Novembre 29, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Con Israele che vota per la quinta volta dal 2019, questi cinque fattori potrebbero sbloccare la situazione

Con Israele che vota per la quinta volta dal 2019, questi cinque fattori potrebbero sbloccare la situazione

Gli israeliani si dirigono ai seggi elettorali in tutto il paese martedì per eleggere la 25a Knesset. Il quinto voto della nazione si terrà in meno di quattro anni poiché molti sondaggisti hanno previsto una corsa incredibilmente serrata tra i due blocchi in Parlamento, con la chiara prospettiva di un ulteriore stallo e nessun blocco che si impossessa della maggioranza di 61 parlamentari nel parlamento da 120 seggi formare un governo. . .

I primi nella campagna di formazione del governo sono l’ex primo ministro Benjamin Netanyahu, con il suo partito Likud e i suoi alleati religiosi di destra, e l’attuale primo ministro ad interim Yair Lapid, con il centrista Yesh Atid e il suo variegato cast di partiti sostenitori, uniti in gran parte in opposizione a Netanyahu. Un’altra speranza è il ministro della Difesa Benny Gantz, capo del Partito di unità nazionale, che ha fatto una campagna come candidato di compromesso che potrebbe raggiungere attraverso i blocchi per trovare una maggioranza sfuggente.

Il blocco di Netanyahu era il più forte nei sondaggi, negli anni ’50 e fino a 61 seggi nei principali sondaggi di rete. Il blocco di Lapid non ha ottenuto 56 seggi in quei sondaggi e non è stato in grado di spiegare come formare un governo se i sondaggi d’opinione si sono rivelati corretti. In alternativa, se quei sondaggi a volte inaffidabili sono accurati, la migliore speranza di Lapid potrebbe essere quella di impedire a Netanyahu o a un altro candidato di radunare una coalizione praticabile.

Gantz ha tentato di presentarsi come un’alternativa sia a Netanyahu che a Lapid, che stanno ispirando una forte opposizione da parte degli oppositori politici. Tuttavia, la costellazione della coalizione che elimina il blocco che propone include partiti che nutrono amare animosità e non è chiaro come possa raggiungere lui stesso il numero magico.

Tuttavia, una serie di fattori sono in bilico che potrebbero cambiare la mappa della Knesset prevista da sondaggisti e analisti. Anche un semplice cambiamento può rimuovere la situazione di stallo e aprire la strada al potere per qualcuno contendenti.

Il primo ministro Yair Lapid (a sinistra), il ministro della Difesa Benny Gantz (al centro) e il leader dell’opposizione Benjamin Netanyahu (a destra) (Flash 90)

1. L’affluenza alle urne degli arabi

Sono tre le liste arabe che si contendono le elezioni in corso e il loro destino potrebbe decidere le sorti del blocco guidato da Lapid. Con l’affluenza alle urne che dovrebbe essere inferiore rispetto ai turni precedenti, il voto arabo potrebbe diventare una questione cruciale.

READ  Il Cremlino denuncia la richiesta dell'Ucraina di vietare i viaggi ai russi

Il partito islamista Ra’am, membro della coalizione uscente, siederà con un governo Lapid o Gantz, mentre l’alleanza Front-Come ha storicamente formato un terzo cuneo di seggi non allineati a disposizione di entrambi i blocchi. Entrambi sono in bilico vicino alla soglia elettorale e, senza un’alta affluenza, potrebbero crollare.

L’Assemblea nazionale palestinese non dovrebbe comunque superare la soglia minima di voto del 3,25%, raggiungendo l’1,6% nell’ultimo sondaggio di Canale 12 prima delle elezioni.

Il partito in particolare è nervoso per le sue prospettive, facendo un raro appello nel fine settimana agli elettori ebrei affinché esprimano un voto “strategico” per il partito e si assicurino che si assicuri almeno quattro seggi martedì.

Il leader del partito della Lista Congiunta MK Ayman Odeh partecipa alla riunione del Comitato per la sicurezza interna della Knesset, a Gerusalemme, il 13 dicembre 2021 (Yonatan Sindel/Flash90)

Circa il 17% dei 6,8 milioni di elettori ammissibili in Israele sono arabi, secondo i dati dell’Ufficio centrale di statistica e del Comitato elettorale centrale. Storicamente, la comunità araba in Israele, inclusi musulmani, cristiani e drusi, ha avuto tassi di affluenza alle urne inferiori rispetto agli elettori ebrei.

