Febbraio 27, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Mandato di arresto di Putin: Biden accoglie con favore l’accusa per crimini di guerra della Corte penale internazionale

Mandato di arresto di Putin: Biden accoglie con favore l’accusa per crimini di guerra della Corte penale internazionale
  • Di Catherine Armstrong, Antoinette Radford e Frank Gardner, corrispondente per la sicurezza della BBC
  • notizie della BBC

didascalia foto,

Vladimir Putin può ora essere arrestato se mette piede in uno degli oltre 120 Stati membri della Corte Penale Internazionale

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha accolto con favore l’emissione di un mandato di arresto da parte della Corte penale internazionale per il suo omologo russo, Vladimir Putin.

La Corte penale internazionale ha accusato il presidente Putin di crimini di guerra in Ucraina, cosa che il presidente Biden ha detto che il presidente russo ha fatto “chiaramente”.

Le accuse si concentrano sulla deportazione illegale di bambini dall’Ucraina alla Russia dall’invasione di Mosca nel 2022.

Mosca ha negato le accuse e ha denunciato le note come “oltraggiose”.

È altamente improbabile che una tale mossa avvenga spesso, poiché la Corte penale internazionale non ha il potere di arrestare i sospetti senza la cooperazione del governo di alcun paese.

La Russia non è uno stato membro della CPI, il che significa che il tribunale, che si trova a L’Aia, non ha giurisdizione lì.

Tuttavia, ciò potrebbe influenzare Putin in altri modi, come la sua incapacità di viaggiare a livello internazionale. Ora può essere arrestato se mette piede in uno dei 123 stati membri della corte.

Putin è solo il terzo presidente ad avere un mandato d’arresto emesso dalla Corte Penale Internazionale.

“È chiaro che ha commesso crimini di guerra”, ha detto ai giornalisti.

L’ICC ha affermato in una dichiarazione di venerdì di avere ragionevoli motivi per ritenere che il signor Putin abbia commesso direttamente gli atti criminali, oltre a lavorare con altri. Lo ha anche accusato di non aver usato i suoi poteri presidenziali per impedire la deportazione dei bambini.

Anche la commissaria russa per i diritti dei bambini, Maria Lvova Belova, è ricercata dalla Corte penale internazionale per gli stessi crimini.

Il procuratore dell’ICC, Karim Khan, ha affermato che i mandati di arresto erano “basati sulle prove forensi, sul controllo e su ciò che questi due individui hanno detto”.

Il tribunale inizialmente ha considerato di mantenere segreti i mandati d’arresto, ma ha deciso di renderli pubblici per cercare di fermare la commissione di ulteriori crimini.

“I bambini non possono essere trattati come bottino di guerra, non possono essere deportati”, ha detto Khan alla BBC.

“Questo tipo di crimine non ha bisogno di un avvocato, bisogna essere un essere umano per sapere quanto sia terribile”.

spiegare il video,

GUARDA: Vladimir Putin potrebbe davvero essere arrestato?

Khan ha anche osservato che nessuno credeva che Slobodan Milosevic, il leader serbo processato per crimini di guerra in Croazia, Bosnia e Kosovo negli anni ’90, sarebbe finito all’Aia per affrontare la giustizia.

“Coloro che sentono che puoi commettere un crimine durante il giorno e dormire bene la notte, forse dovrebbero guardare alla storia”, ha detto Khan.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che nessuna delle decisioni della corte è stata “nulla e non valida”, paragonando l’ex presidente russo Dmitry Medvedev alla carta igienica.

Gli attivisti dell’opposizione russa hanno accolto con favore questo annuncio. Ivan Zhdanov, uno stretto alleato del leader dell’opposizione incarcerato Alexei Navalny, ha scritto su Twitter che questo è stato un “passo simbolico” ma importante.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha ringraziato il signor Khan e la Corte penale internazionale per la loro decisione di intentare un’accusa contro il “male di stato”.