Settembre 29, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’FBI ha aggiunto la fondatrice di OneCoin Ruja Ignatova alla sua lista di fuggitivi ricercati

L'FBI ha aggiunto la fondatrice di OneCoin Ruja Ignatova alla sua lista di fuggitivi ricercati
Segnaposto durante il caricamento delle azioni dell’articolo

Alla Wembley Arena di Londra, le luci del palco lampeggiavano, i fuochi d’artificio sono esplosi e persino le fiamme si sono respinte mentre Alicia Keys cantava “Girl on Fire” sopra gli altoparlanti. Fu allora che Ruja Ignatova, soprannominata “Cryptoqueen”, salì sul palco con un lungo abito rosso lucido, promettendo alla sua criptovaluta, OneCoin, di conquistare il mondo e diventare una “Bitcoin Killer”.

Il pubblico all’evento del 2016 si è scatenato. In mezzo al boom delle criptovalute, la statura di OneCoin è aumentata negli Stati Uniti e in tutto il mondo. Ma l’aumento vertiginoso dell’azienda alla fine incontrerà una rapida fine.

Solo un anno dopo, Ignatova è scomparsa senza lasciare traccia e da allora le autorità in Europa e negli Stati Uniti hanno cercato di arrestarla. Giovedì, l’FBI ha aggiunto Ignatova alla sua lista Dieci latitanti ricercati Notorietà di solito conferita a sospetti leader del cartello, terroristi e assassini. Nel frattempo, Ignatova è accusata di guidare uno schema piramidale Frode agli investitori per oltre 4 miliardi di dollariconsiderato tra i più grandi della storia.

“L’annuncio di oggi è un impegno a raddoppiare i nostri sforzi per arrestare Ignatova, chiedere giustizia per le sue vittime e ritenerla responsabile dei suoi crimini”, ha dichiarato giovedì Damian Williams, procuratore degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York, in una conferenza stampa. . .

Williams ha detto che prima che la sua faccia venisse schizzata su un poster ricercato, Ignatova, una cittadina tedesca con legami bulgari, aveva un “curriculum eccellente” offrendo una laurea in giurisprudenza presso l’Università di Oxford e un lavoro di consulenza presso McKinsey & Company. Come Ignatova, l’unica donna nella lista dei latitanti più ricercati, sia arrivata a far parte della lista dei presunti assassini e capibanda è una storia che risale al 2014, anno della nascita di OneCoin.

READ  Una nave da crociera norvegese si è arenata nella Repubblica Dominicana

L’idea appariscente che è stata mostrata agli investitori e promossa tramite materiali di marketing è stata una valuta rivoluzionaria per “tutti per effettuare pagamenti ovunque, [to] Tutti, a livello globale “, ha detto sarcasticamente Ignatova alla Wembley Arena. OneCoin ha promesso una criptovaluta che avrebbe sovraperformato qualsiasi altra e avrebbe fatto vedere ai primi utenti che i loro investimenti portano “cinque o dieci volte” un ritorno, secondo una denuncia penale.

Ma la storia Come risulta dagli atti del tribunale, non è una delle promesse esagerate che i suoi fondatori non sono stati in grado di mantenere, come nel caso di Elizabeth Holmes e Tyrannos. Invece, OneCoin avrebbe dovuto essere uno schema Ponzi fin dall’inizio, affermano gli investigatori.

Six Cryptocurrency Investing è il classico schema Ponzi

Sebbene dovesse essere una forma di criptovaluta, OneCoin in realtà non aveva un sistema di pagamento o un modello blockchain, La tecnologia critica che supporta le criptovalute Rendendo così i token OneCoin sostanzialmente privi di valore. Ignatova e i fondatori dell’azienda sono accusati di sapere troppo. (nella situazione attuale BBC Nel 2019 OneCoin ha negato qualsiasi illecito.)

