Febbraio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'esercito israeliano afferma di aver salvato due ostaggi durante il raid di Rafah; Funzionari di Gaza affermano che decine di palestinesi sono stati uccisi

L'esercito israeliano afferma di aver salvato due ostaggi durante il raid di Rafah;  Funzionari di Gaza affermano che decine di palestinesi sono stati uccisi

Rafah, Striscia di Gaza – L'esercito israeliano ha dichiarato di aver salvato due ostaggi dalla Striscia di Gaza in un drammatico raid sotto il fuoco lunedì scorso, segnando un piccolo ma simbolicamente importante successo nel suo tentativo di restituire più di 100 prigionieri ritenuti detenuti da Hamas. Secondo funzionari ospedalieri palestinesi, almeno 67 palestinesi sono stati uccisi negli attacchi aerei che facevano parte del raid.

Il raid è avvenuto nel Rafala città all'estremità meridionale della Striscia di Gaza, dove 1,4 milioni di palestinesi sono fuggiti per sfuggire ai combattimenti altrove. La guerra tra Israele e Hamas. La squadra di CBS News a Gaza ha riferito che durante la notte si sono sentiti forti colpi di arma da fuoco ed esplosioni in tutta Rafah e che decine di persone sono state uccise.

Il portavoce dell'esercito Daniel Hajary ha detto che gli ostaggi sono tenuti in un appartamento al secondo piano di Rafah sotto la sorveglianza di uomini armati di Hamas, sia nell'appartamento che negli edifici vicini.

Il fumo si alza durante il bombardamento israeliano della città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, il 12 febbraio 2024.

Saeed Khatib/AFP tramite Getty Images


Hajjari ha detto che le forze speciali hanno fatto irruzione nell'appartamento sotto colpi di arma da fuoco all'1:49 di lunedì, e sono state accompagnate un minuto dopo da una serie di attacchi aerei sulle aree circostanti. Ha detto che i membri della squadra di soccorso hanno protetto gli ostaggi con i loro corpi quando in diversi luoghi è scoppiata contemporaneamente una violenta battaglia con molti militanti di Hamas.

Gli ostaggi sono stati trasferiti in una vicina “zona sicura” e sottoposti a una rapida visita medica prima di essere trasportati in aereo in un ospedale nel centro di Israele. L'esercito ha detto che i due uomini erano in buone condizioni.

L'esercito ha identificato i due ostaggi salvati come Fernando Simon Marman, 60 anni, e Louis Haar, 70 anni, che sarebbero stati rapiti dagli attivisti di Hamas del Kibbutz Nir Yitzhak nell'attacco transfrontaliero del 7 ottobre che ha scatenato la guerra. L'ufficio di Netanyahu ha affermato che hanno anche la cittadinanza argentina. In un post sui social media, il presidente argentino ha affermato quanto segue: Ho ringraziato Israele Per il salvataggio.

Sono stati trasportati in aereo allo Sheba Hospital e le loro condizioni sarebbero state buone.

Louis Haar, a sinistra, uno dei due ostaggi salvati in un'operazione a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, abbraccia i suoi cari allo Sheba Medical Center di Ramat Gan, Israele, il 12 febbraio 2024.

Forze di difesa israeliane tramite AP


Il cognato di Har, Idan Bergerano, ha detto alla televisione israeliana Canale 13 che lui e sua moglie hanno potuto vedere i prigionieri liberati in ospedale. Ha detto che i due uomini erano magri e pallidi, ma comunicavano bene ed erano consapevoli di ciò che li circondava. Bergernano ha detto che Haar gli disse vedendolo: “Oggi compi gli anni, Mazal Tov”.

Hajjari ha detto che l'operazione si basava su informazioni accurate ed era stata pianificata da tempo, ma i soccorritori stavano aspettando il momento giusto per agire. Netanyahu si è unito al comandante dell’esercito israeliano e ad altri alti funzionari mentre ha avuto luogo il raid.

Sono solo il secondo e il terzo ostaggio ad essere salvati in sicurezza. Una soldatessa è stata salvata a novembre.