Nelle precedenti elezioni, l’affluenza alle urne è scesa al minimo storico di appena il 44%, rispetto al 72% tra gli elettori ebrei e al 67% in totale. La bassa affluenza alle urne ha portato a una bassa rappresentanza tra i partiti arabi alla Knesset. Nel 2020, quando i quattro partiti arabi hanno combattuto insieme nella Joint List, la rappresentanza araba ha raggiunto 15 seggi. Nel 2021, dopo il ritiro della Lista Unita, tra di loro hanno vinto solo 10 seggi collettivi.

Ora che la Lista Congiunta si è divisa in Fronte Congiunto e Balad, con il partito dell’Assemblea Nazionale Palestinese che continua a organizzare una campagna separata, l’affluenza alle urne ha registrato un minimo del 37% e un massimo del 48% nelle ultime settimane.

Se il Fronte arabo-educativo non torna alla Knesset, il blocco guidato dal Likud dovrebbe beneficiarne in proporzione e avere un percorso agevole verso il potere. Se entrambi falliscono, le prospettive di Netanyahu saranno migliori.

Con entrambi alla Knesset, Lapid avrà l’opportunità di impedire la formazione di un altro governo. Il Likud afferma che potrebbe anche cercare una coalizione che includa o dipenda dal fronte. Sia Lapid che Hadash Tal hanno confutato questo come un possibile scenario.

READ  La variegata corsa alla carica di Primo Ministro del Regno Unito, con Rishi Sunak, Soyla Braverman, Kimi Badenouche

Negli ultimi giorni della campagna, alcuni analisti hanno suggerito che l’affluenza alle urne degli arabi potrebbe essere superiore a quanto indicato dai sondaggi, con Balad probabilmente vicino a superare la soglia della Knesset del 3,25%. Le elezioni precedenti hanno indicato che gli intervistati avevano una particolare preoccupazione quando si aspettavano che gli arabi votassero.

2. L’affluenza alle urne degli ultraortodossi

La preoccupazione per l’affluenza alle urne di Haredi è rinnovata nelle ultime settimane, poiché gli elettori allineati con il partito ashkenazita Haredi, United Torah Judaism, sono diventati frustrati dalla gestione del partito, dopo un anno di opposizione.

Il partito Judea Totora ha attualmente sette seggi e ha votato per riportare quel numero. Una scarsa affluenza alle urne o una perdita di voti per un altro partito di destra potrebbe portare quel numero a sei, uno scenario che ha causato tanta costernazione negli ambienti politici di Haredi. Tuttavia, solo se il sedile lasciasse il blocco, influirebbe sull’inerzia istantanea.

Gli elettori Haredi costituiscono l’11% dell’elettorato, secondo il Central Bureau of Statistics, e la maggior parte dei loro voti va al partito United Torah Judaism e al partito Mizrahi Haredi Shas. Nelle ultime elezioni, l’affluenza alle urne degli Haredi è stata dell’80%.

Tuttavia, l’emittente pubblica Kan ha riferito che entro la metà di ottobre l’affluenza alle urne degli elettori Haredi dovrebbe diminuire del 12%.

Il rabbino Yitzhak Goldknopf, capo del giudaismo della Torah unita, posa per una foto a Gerusalemme, 13 settembre 2022 (Yonatan Sindel/Flash90)

Secondo i sondaggi d’opinione, anche l’aumento di popolarità del leader di Otzma Yehudit Itamar Ben Gvir, in particolare tra gli elettori ultra-ortodossi più giovani o più ultranazionalisti, ha anche ritirato voti dal partito.

Circa il 6% dei voti Haredi può essere attratto dal sionismo religioso – Otzma Yehudit, secondo Kan. Ciò non cambierà il calcolo o la capacità del blocco di formare un governo, ma altererà le dinamiche di potere all’interno di quel governo se alla fine i partiti Haredi lo faranno. Dai un’occhiata ai sedili.

3. Gli ex elettori di destra cercano casa

L’ex partito al governo Yamina ha vinto sette seggi sotto Naftali Bennett nel 2021 e inaspettatamente lo ha portato alla premiership, ma a novembre non è nemmeno arrivato alle urne. La soluzione del partito ne ha creati alcuni rifugiati politici.

