Giugno 17, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’accordo sulla spedizione di Ford Tesla EV sta mettendo sotto pressione GM

L’accordo sulla spedizione di Ford Tesla EV sta mettendo sotto pressione GM
  • Un accordo a sorpresa tra Ford Motor e Tesla sulla tecnologia e le infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici potrebbe esercitare una nuova pressione sulle strategie EV di altre case automobilistiche.
  • Il CEO di Ford Jim Farley e il CEO di Tesla Elon Musk hanno annunciato l’accordo giovedì durante una discussione audio dal vivo su Twitter Spaces.
  • L’analista di RBC Capital Tom Narayan ha affermato che l’accordo Ford-Tesla potrebbe essere negativo a breve termine per GM e altre case automobilistiche.

DETROIT – Un accordo a sorpresa tra Ford Motor e Tesla sulla tecnologia e le infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici potrebbe esercitare una nuova pressione sulle strategie EV di altre case automobilistiche.

Il rapporto tra i due concorrenti consentirà ai proprietari di Ford di accedere a più di 12.000 Tesla Supercharger negli Stati Uniti e in Canada, a partire dall’inizio del prossimo anno. Ancora più importante, la prossima generazione di auto elettriche di Ford, prevista per la metà del decennio, utilizzerà una presa di ricarica Tesla, consentendo ai proprietari di Ford di ricaricare i Tesla Supercharger senza un adattatore.

L’accordo renderà Ford tra le prime case automobilistiche a connettersi esplicitamente alla rete.

Il CEO di Ford Jim Farley e il CEO di Tesla Elon Musk hanno annunciato l’accordo giovedì durante una discussione audio dal vivo durante la giornata Spazi Twitter. Venerdì mattina, Farley ha riconosciuto che il collegamento creerebbe sfide per i concorrenti di Ford.

“Penso che General Motors e altri avranno una grande scelta”, ha detto su “Squawk Box” della CNBC.

I commenti di Farley hanno indicato quale presa EV dovrebbe essere standard per la ricarica negli Stati Uniti. Il caricabatterie noto come CCS è ora lo standard del settore. Le auto Tesla e la loro rete Supercharger utilizzano ciò che è noto come NACS. Altri veicoli possono utilizzare entrambi, ma necessitano di un adattatore.

READ  Le cancellazioni dei voli iniziano nel fine settimana del Memorial Day

“Il CCS è piuttosto standard, ma è stato in gran parte realizzato da un comitato, e penso che GM e altri avranno un’ottima scelta”, ha detto Farley alla CNBC. “Vogliono avere una spedizione veloce per i clienti? O vogliono attenersi ai loro standard e addebitare meno?”

Le azioni Ford sono aumentate di oltre il 7% durante le negoziazioni di venerdì, superando i $ 12 per azione. Le azioni Tesla sono aumentate di oltre il 5%, superando i 194 dollari per azione.

L’accordo Ford-Tesla potrebbe rivelarsi negativo a breve termine per GM e altre case automobilistiche che non hanno accesso a molti caricabatterie veloci, che sono fondamentali per espandere l’adozione di veicoli elettrici, ha affermato l’analista di RBC Capital Tom Narayan.

“Le notizie sono chiaramente positive per le azioni Ford oggi (e forse negative a breve termine per GM/STLA), ma alla fine, pensiamo che questo dovrebbe essere visto come Tesla che gioca a lungo”, ha detto venerdì Narayan in una nota per gli investitori.

Tesla afferma di avere circa 45.000 connettori Supercharger in tutto il mondo in 4.947 stazioni Supercharger. La società non separa quanti si trovano negli Stati Uniti Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti I rapporti indicano che il paese ha solo circa 5.300 caricabatterie rapidi CCS.

Senza affrontare specificamente i commenti di Farley, GM ha affermato di “ritenere che le reti e gli standard di ricarica aperti siano il modo migliore per consentire l’adozione di veicoli elettrici in tutto il settore”. GM ha affermato che sta lavorando con un gruppo di società e la Society of Automotive Engineers per sviluppare e migliorare ulteriormente lo standard di connettore aperto per CCS, che ha affermato essere importante per “costruire una rete di ricarica rapida aperta in tutto il Nord America”.

