Gennaio 29, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quando le ondate di licenziamenti allenteranno questo folle mercato del lavoro?

Quando le ondate di licenziamenti allenteranno questo folle mercato del lavoro?

Sta iniziando ora (ma un po’).

di Lupo Richter per Via Lupo.

Ci sono stati innumerevoli annunci di licenziamento, alcuni da parte di grandi società tecnologiche e di social media, altri da società perennemente in perdita che improvvisamente devono risparmiare denaro, come un’azienda BuzzFeed all’inizio di questa settimana di licenziare il 12% dei suoi dipendenti, o oggi attraverso la consegna di pasti a base di penny stock Blue Apron di licenziare il 10% dei dipendenti dell’azienda. La maggior parte dei licenziamenti annunciati erano centinaia. Alcuni erano più grandi, tipo Meta con 11.000; E Twitter, un casino completo di licenziamenti, dimissioni e torna per favore. Ma sono ancora numeri piccoli rispetto al totale di 153,5 milioni di dipendenti negli Stati Uniti.

Ma c’è ancora un file Storicamente un numero enorme di posti di lavoro. Anche se le aziende tecnologiche e dei social media stanno licenziando alcuni lavoratori, aziende industriali, case automobilistiche (che stanno investendo molto per costruire le proprie divisioni di veicoli elettrici) e altri stanno cercando disperatamente di assumere lavoratori tecnologici.

Ad esempio, Ford sta ridimensionando la sua forza lavoro nelle sue divisioni precedenti, dove le vendite sono in calo, ma sta assumendo talenti tecnici e ingegneristici nella divisione dei veicoli elettrici, dove le vendite sono in forte espansione e dove deve ricominciare tutto da zero, compresa la progettazione e costruzione di automobili e software, catene di approvvigionamento, fabbriche, ecc. Queste aziende sono state private del talento tecnologico perché non potevano competere con i ricchi pacchetti retributivi e le opzioni su azioni offerte da artisti del calibro di Twitter o Meta. Ma ora potrebbero essere in grado di attrarre talenti.

READ  La percentuale di utenti che soffrono di garanzie collaterali di criptovaluta si sta trasformando in bancarotta

Gli annunci di licenziamento da parte delle società statunitensi sono licenziamenti globaliAlcuni dei licenziamenti in altri paesi hanno fatto male. Ad esempio, i numeri dei licenziamenti di Twitter includevano licenziamenti in India, dove ha distrutto i suoi uffici. Twitter ha anche licenziato migliaia di appaltatori, molti dei quali in altri paesi.

Poi ci sono i titolari di visto H-1B. Le società di tecnologia e social media e altre società con divisioni tecnologiche lavorano molto con persone di altri paesi negli Stati Uniti con visti H-1B. I licenziamenti li includono. Ma queste persone hanno solo 60 giorni per trovare un altro datore di lavoro dopo la fine del loro attuale lavoro. Se non potessero, sarebbero considerati “fuori status” e in teoria dovrebbero lasciare gli Stati Uniti.

Quando i lavoratori con un visto H-1B vengono licenziati, non hanno diritto all’indennità di disoccupazione negli Stati Uniti e pertanto non compaiono nelle richieste di assicurazione contro la disoccupazione che prenderemo in considerazione.

Una volta che lasciano il paese, non appaiono più come “disoccupati” nel rapporto mensile sull’occupazione.

Questi sono tra i motivi per cui non stiamo assistendo a un aumento significativo delle richieste settimanali di assicurazione contro la disoccupazione da parte del Dipartimento del lavoro.

Ma la tendenza ha cambiato direzionepoiché le “richieste continuative” (richieste di assicurazione contro la disoccupazione da parte di persone che non hanno trovato un lavoro almeno una settimana dopo la loro richiesta iniziale) sono ora in forte aumento, sebbene siano ancora ai minimi storici.

Richieste iniziali per l’assicurazione contro la disoccupazione: 230.000 persone hanno presentato una domanda iniziale di assicurazione contro la disoccupazione presso gli uffici statali per la disoccupazione nella settimana fino a sabato, secondo oggi il Dipartimento del lavoro. Questo era nella stessa fascia bassa delle settimane precedenti (leggermente in rialzo rispetto alla scorsa settimana, leggermente in calo rispetto alla settimana precedente) e nella stessa fascia bassa di prima della pandemia:

READ  I guadagni delle azioni SPCE si sono mescolati al rilancio della vendita dei biglietti da parte di Virgin Galactic

La visione a lungo termine delle richieste iniziali per l’assicurazione contro la disoccupazione mostra quanto siano basse. Affinché il mercato del lavoro si indebolisca in modo significativo, dovremmo vedere il numero di richieste iniziali di sussidi di disoccupazione superare la soglia di 300.000.Quando si sono verificate le recessioni (barre viola), il numero di richieste settimanali iniziali stava salendo oltre il range di 350.000.

Ciò dimostra che la maggior parte delle persone licenziate ha trovato un lavoro così rapidamente o ha già un nuovo lavoro in attesa dietro le quinte che non ha bisogno di presentare domanda per l’indennità di disoccupazione.

Ma alcune persone ora hanno difficoltà a trovare un nuovo lavoro. Il numero di persone che ancora richiedono l’assicurazione contro la disoccupazione almeno una settimana dopo la domanda iniziale – persone che non hanno ancora trovato un altro lavoro – è salito a 1,67 milioni, secondo oggi il Dipartimento del Lavoro.

È ancora storicamente basso, poiché era più o meno basso come durante i punti più bassi appena prima della pandemia, e di gran lunga inferiore a qualsiasi altra cosa dalla metà degli anni ’70 (quando c’erano molti meno lavoratori).

Ma mostra che la tendenza si è fortemente invertita, che alcune persone hanno difficoltà a trovare un nuovo lavoro e rimangono un po’ più a lungo con l’assicurazione contro la disoccupazione. Questo è un segno che il mercato del lavoro sta diventando meno teso:

Questo è un breve parere:

La visione a lungo termine mostra il minimo storico degli 1,67 milioni di sinistri continuativi. Ma mostra anche che la tendenza è ora in aumento, avendo invertito la rotta in modo aggressivo. Durante una lieve recessione nel 2001, queste richieste continue sono salite a 3,7 milioni. Durante la Grande Recessione, sono balzati a 6,6 milioni.

READ  FTX dichiara bancarotta quando il CEO Sam Bankman-Fred si dimette

Abbiamo altre indicazioni che il mercato del lavoro sta diventando meno ristretto, ma è ancora molto ristretto. Weekly Unemployment Insurance Claims è il dato più recente che abbiamo a disposizione. E descrivono un mercato del lavoro che è ancora sorprendentemente ristretto, visti tutti gli annunci di licenziamento, ma sta iniziando ad allentarsi un po’ fino al punto in cui alcune persone che hanno perso il lavoro – e potrebbero non essere lavoratori tecnici – devono guardare un po’ più a lungo per trovare un nuovo lavoro e rimanere.Un’assicurazione contro la disoccupazione ancora per un po’.

Per restare nell’analogia dell'”atterraggio morbido”, il mercato del lavoro non è ancora crollato, ma sta perdendo forza.

Ti piace leggere WOLF STREET e vuoi sostenerlo? Puoi donare. Lo apprezzo molto. Clicca su un boccale di birra e tè freddo per scoprire come:

Vuoi essere avvisato via email quando WOLF STREET pubblica un nuovo articolo? Registrati qui.