Febbraio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nikki Haley, l’ex ambasciatore di Trump alle Nazioni Unite, dovrebbe succedergli nel 2024.

Nikki Haley, l’ex ambasciatore di Trump alle Nazioni Unite, dovrebbe succedergli nel 2024.

WASHINGTON, 1 feb (Reuters) – L’ex governatore della Carolina del Sud Nikki Haley lancerà questo mese la sua campagna per la nomina presidenziale repubblicana del 2024, correndo contro il suo ex capo, l’ex presidente Donald Trump, hanno detto due fonti vicine ai suoi piani. Mercoledì.

La mossa lo renderebbe il secondo candidato repubblicano dichiarato e potrebbe preparare il terreno per una fase di combattimento della campagna che lo metterebbe nel mirino dell’ex presidente degli Stati Uniti.

La campagna di Haley ha inviato un’e-mail ai sostenitori che chiedevano un evento il 15 febbraio a Charleston. Fonti hanno detto che annuncerà lì la sua candidatura.

La Carolina del Sud dovrebbe ospitare una delle prime primarie di nomina repubblicane nel 2024 e alla fine svolgerà un ruolo chiave nella scelta del candidato.

Figlia di due immigrati indiani che gestivano un negozio di abbigliamento di successo in una zona rurale dello stato, Haley si è guadagnata una reputazione nel Partito Repubblicano come una convinta conservatrice capace di affrontare in modo affidabile questioni di genere e razza. Molti dei suoi colleghi.

Ultimi aggiornamenti

Guarda altre 2 storie

Servendo come ambasciatore degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite dal 2017 al 2018 sotto Trump, si è anche affermato come uno strenuo difensore degli interessi statunitensi all’estero. A quel tempo, gli Stati Uniti si ritirarono dall’accordo sul nucleare iraniano firmato sotto il Partito Democratico. Il presidente Barack Obama è estremamente impopolare tra i repubblicani.

Un alleato di Haley ha detto che ha deciso di lanciare la sua campagna così presto per scuotere una corsa finora dominata da Trump e dal governatore della Florida Ron DeSantis, che non ha ancora annunciato se correrà.

READ  La tassa minima sui miliardari dovrebbe essere inclusa nel piano di bilancio

Diversi importanti donatori repubblicani e funzionari eletti nella Carolina del Sud stanno cercando alternative a Trump tra le preoccupazioni sulla sua eleggibilità, secondo interviste con una dozzina di funzionari e strateghi di partito nelle ultime settimane.

Diversi repubblicani di spicco, tra cui Haley e il senatore degli Stati Uniti Tim Scott, hanno deciso di evitare un’apparizione della campagna di Trump in Colombia sabato, che ha lo scopo di dimostrare il suo sostegno allo stato.

Sabato Trump ha detto ai giornalisti che Haley lo aveva chiamato per dire che stava prendendo in considerazione una corsa e che lei gli aveva detto: “Se vuoi correre, basta chiedere”, secondo diversi resoconti dei media.

Haley ha guadagnato l’attenzione nazionale nel 2015 quando, come governatore, ha firmato la legislazione che rimuove la bandiera di battaglia confederata dal terreno della capitale dello stato della Carolina del Sud in seguito all’uccisione di nove fedeli neri da parte del suprematista bianco Dylann Roof.

Se vince la nomination, Haley sarà la prima donna a vincere la nomination presidenziale repubblicana e la prima candidata non bianca del partito.

Tra le sue principali sfide c’è quella di inchiodare un messaggio coerente. Anche in un campo in cui la maggior parte dei candidati ha cambiato idea più volte su questioni chiave, Haley è particolarmente camaleontica.

Ha ripetutamente preso le distanze da Trump, dicendo che ha un ruolo importante nel Partito Repubblicano, e da allora ha ammorbidito la sua retorica.

Sebbene abbia criticato i repubblicani per aver gettato dubbi infondati sui risultati delle elezioni presidenziali del 2020, ha condotto una campagna per conto di diversi candidati che hanno sostenuto le false affermazioni di frode elettorale di Trump durante le elezioni di metà mandato del 2022.

READ  Kirby Smart della Georgia lancia una sfida brusca a Stetson Bennett dopo un'entusiasmante vittoria: "Deve giocare meglio"

Sebbene a volte adotti un messaggio conciliante sulle questioni razziali, spesso sceglie un tono meno misurato. A novembre, ha detto a una manifestazione elettorale che il senatore della Georgia Raphael Warnock, un democratico nero nato a Savannah, “dovrebbe essere deportato”.

Giocare nelle mani di Haley potrebbe essere la geografia: la Carolina del Sud è storicamente il terzo stato a ospitare un concorso per le nomination repubblicane e spesso gioca un ruolo importante nella corsa. Haley, che ha gestito lo stato dal 2011 al 2017, è popolare lì, secondo i sondaggi.

Sia Trump che DeSantis sono attivi nello stato.

Sebbene Haley entri in gara come perdente – la maggior parte dei sondaggi nazionali mostra il suo sostegno a una sola cifra – è abituata a correre da dietro e ha una reputazione nei circoli politici per essere vincitrice in gare difficili da vincere.

Una portavoce della campagna ha rifiutato di commentare mercoledì.

Segnalazione di Trevor Hunnicutt e Gram Slattery; Montaggio di Ross Colvin, Daniel Wallis e Andrew Heavens

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.