Quasi un terzo degli elettori di Yamina nel marzo 2021 si identifica come religioso nazionale e generalmente appartiene alla versione moderata e tradizionale del diverso spettro religioso nazionale. Ha anche tratto parte della sua base da alcuni elettori laici, di destra e tradizionali.

READ  Il vertice del G7 prende il via alla luce della guerra in Ucraina e del rischio di stagflazione

Al contrario, il 61% degli elettori del sionismo religioso nel 2021 erano religiosi e si ritiene che il partito rappresenti l’estremità di estrema destra di questo spettro.

Ayelet Shaked (al centro) e Yossi Brodney (a destra) all’evento della campagna Jewish Home a Givat Shmuel, 20 settembre 2022 (Flash90)

L’eredità di Yamina è ora rappresentata al meglio da Jewish Home e dal suo leader, l’ex vice di Bennett Ayelet Shaked. Ma il partito ha lottato costantemente nei sondaggi, ottenendo solo l’1,5%-2% negli ultimi sondaggi della rete principale durante il fine settimana.

Mentre molti ex elettori di Yamina sono immigrati nel sionismo religioso o in un altro partito di destra o di centro-destra, una parte di loro sta ancora valutando la possibilità di votare per Shaked.

Shaked dice che Netanyahu ne ha bisogno per completare i numeri per il suo governo. Il campo di Netanyahu afferma che sta mettendo a repentaglio l’intero progetto bruciando voti di destra mentre esce dalla Knesset.

Se gli elettori si sentono senza speranza e si arrendono, possono ridurre i voti persi della destra e spingere Netanyahu più vicino alla maggioranza. D’altra parte, se Shaked supera le aspettative per arrivare alla Knesset, potrebbe dare a Netanyahu altri posti – o tenerseli per lui, se dovesse essere ritirata dal Likud in primo luogo.

4. I partiti di sinistra rosicchiano la soglia

La scarsa performance di altri due partiti nel blocco di Lapid potrebbe inclinare il percorso di Netanyahu alle elezioni. Il Meretz di sinistra e il Labour di centrosinistra hanno oscillato vicino alla soglia. Senza molti movimenti tra i blocchi, gran parte del graduale aumento dei sondaggi di Yesh Atid nei mesi della campagna è avvenuto a costo di smantellare i suoi partner di sinistra. Labour e Meretz si sono impegnati in frenetici sforzi dell’ultimo minuto per convincere gli elettori a manifestarsi e votare per loro, piuttosto che aumentare il numero di seggi che il partito Yesh Atid di Lapid spera di assicurarsi.

Se Labour o Meretz si ritirano dalla Knesset, i sondaggi prevedono una vittoria di Netanyahu a portata di mano.

Il leader laburista Merav Michaeli ha respinto brevemente gli sforzi di Lapid di unire i suoi due partiti e Meretz prima della scadenza della lista di settembre, preferendo mantenere i laburisti come gruppo indipendente rispetto a quello che vedeva come un’ancora di salvezza per Meretz.

Questa decisione tornerà a perseguitarla?

Il ministro dei Trasporti Merav Michaeli tiene una conferenza stampa a Tel Aviv, 14 settembre 2022 (Flash90)

5. E sì, il tempo

Forse il fattore più comune, il previsto maltempo può limitare la disponibilità degli elettori immotivati ​​a recarsi alle urne. Tanto che gli esperti ipotizzano che ciò possa ridurre l’affluenza alle urne in alcune aree.

Gli israeliani devono votare di persona presso il seggio elettorale designato, ad eccezione di circostanze speciali tra cui quarantena, disabilità o ricovero in ospedale legati al COVID-19.

D’altra parte, la pioggia in Israele riduce anche il fascino di andare in spiaggia, fare escursioni o fare gite in famiglia, tutte attività che storicamente rivaleggiano con i doveri di voto, con la maggior parte degli israeliani che si gode un giorno libero dal lavoro.

I lavoratori preparano le urne per le imminenti elezioni israeliane presso il magazzino del Comitato elettorale centrale a Shoham prima di essere spedite ai seggi elettorali, 12 ottobre 2022 (Yonatan Sindel/Flash90)