Aprile 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ryanair avverte di un aumento dei prezzi del 10% a causa del ritardo dei nuovi aerei Boeing

Ryanair avverte di un aumento dei prezzi del 10% a causa del ritardo dei nuovi aerei Boeing
  • Scritto da Katie Austin
  • Corrispondente dei trasporti

Fonte immagine, Immagini Getty

I vacanzieri dovranno affrontare prezzi più alti quest'estate a causa del ritardo nelle consegne dei nuovi aerei Boeing, ha detto il capo di Ryanair.

L'amministratore delegato Michael O'Leary ha affermato che il ritardo nelle consegne degli aerei limiterebbe la capacità dei passeggeri.

Di conseguenza, ha affermato che i prezzi dei biglietti Ryanair potrebbero aumentare fino al 10% quest'estate.

O'Leary ha aggiunto che Ryanair spera di ricevere un risarcimento, ma si sta concentrando sulle consegne degli aerei.

Ha detto che la consegna di 57 Boeing 737 MAX 8200 era prevista entro marzo, ma la compagnia ritiene che solo 40-45 aerei potrebbero arrivare in tempo per la stagione estiva.

Boeing è sotto esame da un incidente avvenuto a gennaio, quando un pezzo di uno dei suoi aerei è esploso durante un volo passeggeri. Il volo passeggeri dell'Alaska Airlines non ha causato ferite gravi ma è stato costretto ad effettuare un atterraggio di emergenza.

Di conseguenza, ha detto O'Leary, il produttore americano ha un regolatore statunitense, la Federal Aviation Administration, “che lo striscia dappertutto”.

Sono state sollevate grandi preoccupazioni riguardo al controllo di qualità dei nuovi aerei Boeing, con conseguente rallentamento della velocità di produzione.

O'Leary ha affermato che i costi risparmiati grazie alla copertura sul carburante significherebbero che gli aumenti delle tariffe di Ryanair non sarebbero così gravi come l'aumento del 17% nel 2023.

Ad esempio, un problema con i motori di Pratt & Whitney ha portato alla messa a terra di numerosi aerei Airbus utilizzati da compagnie aeree come Wizz Air.

O'Leary ha detto ai giornalisti che quest'estate ci sarà un “contesto di prezzi più alti in tutta Europa”.

La previsione originale di Ryanair per l’anno fino a marzo 2025 era che avrebbe trasportato 205 milioni di passeggeri, rispetto ai 183,5 milioni dei 12 mesi precedenti.

Parlando al quartier generale della compagnia aerea a Dublino, O'Leary ha dichiarato: “Con meno aerei, probabilmente dovremo ridurre il numero di 205 milioni a 200 milioni di passeggeri”.

Ha aggiunto: “Se la capacità aumenta, penso che i prezzi diminuiranno”.

Lucy Coates, direttrice degli investimenti di JM Finn, ha dichiarato al programma Today della BBC: “La stessa Boeing ha affermato che quest'estate ci saranno 9.000 posti in meno disponibili a causa dei ritardi della società.

Ha aggiunto: “Ryanair è una compagnia aerea low cost, quindi i loro aumenti del 10% sono leggermente superiori alla media del 3-7%, ma il motivo è che provengono da una base bassa”.

Discutendo delle questioni relative al produttore di aerei statunitense Boeing, O'Leary ha descritto il messaggio che sta ricevendo attualmente dalla società come “confusione”.

Il capo della compagnia aerea ha ripetutamente sostenuto il senior management della Boeing, ma ha criticato gli standard di controllo qualità del produttore di aerei.

Ha detto che Ryanair voleva qualcuno incaricato di monitorare la situazione giorno per giorno, avendo precedentemente affermato che i suoi prodotti erano “grandi aerei, è solo che non li costruiscono in tempo o non li consegnano in tempo”.

Un portavoce di Boeing ha dichiarato: “Stiamo comunicando con i clienti che alcuni programmi di consegna potrebbero cambiare poiché ci prendiamo il tempo necessario per garantire che ogni aereo che consegniamo sia di alta qualità e soddisfi tutti i requisiti normativi e dei clienti”.

Hanno aggiunto che “si rammaricano profondamente dell'impatto che ciò ha avuto sul nostro stimato cliente Ryanair”.

“Stiamo lavorando per rispondere alle loro preoccupazioni e agire su un piano globale per migliorare la qualità del 737 e le prestazioni di consegna”.