Luglio 23, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Perché il presidente iraniano Ebrahim Raisi visita il Pakistan? | Notizie di politica

Perché il presidente iraniano Ebrahim Raisi visita il Pakistan?  |  Notizie di politica

Il presidente iraniano Ibrahim Raisi è in visita in Pakistan per una visita di tre giorni per discutere delle relazioni regionali e bilaterali, pochi giorni dopo che Iran e Israele hanno effettuato attacchi l'uno contro l'altro, minacciando di espandere la guerra di Gaza in un conflitto regionale.

Raisi dovrebbe tenere colloqui con gli alti dirigenti del Pakistan, compreso il primo ministro Shehbaz Sharif, mentre i due vicini cercano di ricucire le relazioni dopo i reciproci attacchi missilistici di gennaio.

Secondo i media locali, Raisi incontrerà anche il generale Asim Munir, capo dell'esercito pakistano, che esercita un'enorme influenza politica ed economica nel Paese dell'Asia meridionale.

Qual è il programma del viaggio?

Raisi è arrivato nella capitale, Islamabad, lunedì, poiché i due vicini mirano a rafforzare i legami economici, di confine ed energetici.

“La Repubblica islamica dell'Iran, in linea con la sua politica di vicinato… è interessata a rafforzare le relazioni con il Pakistan e durante questo viaggio verranno discusse con il governo pakistano varie questioni tra cui quelle economiche, commerciali, energetiche e di confine”, ha affermato ha detto la dichiarazione. Lo ha annunciato lunedì l'Ufficio presidenziale iraniano.

In una dichiarazione rilasciata domenica, il Ministero degli Affari Esteri pakistano ha chiesto di migliorare le relazioni bilaterali.

“Le due parti avranno un programma di ampio respiro per rafforzare ulteriormente le relazioni Pakistan-Iran e rafforzare la cooperazione in diversi campi tra cui il commercio, la connettività, l'energia, l'agricoltura e le comunicazioni interpersonali”, si legge nella dichiarazione.

Ha aggiunto che il presidente iraniano visiterà le principali città, tra cui Lahore e Karachi, e si concentrerà sulle relazioni bilaterali e commerciali.

Musharraf Al-Zaidi, partner della società di consulenza Tadlab ed ex consigliere del Ministero degli Affari Esteri, ha dichiarato ad Al Jazeera in una dichiarazione scritta che il viaggio di Raisi è “un tentativo di ottenere espressioni di sostegno da Islamabad e Rawalpindi”. [military leadership] Per quanto riguarda l'Iran, esso si trova sempre più coinvolto in un pericoloso conflitto con Israele.

READ  Il misterioso squalo artico si è perso ed è finito nei Caraibi: gli scienziati

Al-Zaidi ha aggiunto che i pensatori strategici iraniani si rendono conto che il Pakistan soffre di una crisi politica interna e di una serie crescente di fattori economici che limitano la portata del movimento riguardo alla partecipazione del Pakistan al conflitto in corso in Medio Oriente.

Qual è lo stato delle relazioni iraniano-pakistane?

Iran e Pakistan hanno una storia di relazioni difficili, in cui ciascuno accusa l’altro di non riuscire a tenere a freno i gruppi armati.

Le tensioni al confine si sono intensificate a gennaio, quando l’Iran ha lanciato attacchi aerei oltre il confine con il Pakistan, uccidendo due bambini. I media ufficiali iraniani hanno affermato che l'attacco ha preso di mira due basi del gruppo armato Jaish al-Adl. Il Pakistan ha risposto lanciando un missile sul territorio iraniano e richiamando il suo ambasciatore da Teheran.

Ma i due vicini hanno deciso di calmare le tensioni, poiché Teheran ha inviato il suo capo diplomatico a Islamabad per ricucire i rapporti. I due paesi hanno concordato di affrontare insieme la “minaccia del terrorismo”, soprattutto nella regione di confine. Prima della visita di Raisi, Teheran e Islamabad avevano parlato di lotta al “terrorismo”.

“A quel tempo, il Pakistan aveva un governo provvisorio. Ciò che gli iraniani indicavano era che dopo l’arrivo del nuovo governo, ci sarebbe potuta essere una visita per ricucire le relazioni e ricostruire la fiducia”, ha detto Muhammad Faisal, ricercatore dottorando presso l’Università di Tecnologia di Sydney. specializzato in politica estera pakistana.

