Aprile 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Putin pronuncia per la prima volta il nome di Navalny pochi minuti dopo aver annunciato la sua vittoria in un'elezione farsa

Putin pronuncia per la prima volta il nome di Navalny pochi minuti dopo aver annunciato la sua vittoria in un'elezione farsa

Vladimir Putin ha menzionato pubblicamente per la prima volta il nome del defunto esponente dell'opposizione Alexei Navalny pochi minuti dopo aver annunciato la sua vittoria nelle elezioni presidenziali russe truccate.

Parlando al quartier generale della sua campagna elettorale, poche ore dopo che i sondaggi prevedevano che avrebbe vinto più dell’87% dei voti nelle elezioni farsa, Putin ha descritto la morte di Navalny come un “triste evento” – prima di affermare di aver dato il via libera. Essere la figura dell'opposizione in uno scambio di prigionieri.

Navalny è morto il mese scorso in una colonia penale nel circolo polare artico dove era stato detenuto per lunghi periodi con inventate accuse di estremismo.

Le autorità russe insistono sul fatto che sia morto per cause naturali. Gli alleati di Navalny dicono che è stato ucciso.

La sua morte è avvenuta settimane dopo aver esortato i russi a votare per chiunque tranne Putin alle elezioni presidenziali.

Putin ha detto: “Per quanto riguarda il signor Navalny, è morto. “Questo è sempre un evento triste.”

In un caso di routine di Putin, ha aggiunto: “Ma abbiamo altri casi in cui le persone sono morte in prigione. Non succede mai negli Stati Uniti?

Yulia Navalnaya, vedova di Alexei Navalny, il leader dell'opposizione russa morto in un campo di concentramento, è in fila davanti all'ambasciata russa l'ultimo giorno delle elezioni presidenziali russe, a Berlino.

(Reuters)

Ha poi detto che i suoi funzionari avevano accettato un’offerta per liberare Navalny in uno scambio di prigionieri pochi giorni prima della sua morte.

READ  Zelensky ha affermato che l'Ucraina ha liberato quasi 1.000 insediamenti dal controllo russo

Sulla scia della sua morte, la squadra di Navalny ha affermato che Putin aveva ricevuto la loro proposta di scambiare la figura dell'opposizione con Vadim Krasikov, un sicario dell'FSB che stava scontando l'ergastolo in una prigione tedesca per omicidio. Oppositore del regime di Putin.

Il Cremlino ha negato che ciò sia accaduto quando gli è stato chiesto il mese scorso.

Ma Putin, nel suo discorso di domenica sera, ha detto di aver “acconsentito immediatamente” allo scambio di prigionieri quando gli è stato offerto.

“Ho detto subito: 'Sono d'accordo'”, ha aggiunto. “Purtroppo è successo. La condizione era che non tornasse mai più. Succede. Cosa puoi fare? Così è la vita.”

I commenti di Putin hanno suscitato rabbia nella squadra di Navalny.

Il leader dell'opposizione russa Alexei Navalny si rivolge ai suoi sostenitori durante una manifestazione anti-Putin non autorizzata il 5 maggio 2018 a Mosca.

(AFP/Getty)

Kira Yarmysh, portavoce di Navalny, ha pubblicato una clip del discorso di Putin insieme alla didascalia: “Putin ha ucciso Alexei Navalny”.

Maria Pevchikh, responsabile delle indagini presso la fondazione anticorruzione di Navalny, ha scritto su X: “Non ho ancora parole. Che feccia cinica e bugiarda. Impensabile”.

I critici del regime di Putin hanno notato che è interessante che l'autocrate abbia scelto un discorso di vittoria per pronunciare finalmente il nome di Navalny.

Dopo la morte del leader dell'opposizione, ma prima delle elezioni presidenziali, i media statali controllati dal Cremlino hanno a malapena riportato la sua morte.

Anche se l’esito delle elezioni non è mai stato in dubbio, il Cremlino ha fatto di tutto per eliminare ogni possibilità di interrompere i tre giorni di votazioni. Navalny, più di ogni altra figura dell’opposizione, era in una posizione migliore per incitare tali disordini, anche dall’isolamento.

READ  Chi è Santa Brigida e perché è diventata una tale ispirazione 1.500 anni dopo la sua morte?

“Putin era spaventato ed insicuro”, dice Oleg Kozlovsky, ricercatore russo presso Amnesty International e co-fondatore di Oporona, un movimento giovanile democratico in Russia. “A quanto pare l’incantesimo che gli impediva di pronunciare il nome di Alexei Navalny si è spezzato solo ora”.

Ha chiesto un'indagine internazionale sulla morte di Navalny. “Non vediamo la Russia mostrare alcuna intenzione di farlo”, ha detto.