Febbraio 27, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

S Jaishankar approfondisce Rahul Gandhi sull’aggressione cinese

S Jaishankar approfondisce Rahul Gandhi sull’aggressione cinese

Il ministro degli Esteri S Jaishankar parla alla presentazione del suo libro a Pune.

Pune:

Il ministro degli Esteri S Jaishankar ha affermato sabato che la terra che i leader dell’opposizione dicono essere stata occupata dalla Cina “era in realtà occupata nel 1962”, riferendosi alla guerra quando Jawaharlal Nehru era primo ministro. Ha anche criticato il leader del Congresso Rahul Gandhi, che ha recentemente parlato di un rapporto ufficiale sulla perdita di terra in Ladakh.

Ha detto: “A volte diffondono notizie che sanno essere false. Immaginano che sia appena successo, quando, in realtà, è successo nel 1962… Non ne parleranno”, riferendosi all’agenzia di stampa. ANI, per la versione cinese degli eventi. “Loro” potrebbero essersi riferiti anche alle recenti dichiarazioni dei leader dell’opposizione.

Sulla perdita di territorio, Rahul Gandhi è stato recentemente tra coloro che hanno citato un rapporto di un alto ufficiale di polizia del Ladakh che ha affermato che l’India ha perso l’accesso a 26 dei 65 punti di pattuglia nel Ladakh orientale. Il rapporto è stato presentato a una conferenza dei massimi ufficiali di polizia del Paese a Delhi, alla quale hanno partecipato il primo ministro Narendra Modi, il ministro dell’Interno Amit Shah e il consigliere per la sicurezza nazionale Ajit Doval.

Ma il signor Jaishankar ha cercato di contrastare questo, parlando all’evento di sabato a Pune.

“Inoltre, se avrò bisogno di sapere qualcosa (sulla Cina), non andrò dall’ambasciatore cinese per avere un contributo, ma dalla mia leadership militare”, ha aggiunto, riferendosi all’incontro di Rahul Gandhi con lui nel 2017, quando i due paesi erano in conflitto legamento.

READ  Incidente aereo in Nepal: almeno 68 morti quando un aereo della Yeti Airlines si schianta vicino a Pokhara

Il signor Gandhi ha spiegato all’epoca: “È mio compito informarci sulle questioni critiche. Ho incontrato l’ambasciatore cinese, l’ex consigliere per la sicurezza nazionale (in India), i leader del Congresso del Nordest e l’ambasciatore del Bhutan”.

All’evento di Pune, il ministro degli Esteri ha anche parlato dei media stranieri usando aggettivi come “nazionalista indù” per il governo indiano del Bharatiya Janata Party. “In America o in Europa”, ha detto, “non direbbero nazionalisti cristiani… Questi epiteti sono riservati a noi”.

Ha aggiunto che ne era orgoglioso. Parlando in hindi, il ministro ha detto: “Se guardi agli ultimi nove anni, non c’è dubbio che il governo e la politica di oggi siano più nazionalisti… Non credo ci sia motivo di scusarsi per questo”. Nell’edizione di Bharat Marg, la traduzione marathi del suo libro The Road to India

I suoi commenti ai media stranieri arrivano quando c’è una lite su un documentario della BBC sul primo ministro, The Modi Question, che parla delle rivolte del Gujarat del 2002, quando era primo ministro, e della presunta politica comunitaria del BJP.

La docu-serie in due parti è stata denunciata dal governo centrale come un “pezzo di propaganda” inteso a promuovere una narrativa screditata.

Nelle sue osservazioni a Pune, Jaishankar non ha affrontato specificamente questo problema, ma ha affermato che “tutti nel Paese sono associati al Primo Ministro Modi durante la presidenza indiana del G20”.

All’India è stata assegnata la presidenza del gruppo internazionale per un anno nell’ambito di un sistema di rotazione.