese, afferma di aver smantellato 22 impianti di risalita in Francia dal 2001 e stima che ci siano ancora 106 impianti di risalita abbandonati in 59 località del paese.

READ  La principale autorità vinicola australiana chiude gli uffici in Cina a causa del calo delle esportazioni

Secondo un rapporto pubblicato in agosto sulla rivista scientifica Nature Climate Change, il 53% delle 2.234 stazioni sciistiche esaminate in Europa si troveranno ad affrontare un “rischio molto elevato di nevicate” quando le temperature globali aumenteranno di 2 gradi Celsius (3,6 Fahrenheit) sopra la temperatura media. anno fa 2018. Livelli industriali, senza utilizzo di neve artificiale.

Un rapporto pubblicato a gennaio sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences ha rilevato che esiste “un’alta probabilità” che le temperature globali aumentino oltre la soglia dei 2 gradi Celsius entro la metà del secolo.

“Tutte le località di sport invernali in Francia sono colpite dal riscaldamento globale”, ha affermato Dalix di La Sambouie, soprattutto quelle ad un’altitudine media compresa tra 1.000 e 1.500 metri.

Tuttavia, non tutti nella loro città sono disposti ad arrendersi senza combattere.

Quest’anno è stata lanciata una petizione da un’associazione chiamata All Together For La Sambuy (Tous Ensemble Pour La Sambuy), chiedendo che il resort e gli altri siano mantenuti aperti adottando un nuovo modello più “durevole”, principalmente utilizzando una seggiovia. in estate per portare i visitatori in cima alla montagna,

La petizione ha raccolto più di 1.900 firme e, secondo Christian Bailey, presidente dell’associazione, il gruppo sta intraprendendo un’azione legale per ribaltare la decisione del consiglio comunale.

Ha detto che la chiusura è stata “dannosa” per la città e per il territorio locale, aggiungendo che la stazione sciistica è “un elemento sociale nella nostra piccola città di 7.500 persone”.

Daleks afferma che il motivo della chiusura è chiaro. Ha detto che “il riscaldamento globale sta chiaramente accadendo” e sta accadendo “più rapidamente di quanto gli scienziati si aspettassero”. Secondo lui, per le stazioni sciistiche sta diventando sempre più difficile operare, dato che molte di esse “dovono adattarsi” al nuovo clima.

READ  Gli incendi boschivi nel sud della Spagna costringono la città ad evacuare; Tre feriti