READ  SpaceX non subisce più perdite per produrre le antenne spaziali Starlink

La casa automobilistica di Detroit ha annunciato diverse partnership con i fornitori di ricarica per veicoli elettrici e ha spinto per un maggiore sostegno federale per tale infrastruttura.

Stellantis, che Narayan ha citato come un’altra società che potrebbe risentire degli effetti dell’accordo Ford-Tesla, non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Farley ha dichiarato giovedì che Ford è “pienamente impegnata” in un unico protocollo di ricarica statunitense che include una porta plug-in Tesla.

Quando Musk ha annunciato l’accordo con Farley, ha indicato che altre case automobilistiche sono in grado di utilizzare la rete Tesla Supercharger e I punti di spedizione dell’azienda.

“Lavorare con Ford, e forse con altri, può renderlo lo standard nordamericano, e penso che i consumatori staranno meglio per questo”, ha detto Musk giovedì.

Una Ford Mustang Mach-E completamente elettrica presso una stazione di ricarica Tesla Supercharger.

roccaforte

Tesla aveva precedentemente discusso di aprire la propria rete ad altri veicoli elettrici. I funzionari della Casa Bianca hanno annunciato a febbraio che Tesla si è impegnata ad aprire 7.500 delle sue stazioni di ricarica a conducenti di veicoli elettrici non Tesla entro la fine del 2024.

La ricarica pubblica dei veicoli elettrici è una delle principali preoccupazioni per i potenziali acquirenti e nessun produttore di automobili diverso da Tesla è riuscito a costruire la propria rete. Invece, pubblicizzano partnership con società esterne che spesso si rivelano inaffidabili e frustranti per i proprietari.

La maggior parte degli automobilisti negli Stati Uniti registra miglia da casa a località vicine. Ma gli acquirenti di veicoli elettrici che desiderano fare viaggi su strada più lunghi o che non hanno accesso a un garage con un caricabatterie, spesso si preoccupano di accedere a una ricarica pubblica affidabile.

READ  Choice fallisce nella sua acquisizione ostile di Wyndham, non esiste più un Hyatt Globalist economico e le cimici dei letti hanno davvero preso il sopravvento su Parigi? (Selezione del sabato)

Il problema sta peggiorando: almeno un tentativo di ricarica su cinque da parte dei conducenti è fallito l’anno scorso, secondo Uno studio sul trasporto merci in generale Rilasciato all’inizio di quest’anno da JD Power.

I Supercharger di Tesla sono classificati come i migliori per la soddisfazione complessiva del cliente, secondo un nuovo studio separato di J.D. Power.

L’analista di Wolfe Research Rod Lash ha definito l’accordo un “win-win” perché raddoppia l’accesso dei clienti Ford ai caricatori veloci e aumenta l’uso della rete di Tesla.

“Per Ford, l’accesso alla rete di Tesla aiuta a risolvere un importante punto dolente per i suoi clienti di veicoli elettrici, che altrimenti dovrebbero utilizzare fornitori di ricarica di terze parti”, ha affermato venerdì in una nota per gli investitori. Nel frattempo, per Tesla, l’aggiunta di clienti Ford contribuirà a incrementare l’utilizzo della rete, un fattore chiave della redditività.

Jim Farley e Elon Musk

Immagini Getty

L’analista di Morningstar, David Weston, ha affermato che l’accordo rappresenta un importante impulso all’accesso a caricabatterie veloci per Ford e i suoi clienti. Ha aggiunto che “mette una certa pressione sulle altre case automobilistiche legacy, ma se sei qualcuno come la General Motors, non penso che tu debba farti prendere dal panico”.

Weston ha detto che vorrebbe saperne di più sull’accordo, come il costo, la durata e altri dettagli che non sono stati resi pubblici.

Un portavoce di Ford ha detto che ulteriori informazioni sull’accordo saranno rilasciate nel periodo in cui Tesla Chargers aprirà ai proprietari di Ford all’inizio del prossimo anno.

canale CNBC Michael BlumE Laura Kolodny E Giovanni Rosevear Contribuisci a questo rapporto.