Dicembre 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Non sapremo chi controlla il Senato fino a dicembre

Potrebbe volerci fino all’inizio di dicembre per risolvere la questione di quali partiti politici controllino una o entrambe le camere del Congresso per i prossimi due anni.

Ma se i repubblicani abbiano vinto le elezioni di medio termine per strappare per un soffio il controllo della maggioranza ai democratici alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti sarà deciso nei prossimi giorni quando 11 stati andranno alle urne.

Si prevede che i repubblicani vinceranno 221 seggi alla Camera, tre in più dei 218 necessari per assicurarsi la maggioranza, mentre i democratici dovrebbero vincerne 214, secondo NBC News. Tale stima ha un margine di errore di sette posizioni. E i funzionari elettorali stanno ancora contando i voti in almeno altre 31 gare.

Il conteggio finale dei posti potrebbe essere esteso, tuttavia, se una o più gare della Camera fossero troppo vicine, si attiverebbe un riconteggio.

A partire da giovedì, due giorni dopo la chiusura delle urne in tutto lo stato, tre seggi al Senato non avevano ancora vincitori, ha riferito NBC News.

Arizona, Georgia e Nevada sono tutti e tre i seggi attualmente detenuti dai Democratici.

Il risultato di quelle gare determinerà se i Democratici manterranno una maggioranza esigua al Senato e potrebbero effettivamente aumentare leggermente la loro maggioranza.

I risultati delle corse al Senato in Arizona e Nevada potrebbero essere conosciuti la prossima settimana, mentre la Georgia si dirigerà a elezioni speciali il 6 dicembre perché nessun candidato di partito importante ha ricevuto più del 50% dei voti.

READ  Nuovo audio: McCarthy afferma che Trump ha accettato "certe responsabilità" per il 6 gennaio

Attualmente, 48 senatori democratici e due indipendenti si riuniscono con loro, rispetto ai 50 senatori repubblicani che compongono il resto della camera.

Il vicepresidente Kamala Harris ha il potere di recidere i legami con il presidente del Senato, dove i democratici detengono la maggioranza.

Per mantenere quel controllo a partire da gennaio, i Democratici devono vincere almeno due delle tre elezioni ancora da indire.

Ma il tenente governatore democratico della Pennsylvania John Fetterman, il dott. Dopo aver sconfitto Mehmed Oz, il Senato Repubblicano. Il seggio al Senato lasciato libero da Pat Toomey ha dato al partito un po’ di respiro.

“Come tutti voi, li sto guardando finire di contare i voti”, ha detto ai giornalisti giovedì il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell, R-Kentucky. McConnell è favorito per diventare di nuovo il leader della maggioranza se i repubblicani vincono almeno due delle restanti gare al Senato.

In Arizona, giovedì, il democratico in carica Mark Kelly aveva il 51,4% dei voti, rispetto al 46,4% del suo sfidante repubblicano Blake Masters, un vantaggio di 95.000 voti.

NBC News riferisce che giovedì pomeriggio, il 76% dei voti era stato espresso in Arizona, con 670.000 voti rimanenti.

Il conteggio dell’Arizona è più lento rispetto ad altri stati perché le firme degli elettori, chiamate schede elettorali, devono essere verificate prima del giorno delle elezioni. Quel giorno sono state presentate circa 290.000 schede elettorali anticipate, con un aumento di 115.000 rispetto al numero di schede votate quel giorno nel 2020, rispetto a quelle presentate martedì.

I risultati di decine di migliaia di schede elettorali anticipate che sono state consegnate a mano ai seggi elettorali della contea di Maricopa martedì dovrebbero essere rilasciate giovedì sera.

READ  Risultati del college football, calendario, partite di oggi: Nebraska vs. Inizia l'azione della settimana 0 di Northwestern

In Nevada, il repubblicano Adam Laxalt e il senatore democratico. Catherine Cortez Masto guidava dal 49,4% al 47,6%. La NBC ha stimato che l’84% dei voti previsti fosse stato contato, con 165.713 voti rimanenti.

La corsa del Nevada potrebbe richiedere diversi giorni per risolversi. La maggior parte delle schede sono state inviate per posta e le schede contrassegnate con il giorno delle elezioni potrebbero essere contate se arrivassero entro le 17:00 di sabato.

La contea di Clark del Nevada, l’undicesima contea più grande della nazione per popolazione, ha respinto le affermazioni dell’ex presidente in una dichiarazione giovedì. Donald Trump Metti in dubbio il suo processo di conteggio dei voti.

“Abbiamo ascoltato le sue oltraggiose affermazioni, ma è ancora disinformato sulla legge e sui nostri processi elettorali, che garantiscono l’integrità delle elezioni nella contea di Clark”, ha affermato la contea. “In primo luogo, non potremmo accelerare il processo anche se volessimo”.

“Ogni firma su ogni busta di votazione postale deve essere controllata e, se uno dei nostri record non corrisponde, l’elettore ha tempo fino alle 17:00 di lunedì 14 novembre per correggere la firma”.

“Inoltre, ci sono schede provvisorie da elaborare e non possiamo completare quel lavoro fino a quando non avremo ricevuto rapporti dal Segretario di Stato del Nevada mercoledì 16 novembre. Questo processo garantisce che le persone in Nevada non votino due volte”, afferma la dichiarazione.

In Georgia, il senatore democratico in carica. Il ballottaggio del 6 dicembre è stato seguito dal 49,6% dei voti di Raphael Warnock e dal suo compagno di corsa repubblicano, l’ex stella del football professionista e del college Herschel Walker, che hanno ricevuto il 48,3% dei voti. Il candidato ha ottenuto solo il 2% dei voti. La legge della Georgia richiede il ballottaggio dei primi due candidati se nessuno ottiene più del 50% dei voti.

READ  Daniel si rafforza come il primo uragano atlantico della stagione 2022

Warnock, che sta cercando il suo primo mandato completo nel gennaio 2021, è un democratico della Georgia al Senato. Insieme a John Ossoff, ha vinto un’elezione speciale per il seggio. Quella doppia vittoria diede ai Democratici il controllo maggioritario del Senato.

Il maggior numero di seggi alla Camera non convocati si trova in California, dove 15 gare dovevano ancora essere indette giovedì pomeriggio.

Il Nevada ha tre gare House non chiamate.

L’Arizona, il Colorado, l’Oregon e lo stato di Washington hanno ciascuno due gare di casa in generale.

Alaska, Maine, Maryland, New Mexico e New York hanno ciascuna una gara House non invitata.