Dicembre 6, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le turbolenze del governo separatista catalano e gli intransigenti votano per il ritiro | Novità in Catalogna

Le turbolenze del governo separatista catalano e gli intransigenti votano per il ritiro |  Novità in Catalogna

In una votazione interna, il 55,7 per cento dei membri del partito di Gonets ha accettato di lasciare il governo di coalizione regionale della Catalogna.

Il governo di coalizione pro-indipendenza della Catalogna è sull’orlo del collasso dopo che il suo membro più giovane ha deciso di abbandonarlo, nella più grande crisi all’interno del movimento separatista della regione spagnola negli ultimi dieci anni.

In una votazione interna venerdì, il 55,7 per cento dei membri del partito di Goenz ha accettato di lasciare il governo di coalizione regionale nel mezzo di una disputa con il partito della sinistra repubblicana catalana (Esquera Republica de Catalunya) che guida l’amministrazione, ha affermato Gonets in una nota.

Il tasso di affluenza è stato del 79,1 per cento.

Il presidente catalano Pierre Aragones ha dichiarato che non indicherà elezioni anticipate. Invece, il suo coordinatore del partito di sinistra intende governare in minoranza.

Il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez ha chiesto “stabilità” in una conferenza stampa a Praga mentre partecipava a un vertice dell’UE.

“In questi tempi difficili e complessi, la stabilità dei governi è essenziale”, ha affermato.

“Sono a favore della stabilità, in questo caso per il governo della Catalogna”.

Un portavoce di Jones ha detto a Reuters prima che il risultato fosse annunciato che la sua leadership avrebbe rispettato il voto vincolante.

La presidente di Gonets, Laura Porras, ha dichiarato in una conferenza stampa a Barcellona che Aragones “ha perso la sua legittimità democratica”.

La crisi separatista è esplosa cinque anni dopo la caotica corsa all’indipendenza della Catalogna, che ha fatto precipitare la Spagna nella peggiore crisi politica degli ultimi decenni.

READ  Un ragazzo cinese se ne va in un turbine dopo aver segnalato errori di fatto nel video educativo del planetario

Eskera ha indicato nei giorni scorsi che non indirà elezioni anticipate se il suo socio al potere decide di dimettersi, ma governare da solo sarà difficile dato che il partito di sinistra non ha la maggioranza parlamentare. L’alleanza è stata costituita nel maggio 2021.

La disputa ruota attorno al ritmo verso l’indipendenza, una questione che divide i moderati e gli intransigenti.

Esquerra ha preferito negoziare con Madrid per concordare un referendum vincolante ed espandere il sostegno ai catalani per lasciare la Spagna. Un sondaggio di giugno ha mostrato che il 52% dei catalani si oppone all’indipendenza e il 41% la sostiene.

Guntz, che ha guidato il ricco nord-est quando il suo governo ha abbracciato l’indipendenza nel 2012, ha sostenuto un approccio più aggressivo ed ha evitato i colloqui con Madrid e forse una ripetizione del 2017.

La Catalogna ha quindi tenuto un referendum sull’indipendenza nonostante i divieti dei tribunali e di fronte all’opposizione di Madrid, e in seguito ha rilasciato una dichiarazione di indipendenza di breve durata. Diversi leader di spicco furono imprigionati per quasi quattro anni in relazione a questi eventi mentre altri andarono in esilio autoimposto.

Goenz ha annunciato l’intenzione di tenere un voto interno per rimanere nel governo la scorsa settimana dopo che il leader catalano ha licenziato il suo vice, che appartiene a Goenz, dopo che il partito ha proposto un voto parlamentare di fiducia al governo.