Aprile 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sbarco sulla Luna negli Stati Uniti: come guardare e cosa sapere sulla missione Odysseus

Sbarco sulla Luna negli Stati Uniti: come guardare e cosa sapere sulla missione Odysseus

Mercoledì mattina, un lander robotico lunare lanciato da una compagnia di Houston si è avvicinato alla luna.

Intuitive Machines ha annunciato che la sua navicella spaziale Odysseus ha fatto funzionare il motore per sei minuti e 48 secondi, rallentandolo abbastanza da essere trascinato dalla gravità della luna in un'orbita circolare a 57 miglia sopra la superficie.

Giovedì è previsto lo sbarco sulla Luna. Se tutto andrà bene, diventerà la prima navicella spaziale privata ad effettuare un atterraggio morbido lì e la prima missione americana ad arrivarci dai tempi dell’Apollo 17 nel 1972.

Si prevede che Ulisse atterrerà sulla superficie della Luna giovedì alle 17:30 ET. (Nel tardo pomeriggio di mercoledì, Intuitive Machines ha regolato l’orario di atterraggio, aumentandolo di 19 minuti, in base all’orbita raggiunta dalla navicella spaziale.)

Sebbene si tratti di una missione privata, il cliente principale è la NASA, che ha pagato 118 milioni di dollari per consegnare sei strumenti sulla Luna. La NASA TV trasmetterà la copertura Dall'atterraggio a partire dalle 16 di giovedì.

Ulisse punta a un luogo nella regione antartica, una pianura pianeggiante fuori dal cratere Malaparte A. (Malaparte A è un cratere satellite del più grande cratere Malaparte, che prende il nome da Charles Malaparte, un astronomo belga del XVII secolo.)

Il luogo dell'atterraggio si trova a circa 185 miglia dal polo sud della Luna.

Alcuni di questi crateri in quella zona sono ancora in ombra permanente, ed è un'area di particolare interesse perché lì è stato scoperto ghiaccio d'acqua. Le precedenti missioni lunari statunitensi sono sbarcate ai tropici.

READ  La fabbrica che costruisce veicoli spaziali per le missioni sulla luna nuova

La navicella spaziale girerà il suo motore in modo che l'orbita circolare si trasformi in un'orbita ellittica e scenderà fino a circa sei miglia dalla superficie lunare. Da questo punto in poi nella sequenza di atterraggio, Ulisse opererà interamente da solo. Dopo l'atterraggio per un'ora, il motore si riaccenderà e la navicella inizierà la sua discesa motorizzata. Dovrà rallentare fino alla velocità iniziale di circa 4.000 miglia orarie.

Odysseus seguirà la sua posizione attraverso telecamere, abbinerà i modelli dei crateri alle mappe memorizzate e misurerà la sua altezza facendo rimbalzare i laser sulla superficie.

A circa 2 miglia dal luogo di atterraggio, la navicella ruoterà in linea retta, con i sensori alla ricerca di un punto sicuro.

Per gli ultimi 50 piedi circa di discesa, Odysseus farà affidamento esclusivamente sulle unità di misurazione inerziali, che fungono da orecchio interno della navicella, misurando le forze di accelerazione. Smetterà di utilizzare la fotocamera e il laser che misurano l'altitudine per evitare di farsi ingannare dalla polvere proveniente dallo scarico del motore.

Poiché i pannelli solari forniscono energia alla navicella spaziale, la sua missione durerà solo circa sette giorni fino al tramonto del sole sul luogo di atterraggio. È allora che inizia una gelida notte lunare di due settimane e Ulisse non è stato progettato per sopravvivere a quelle condizioni.

I sei strumenti della NASA che Ulisse portò sulla Luna e quali erano i loro compiti:

  • Una serie di riflettori laser che fanno rimbalzare i raggi laser.

  • Lo strumento LIDAR misura con precisione l'altitudine e la velocità della navicella mentre scende sulla superficie lunare.

  • Una telecamera stereo catturerà il video del pennacchio di polvere prodotto dai motori dell'Odysseus durante l'atterraggio.

  • Un ricevitore radio a bassa frequenza misura gli effetti delle particelle cariche sui segnali radio vicino alla superficie lunare, fornendo informazioni che possono aiutare a progettare future osservazioni radio sulla Luna.

  • Un faro, Lunar Node-1, dimostrerà un sistema di navigazione autonomo.

  • Uno strumento situato nel serbatoio del carburante che utilizza le onde radio per misurare i livelli di carburante.

READ  Segni d'acqua su Marte potrebbero effettivamente essere un'indicazione di qualcos'altro

Il lander trasporta anche altri carichi utili, tra cui una telecamera costruita dagli studenti della Embry-Riddle Aeronautical University di Daytona Beach, in Florida; Un manuale per il futuro telescopio lunare; E un progetto artistico di Jeff Koons.

Per lo più molto bene.

Il 15 febbraio, un razzo SpaceX Falcon 9 ha inviato Odysseus su una traiettoria verso la Luna. Dopo che la navicella si è separata, si è alimentata con successo. L'accensione iniziale del motore è stata posticipata per testare il sistema di propulsione perché il propellente a ossigeno liquido ha impiegato più tempo a raffreddarsi di quanto previsto dai test a terra.

Gli ingegneri modificarono le procedure di accensione e l'incendio fu condotto con successo il 16 febbraio.

Lungo il percorso, la navicella spaziale ha inviato immagini catturate sia della Terra che della Luna.

I controllori di volo accesero il motore altre due volte, il 18 e il 20 febbraio, per stabilire il percorso della navicella verso la Luna. Il secondo tentativo è stato sufficientemente accurato da indurre i controllori di volo a decidere di saltare la terza correzione pianificata.

Il lander Intuitive Machines è un cilindro esagonale con sei gambe di atterraggio, alto circa 14 piedi e largo cinque piedi. Per i fan di “Dr. Who”, lo show televisivo di fantascienza, il lander ha all'incirca le dimensioni del Tardis, un veicolo spaziale in grado di viaggiare nel tempo che dall'esterno sembra una vecchia cabina telefonica della polizia britannica.

Al momento del lancio, con il pieno carico di propellente, il lander pesava circa 4.200 libbre.

READ  Piccole gocce d'acqua intrappolate nel sale racchiudono 150 milioni di anni di storia oceanica: ScienceAlert

Odysseus fa parte del programma Commercial Lunar Payload Services della NASA, che consente alle aziende private di inviare esperimenti sulla Luna e risparmia alla NASA la costruzione e la gestione dei propri lander lunari.

L’agenzia spaziale spera che questo approccio sia molto più economico, consentendole di inviare missioni più frequentemente mentre si prepara al ritorno degli astronauti americani sulla Luna come parte del suo programma Artemis.