Giugno 17, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Unione europea definisce inaccettabile il divieto di importazione di cereali e prodotti alimentari dall’Ucraina da parte di Polonia e Ungheria

L’Unione europea definisce inaccettabile il divieto di importazione di cereali e prodotti alimentari dall’Ucraina da parte di Polonia e Ungheria

VARSAVIA (Reuters) – Le misure unilaterali sul commercio da parte degli Stati membri dell’Unione Europea sono inaccettabili dopo che Polonia e Ungheria hanno annunciato il divieto di importazione di cereali e altri alimenti dall’Ucraina per proteggere il settore agricolo nazionale. Lo ha detto domenica un portavoce della Commissione europea.

Dopo che l’invasione russa ha chiuso alcuni porti del Mar Nero, grandi quantità di grano ucraino, più economico di quello prodotto nell’Unione Europea, sono finite a rimanere nei paesi dell’Europa centrale a causa di colli di bottiglia logistici, colpendo i prezzi e le vendite agli agricoltori locali.

Il caso ha creato un problema politico per il partito nazionalista Legge e giustizia al potere in Polonia in un anno elettorale, poiché ha fatto arrabbiare le persone nelle zone rurali dove il sostegno a Legge e giustizia è solitamente alto.

“Siamo a conoscenza delle dichiarazioni di Polonia e Ungheria in merito al divieto di importazione di grano e altri prodotti agricoli dall’Ucraina”, ha affermato il portavoce in una dichiarazione inviata via e-mail. “In questo contesto, è importante sottolineare che la politica commerciale è prerogativa esclusiva dell’UE e, pertanto, misure unilaterali sono inaccettabili”.

“In tempi così difficili, è necessario coordinare e armonizzare tutte le decisioni all’interno dell’Unione europea”, ha aggiunto la dichiarazione.

La Polonia e l’Ungheria sono state coinvolte in conflitti di lunga data con Bruxelles su questioni quali l’indipendenza giudiziaria, le libertà dei media e i diritti LGBT, ed entrambe hanno avuto denaro trattenuto per preoccupazioni sullo stato di diritto.

Incrocio

Il ministro dello Sviluppo e della tecnologia ha dichiarato domenica che il divieto polacco, entrato in vigore sabato sera, si applicherà anche al transito di questi prodotti attraverso il paese.

“Il divieto è completo, compreso il divieto di transito attraverso la Polonia”, ha scritto Waldemar Buda su Twitter, aggiungendo che si terranno colloqui con la parte ucraina per creare un sistema che garantisca che le merci passino solo attraverso la Polonia e non finiscano al livello locale. mercato.

Il ministero ucraino delle politiche agricole e alimentari ha affermato sabato che il divieto polacco contraddiceva gli accordi bilaterali esistenti sulle esportazioni e ha chiesto colloqui per risolvere la questione.

L’agenzia di stampa statale ucraina, Ukrinform, ha affermato che i ministri ucraino e polacco si incontreranno lunedì in Polonia e che gli accordi sul transito saranno al centro dei colloqui.

Domenica il ministro dell’Agricoltura polacco Robert Tellos ha affermato che il divieto era necessario “per aprire gli occhi dell’Unione europea sul fatto che sono necessarie ulteriori decisioni che consentiranno ai prodotti ucraini di penetrare in profondità in Europa e non rimanere in Polonia. “

L’Ucraina esporta la maggior parte dei suoi prodotti agricoli, in particolare il grano, attraverso i suoi porti del Mar Nero, che sono stati sbloccati a luglio, in linea con un accordo tra Ucraina, Turchia, Russia e Nazioni Unite.

Il ministero ucraino ha affermato che circa 3 milioni di tonnellate di grano lasciano l’Ucraina ogni mese attraverso il corridoio del grano del Mar Nero, mentre solo fino a 200.000 tonnellate viaggiano verso i porti europei attraverso il territorio polacco.

Il ministro dell’Agricoltura ucraino Mykola Solsky ha dichiarato durante il fine settimana che tra le 500.000 e le 700.000 tonnellate di vari prodotti agricoli attraversano ogni mese il confine polacco, tra cui grano, olio vegetale, zucchero, uova, carne e altri prodotti.

READ  Elezioni francesi: i partiti di sinistra formano un “fronte popolare” per combattere il Raggruppamento Nazionale

(Segnalazione di Alan Sharlich). Montaggio di Sharon Singleton

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.