Secondo le email interne ottenute dagli investigatori, l’obiettivo di OneCoin era quello di creare una “valuta banale” che combinasse la frenesia che circonda le criptovalute con il marketing multilivello.

OneCoin ha fatto affidamento sui suoi utenti per attirare più partecipanti offrendo una serie di bonus, commissioni e “pacchetti di trading” a vari prezzi, secondo gli investigatori federali. Alla fine, la rete di investitori si è estesa a più di cento paesi. Il procuratore generale Williams ha dichiarato giovedì che crede che più di 3 milioni di persone siano state truffate.

READ  Il Cile "punisce" i responsabili della dolina vicino alla miniera di rame

Williams ha detto che Ignatova “ha fatto appello all’umanità delle persone, promettendo che OneCoin avrebbe cambiato la vita delle persone senza banca”. “E ha stabilito i tempi del suo piano, sfruttando appieno la frenetica speculazione dei primi giorni delle criptovalute”.

Incontra il rapper “Crocodile of Wall Street” accusato di aver riciclato miliardi di dollari in criptovaluta

Il piano, tuttavia, era “prendere i soldi e scappare e incolpare qualcun altro per questo”, ha scritto Ignatova a uno dei fondatori nel 2014, secondo gli atti del tribunale.

Le crepe attorno a OneCoin hanno iniziato ad apparire intorno al 2016, Insider menzionato, quando Svezia, Lettonia, Norvegia, Croazia, Italia e Bulgaria, dove ha sede OneCoin, hanno iniziato ad aggiungere OneCoin alle liste di avviso di truffe. Ben presto le querele iniziarono ad affluire.

Williams ha detto che Ignatova ha iniziato a temere che le forze dell’ordine avrebbero raggiunto e ha persino infastidito l’appartamento del suo ragazzo americano dopo essere stato sospettoso di lui. Ha aggiunto che le registrazioni alla fine l’hanno avvertita che stava collaborando con l’FBI e ha accelerato il suo piano per scappare.

“Mi sono immediatamente imbarcato su un volo dalla Bulgaria alla Grecia con una guardia di sicurezza. Non un solo bagaglio. La guardia di sicurezza è tornata, ma Ignatova non l’ha fatto. Mai visto o sentito nominare”, ha detto Williams.

Nonostante la sua scomparsa nell’ottobre 2017, un gran giurì federale ha incriminato Ignatova quel mese e ha emesso un mandato d’arresto per lei. È accusata di cospirazione per commettere frode su Internet, frode elettronica, cospirazione per commettere riciclaggio di denaro, frode in titoli e cospirazione per commettere frode in titoli. I primi quattro conteggi comportano una pena detentiva fino a 20 anni, mentre l’ultimo di essi prevede una pena detentiva fino a cinque anni.

READ  Il Giorno della Vittoria in Russia segna la guerra delle nazionalità rivali

Le truffe sulle criptovalute sono in aumento, drenando oltre $ 1 miliardo nell’ultimo anno

Il destino di OneCoin alla fine è venuto a rispecchiare il destino del suo fondatore. Lasciata al fratello di Ignatova, Konstantin Ignatov, la compagnia ha vacillato dopo essere stato arrestato dall’FBI nel 2019. Si è dichiarato colpevole di una serie di reati e ha stipulato un patteggiamento per collaborare con le autorità, suggerendo che avrebbe potuto entrare nel programma di protezione dei testimoni e presumibilmente Una nuova identità, secondo gli atti del tribunale.

L’FBI sta ora facendo un’offerta al pubblico per assistere nelle indagini e offre una ricompensa di $ 100.000 per le informazioni che portano all’arresto di Ignatova.

In un evento del 2016 a Londra, ha detto: “Sono stata chiamata fuori molte cose e probabilmente la cosa migliore che la stampa mi ha chiamato è stata… ‘Bitcoin killer'”.

Ora può aggiungere “La più ricercata fuggitiva” all’elenco.