Febbraio 1, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La vasta campagna cinese ha fretta di rafforzare le sue difese contro il COVID

  • Ospedali e pompe funebri sono travolti dall’ondata di COVID
  • Alcuni paesi impongono regole sui test ai viaggiatori cinesi
  • La Cina registra un nuovo decesso per il virus Corona il 28 dicembre

SHANGHAI/PECHINO (Reuters) – La vasta campagna cinese, povera di risorse, sta correndo per potenziare le strutture mediche prima che centinaia di milioni di operai tornino dalle loro famiglie per le vacanze del capodanno lunare il prossimo mese dalle città colpite dal COVID-19. .

Dopo aver imposto il blocco del coronavirus più duro al mondo e test incessanti per tre anni, la Cina ha invertito la rotta questo mese verso la convivenza con il virus, lasciando sopraffatto il suo fragile sistema sanitario.

La revoca delle restrizioni, dopo diffuse proteste contro di esse, significa che COVID si sta diffondendo in gran parte senza controllo e potenzialmente infettando milioni di persone ogni giorno, secondo alcuni esperti di salute internazionale.

La Cina ha ufficialmente riportato un nuovo decesso per coronavirus mercoledì, in calo rispetto ai tre di martedì, ma i governi stranieri e molti epidemiologi ritengono che i numeri siano molto più alti e più di un milione di persone potrebbero morire l’anno prossimo.

La Cina ha affermato di contare solo i decessi di pazienti COVID per polmonite e insufficienza respiratoria come correlati a COVID.

Nella città sud-occidentale di Chengdu, mercoledì le pompe funebri erano affollate dopo il tramonto, con un flusso costante di auto che entravano in una di esse, che era strettamente sorvegliata dal personale di sicurezza.

Uno dei camionisti che lavorano al salone ha detto che le ultime settimane sono state particolarmente impegnative e che “un numero enorme di persone” era all’interno.

READ  Le Nazioni Unite affermano di avere "informazioni crescenti" che confermano l'esistenza di fosse comuni a Mariupol

Gli ospedali e le pompe funebri nelle principali città sono stati messi a dura prova, ma la preoccupazione principale sulla capacità del sistema sanitario di gestire un’ondata di infezioni è nelle campagne.

In una farmacia di Shanghai, Wang Caiyun, 53 anni, una donna delle pulizie della vicina provincia di Anhui, ha detto che stava comprando medicine per la sua famiglia a casa.

“Mio marito, mio ​​figlio, mio ​​nipote, mia madre, sono tutti infetti”, ha detto. “Non possono avere nessuna medicina, niente per la febbre o la tosse”.

Ogni anno centinaia di milioni di persone, la maggior parte delle quali lavora nelle fabbriche vicino alle coste meridionali e orientali, tornano nelle campagne per celebrare il capodanno lunare, che dovrebbe iniziare il 22 gennaio.

L’ondata di viaggi per le vacanze dovrebbe durare 40 giorni, dal 7 gennaio al 15 febbraio, hanno detto le autorità.

Il China Daily, gestito dallo stato, ha riferito giovedì che le aree rurali in tutta la Cina stanno potenziando le capacità di trattamento medico.

Ha detto che un ospedale in una parte rurale della Mongolia interna, che ospita più di 100.000 persone, stava cercando offerenti per un contratto da 1,9 milioni di yuan ($ 272.308) per aggiornare i suoi reparti a unità di terapia intensiva.

L’ospedale centrale della contea di Liancheng, nella provincia orientale del Fujian, cercava offerte per ambulanze e dispositivi medici, dai ventilatori ai monitor dell’elettrocardiogramma.

READ  La Corea del Sud ha dichiarato che la Corea del Nord ha lanciato almeno tre missili balistici a corto raggio

A dicembre, le offerte fatte dagli ospedali per attrezzature mediche chiave sono state da due a tre volte superiori rispetto ai mesi precedenti, secondo una revisione di Reuters che suggerisce che gli ospedali di tutto il paese si stavano affrettando a colmare le carenze.

requisiti di prova

Si prevede che la seconda economia più grande del mondo subirà un rallentamento della produzione industriale e del consumo interno nel breve termine a causa delle malattie dei lavoratori e degli acquirenti.

Il settore dei servizi ad alta intensità di contatto, che rappresenta quasi la metà della produzione economica cinese, è stato duramente colpito dalle restrizioni anti-virus del Paese, che hanno chiuso molti ristoranti e limitato i viaggi. Con la riapertura della Cina, molte aziende del settore dei servizi non hanno i fondi per espandersi.

La riapertura aumenta anche la possibilità che i turisti cinesi tornino nelle vie dello shopping di tutto il mondo, un tempo un mercato da 255 miliardi di dollari l’anno a livello globale. Ma alcuni paesi sono rimasti sorpresi dalla portata dell’epidemia e hanno messo in dubbio le statistiche COVID di Pechino.

Il bilancio ufficiale delle vittime in Cina ha raggiunto 5.246 dall’inizio della pandemia, rispetto a oltre 1 milione di morti negli Stati Uniti. Hong Kong, sotto il dominio cinese, ha registrato più di 11.000 morti.

Stati Uniti, India, Italia, Giappone e Taiwan hanno dichiarato che richiederanno test COVID per i viaggiatori provenienti dalla Cina. Il Telegraph ha riferito che la Gran Bretagna stava prendendo in considerazione una mossa simile.

Mercoledì gli Stati Uniti hanno emesso un avviso di viaggio consigliando agli americani di “riconsiderare i viaggi in Cina, Hong Kong e Macao” citando “rapporti sul sistema sanitario sopraffatto” insieme ai rischi di nuove varianti.

READ  Le navi russe che trasportavano grano ucraino rubato si sono allontanate dai porti del Mediterraneo, ma non solo

Il principale aeroporto della città italiana di Milano ha iniziato a testare i passeggeri in arrivo da Pechino e Shanghai il 26 dicembre e ha scoperto che quasi la metà di loro era infetta.

La Cina ha respinto le critiche alle sue statistiche come tentativi infondati e politicamente motivati ​​di diffamare le sue politiche. Ha anche minimizzato i rischi delle nuove varianti, dicendo che si aspettava che le mutazioni fossero più virulente ma meno gravi.

Funzionari sanitari cinesi hanno affermato questa settimana che Omicron rimane il ceppo dominante in Cina.

Australia, Germania, Tailandia e altri paesi hanno affermato che per ora non imporranno ulteriori restrizioni di viaggio.

Da parte sua, la Cina, che ha chiuso i suoi confini agli stranieri dall’inizio del 2020, smetterà di richiedere ai viaggiatori in arrivo di entrare in quarantena dall’8 gennaio.

($ 1 = 6,9774 yuan)

Segnalazione aggiuntiva di Martin Quinn Pollard a Chengdu. Scritto da Marius Zaharia. A cura di Lincoln Festa, Robert Purcell

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.