Più di 100 ostaggi sono stati rilasciati durante un cessate il fuoco durato una settimana a novembre. Israele afferma che Hamas tiene ancora in ostaggio circa 100 ostaggi, mentre ritiene che Hamas contenga i resti di altri 30 circa che furono uccisi il 7 ottobre o morirono in prigionia. C'erano tre ostaggi È stato ucciso per errore dalle forze israeliane Dopo essere fuggiti dai loro rapitori a dicembre.

Si ritiene che i restanti ostaggi siano sparsi e nascosti nei tunnel, probabilmente in pessime condizioni.

Israele ha fatto della restituzione di tutti gli ostaggi uno degli obiettivi principali della guerra. Netanyahu si è impegnato a portare avanti l’offensiva militare israeliana fino a raggiungere la “vittoria completa”, che include anche la distruzione delle capacità militari e di governo di Hamas.

Dopo le operazioni di salvataggio di lunedì, Netanyahu ha ribadito in una dichiarazione rilasciata dal suo ufficio che “solo una pressione militare sostenuta, fino alla vittoria completa (su Hamas), porterà al rilascio di tutti i nostri ostaggi”.

Israele intensifica le operazioni militari a Rafah

Israele ha descritto Rafah come l'ultima roccaforte rimasta di Hamas a Gaza dopo più di quattro mesi di guerra Ha indicato che il suo attacco al suolo potrebbe essere presto preso di mira Città densamente popolata.

Domenica la Casa Bianca ha dichiarato che il presidente Biden ha avvertito il primo ministro Benjamin Netanyahu che Israele non dovrebbe condurre un’operazione militare contro Hamas a Rafah senza un piano “credibile e attuabile” per proteggere i civili.

Tra i morti ci sono donne e bambini nei raid israeliani, secondo il dottor Marwan Al-Hams, direttore dell'ospedale Abu Youssef Al-Najjar, e dozzine sono rimaste ferite. Molti palestinesi di Gaza sono fuggiti a Rafah dopo che le operazioni israeliane contro Hamas hanno distrutto altre parti della Striscia.

I palestinesi feriti vengono trasferiti all’ospedale del Kuwait per ricevere cure in seguito agli attacchi israeliani a Rafah, nel sud di Gaza, il 12 febbraio 2024.

Abed Zaqout/Anatolia tramite Getty Images


Abu Haloub è stato inizialmente sfollato quando la sua casa nel nord di Gaza è stata bombardata. Fuggì a Rafah, sperando in sicurezza. Ora gli è stato chiesto di evacuare nuovamente e non ha idea di dove possa andare.

Ha detto piangendo: “L’esercito israeliano non ci ha lasciato nulla”. “Ora dovrò vendere la mia tenda.

I militanti di Hamas hanno ucciso circa 1.200 persone nel loro attacco al sud di Israele il 7 ottobre e ne hanno rapite circa altre 250. Secondo i funzionari sanitari locali, l’offensiva aerea e terrestre israeliana ha ucciso più di 28.000 palestinesi, sfollando oltre l’80% della popolazione e provocando una massiccia crisi umanitaria.

Un giornalista dell'Associated Press a Rafah ha detto che gli attacchi hanno colpito l'area circostante l'ospedale del Kuwait a Rafah lunedì mattina presto. Alcuni dei feriti nei raid sono stati portati in ospedale.

L'esercito israeliano aveva precedentemente affermato di aver colpito “obiettivi terroristici nella zona di Shaboura” a Rafah.


Agli abitanti di Gaza che si sono rifugiati a Rafah sono rimaste poche opzioni a causa degli attacchi aerei israeliani

Netanyahu ha affermato che l’invio di forze di terra a Rafah è necessario per raggiungere gli obiettivi di guerra israeliani. Biden ha esortato Israele a prestare estrema cautela prima di agire.

Si stima che circa 1,4 milioni di palestinesi, più della metà della popolazione di Gaza, siano ora ammassati al valico di Rafah, aumentando la sua popolazione di cinque volte. Centinaia di migliaia di persone vivono ora in campi tentacolari e rifugi sovraffollati delle Nazioni Unite.