Perché la relazione Pakistan-Iran è vitale?

Gli analisti di politica estera in Pakistan hanno sostenuto il nuovo impegno con l’Iran nonostante le tensioni al confine.

READ  La polizia del Kosovo scambia il fuoco con i serbi locali che bloccano le strade

“Il Pakistan ha un confine problematico con l’India e con l’Afghanistan. Stabilire una relazione normale e stabile con l’Iran era della massima importanza per il Pakistan, e rimane tale”, ha detto ad Al Jazeera la veterana diplomatica pakistana Maleeha Lodhi sulla scia delle tensioni al confine di gennaio. .

Islamabad e Teheran mirano a incrementare il commercio bilaterale, che attualmente ammonta a oltre 2 miliardi di dollari.

Faisal ha detto ad Al Jazeera che esiste un significativo commercio informale tra i due paesi, compreso il gas di petrolio liquefatto e il petrolio greggio. Ha aggiunto che l'Iran fornisce elettricità anche alla provincia del Balochistan e ad altre aree di confine del Pakistan.

Nel maggio 2023, Sharif e Raisi hanno aperto il primo mercato di frontiera al valico di frontiera Mand-Pishin.

Inoltre, i due vicini hanno stretti legami culturali e religiosi, con decine di migliaia di minoranze sciite del Pakistan che si recano ogni anno in Iran per eseguire l’Umrah.

Tuttavia, Al-Zaidi di Tadlab ha affermato che i legami culturali condivisi e i lunghi confini – 900 chilometri (559 miglia) – non si sono tradotti in scambi interpersonali e profondi legami commerciali.

“Invece, il commercio esula per lo più dall’ambito ufficiale e i viaggi sono limitati al turismo religioso”, ha aggiunto.

Alla vigilia del suo viaggio, il presidente iraniano si è posto l’obiettivo di raggiungere i 10 miliardi di dollari nel commercio bilaterale, affermando che il livello delle relazioni economiche tra i due paesi non è pari al livello delle relazioni politiche. Lo scorso agosto hanno fissato l’obiettivo commerciale bilaterale a 5 miliardi di dollari.

Il piano per costruire un gasdotto per esportare gas naturale iraniano in Pakistan è in fase di stallo a causa dell’opposizione degli Stati Uniti, che hanno imposto una vasta gamma di sanzioni a Teheran per il suo programma nucleare.

READ  Il deputato conservatore Luke Evans afferma di aver denunciato il flash elettronico alla polizia

Faisal, dell'Università di Tecnologia di Sydney, ha detto che il gasdotto Pakistan-Iran potrebbe essere discusso durante i colloqui.

Come ha risposto il Pakistan alle tensioni tra Iran e Israele?

Il 14 aprile, un giorno dopo gli attacchi iraniani contro Israele, il ministero degli Esteri pakistano ha rilasciato una dichiarazione in cui chiedeva la riduzione della tensione. La dichiarazione considerava gli eventi “le ripercussioni del collasso della diplomazia”.

“Ciò sottolinea anche le” gravi “ripercussioni nei casi in cui il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite non è in grado di adempiere alle proprie responsabilità per mantenere la pace e la sicurezza internazionale”, si legge nella dichiarazione del ministero.

Ha aggiunto che il Pakistan ha sottolineato la necessità di compiere sforzi internazionali per prevenire ulteriori ostilità nella regione e per raggiungere un cessate il fuoco a Gaza.

“Ora è diventato estremamente urgente stabilizzare la situazione e ripristinare la pace. Chiediamo a tutte le parti di esercitare la massima moderazione”, conclude la dichiarazione.

Il Pakistan non riconosce Israele e non ha canali di comunicazione diretti con esso.

“Negli ultimi anni sono aumentate le speculazioni sulle pressioni esercitate dai paesi del Consiglio di Cooperazione del Golfo [Gulf Cooperation Council] Il Pakistan ha chiesto modifiche alla sua politica nei confronti della Palestina. Al-Zaidi ha dichiarato: “Non vi è alcuna indicazione che un simile cambiamento sia sul tavolo”.