I commenti di Biden, fatti in una telefonata con Netanyahu domenica scorsa, sono stati il ​​suo linguaggio più forte finora sulla potenziale operazione. Biden, che la scorsa settimana ha descritto la risposta militare di Israele a Gaza come “esagerata”, ha anche cercato misure “urgenti e specifiche” per aumentare gli aiuti umanitari. La televisione israeliana Canale 13 ha detto che la conversazione è durata 45 minuti.

Lunedì Israele ha chiesto alle agenzie di soccorso delle Nazioni Unite di sostenere i suoi sforzi per rimuovere i civili dalle zone di guerra a Gaza prima del previsto attacco di terra a Rafah, ha riferito Reuters. La Reuters ha citato il portavoce del governo Elon Levy che in una conferenza stampa ha affermato: “Esortiamo le agenzie delle Nazioni Unite a collaborare”. “Non dire che non è possibile farlo. Lavora con noi per trovare un modo.”

Un alto funzionario dell’amministrazione ha affermato che la discussione sulla possibilità di un accordo di cessate il fuoco ha assorbito gran parte della richiesta e, dopo settimane di diplomazia, il “quadro” è ora “in gran parte” predisposto per un accordo che potrebbe vedere il rilascio dei prigionieri. Rilascio dei rimanenti ostaggi tenuti da Hamas in cambio del rilascio dei prigionieri palestinesi e della fine dei combattimenti.

Il funzionario, che ha parlato a condizione di anonimato per discutere i negoziati, ha riconosciuto le “lacune” ma ha rifiutato di fornire dettagli. Il funzionario ha affermato che la pressione militare su Hamas nella città meridionale di Khan Yunis nelle ultime settimane ha contribuito ad avvicinare il movimento all'accettazione dell'accordo.

L'ufficio di Netanyahu ha rifiutato di commentare la chiamata.


Israele si prepara ad un attacco di terra a Rafah

Il canale televisivo Al-Aqsa, affiliato ad Hamas, aveva precedentemente citato un anonimo funzionario di Hamas che aveva affermato che qualsiasi invasione di Rafah avrebbe “fatto saltare” i colloqui mediati da Stati Uniti, Egitto e Qatar.

Biden e Netanyahu hanno parlato dopo che due funzionari egiziani e un diplomatico occidentale hanno detto che l'Egitto aveva minacciato di sospendere il trattato di pace con Israele se le truppe fossero state inviate a Rafah. Gli accordi di pace di Camp David rappresentano da oltre 40 anni una pietra miliare della stabilità regionale. L’Egitto teme l’afflusso di un gran numero di rifugiati palestinesi a cui potrebbe non essere mai permesso di tornare.

Anche il Qatar, l’Arabia Saudita e altri paesi hanno messo in guardia dalle terribili conseguenze se Israele entrasse a Rafah.

“L’attacco israeliano a Rafah porterà a un’indicibile catastrofe umanitaria e a gravi tensioni con l’Egitto”, ha scritto su X il capo della politica estera dell’UE Josep Borrell. Human Rights Watch ha affermato che lo sfollamento forzato è un crimine di guerra.

All'interno di Rafah, alcuni sfollati hanno nuovamente imballato i loro averi. Raafat e Fida Abu Haloub, che erano fuggiti da Beit Lahia nel nord all'inizio della guerra, caricarono i loro averi su un camion. “Non sappiamo dove possiamo portarlo sano e salvo”, ha detto Fidaa del loro bambino. “Ogni mese dobbiamo trasferirci”.

Umm Muhammad Al-Ghamri, una sfollata di Nuseirat, ha detto che spera che l’Egitto non permetta a Israele di costringere i palestinesi a fuggire nel Sinai “perché non vogliamo andarcene”.

Continuano feroci combattimenti nel centro di Gaza e a Khan Yunis.

Il Ministero della Sanità di Hamas a Gaza ha dichiarato domenica che i corpi di 112 persone uccise nella Striscia sono stati trasferiti negli ospedali nelle ultime 24 ore. Il bilancio delle vittime dall'inizio della guerra è arrivato a 28.176. Il ministero non fa distinzione tra civili e combattenti, ma afferma che la maggior parte dei morti erano donne e bambini.

READ  La Serbia cerca il ritorno delle sue forze in Kosovo mentre le tensioni aumentano