Aprile 23, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Teheran ha promesso di reagire dopo che un raid attribuito a Israele ha distrutto il consolato iraniano in Siria, uccidendo 12 persone.

Teheran ha promesso di reagire dopo che un raid attribuito a Israele ha distrutto il consolato iraniano in Siria, uccidendo 12 persone.

TEHERAN, Iran (AP) – L’Iran ha promesso martedì che risponderà a qualsiasi attacco Attacco aereo ampiamente attribuito a Israele Che il giorno prima aveva distrutto il consolato iraniano nella capitale siriana, Damasco, e ucciso 12 persone, tra cui due generali iraniani e un membro del gruppo libanese Hezbollah.

Un funzionario siriano ha detto martedì che nel raid sono rimasti uccisi anche quattro cittadini siriani, senza fornire alcun dettaglio su di loro. Anche Hezbollah, che è stato un alleato chiave sia del governo del presidente siriano Bashar al-Assad che dell’Iran, ha promesso “punizione e vendetta” contro Israele.

La vice ambasciatrice dell'Iran presso le Nazioni Unite, Zahra Ershadi, ha dichiarato in una controversa riunione d'emergenza del Consiglio di sicurezza dell'ONU che alcuni iraniani sono rimasti feriti, ma “il bilancio finale e accurato delle vittime rimane incerto poiché l'intero edificio diplomatico è stato distrutto con individui intrappolati sotto le macerie.”

Israele lo ha fatto Ha ripetutamente preso di mira gli ufficiali iraniani In Siria e Libano non è stato confermato l'attacco di lunedì.

L'Iran risparmia denaro e Armi a Hezbollah, così come a Hamas E altri gruppi armati palestinesi che combattono Israele a Gaza. Da allora gli scontri tra Israele e Hezbollah sono aumentati lungo il confine israelo-libanese La guerra a Gaza è iniziata quasi sei mesi fa S.

La televisione di stato iraniana ha riferito che il Consiglio supremo di sicurezza nazionale iraniano, un organo decisionale chiave, si è riunito lunedì sera e ha deciso la risposta “necessaria” all’attacco. Ha aggiunto che l'incontro è stato presieduto dal presidente Ibrahim Raisi, senza fornire ulteriori dettagli.

“Li faremo pentire del crimine e di azioni simili”, ha detto il leader supremo, l'Ayatollah Ali Khamenei, che ha l'ultima parola su tutti gli affari di stato in Iran.

Il Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti ha affermato che gli Stati Uniti non hanno avuto alcun ruolo nell'attacco a Damasco e non ne erano a conoscenza in anticipo. Il vice ambasciatore americano presso le Nazioni Unite, Robert Wood, ha dichiarato al Consiglio di sicurezza dell’ONU: “Abbiamo segnalato questo direttamente all’Iran”, aggiungendo che gli Stati Uniti “non possono confermare alcuna informazione su questo evento”.

READ  La visita di Putin a Pechino conferma il sostegno economico e diplomatico della Cina alla Russia

Ershadi ha accusato Israele di minacciare la pace regionale e internazionale e ha dichiarato che “gli Stati Uniti sono responsabili di tutti i crimini commessi dal regime israeliano”.

Ha detto che l’Iran ha esercitato “molta moderazione”, ma che Israele deve ora assumersi “la piena responsabilità” per le conseguenze dell’attacco. L’Iran si riserva il diritto, ai sensi del diritto internazionale e della Carta delle Nazioni Unite, di “dare una risposta decisiva a tali azioni riprovevoli”.

Wood ha esortato l’Iran e i suoi alleati e partner nella regione – Hamas, Hezbollah e gli Houthi – a calmare le tensioni, e ha ripetuto i precedenti avvertimenti degli Stati Uniti a non sfruttare la situazione “per riprendere i loro attacchi contro gli Stati Uniti”. Affari del personale.”

Quasi tutti i membri del Consiglio hanno espresso preoccupazione per il fatto che l’attacco di Damasco, insieme alla guerra in corso tra Israele e Hamas a Gaza, possa estendersi all’intera regione del Medio Oriente, e oltre.

Non è chiaro se e quando l’Iran avrebbe risposto, ma qualsiasi ritorsione da parte di Teheran rischierebbe un pericoloso confronto con Israele e gli Stati Uniti.

Martedì più tardi, Assad ha espresso le sue condoglianze in una telefonata a Raisi e ha condannato Israele, ha riferito l'agenzia di stampa siriana SANA.

L'attacco aereo ha provocato la morte del generale Mohammad Reza Zahedi, che ha comandato la forza Quds del Corpo delle Guardie rivoluzionarie iraniane in Libano e Siria fino al 2016, del suo vice, il generale Mohammad Hadi Hajriahimi, e di altri cinque ufficiali. Nell'attacco è rimasto ucciso anche il membro di Hezbollah Hussein Yousef.

Il ministro della Sanità siriano Hassan Al-Ghobash ha affermato che oltre ai quattro cittadini siriani uccisi, altri 13 sono rimasti gravemente feriti nell'attacco aereo. Nessuna informazione è stata rivelata sui feriti.

L’Osservatorio siriano per i diritti umani con sede in Gran Bretagna, un gruppo di monitoraggio della guerra, ha affermato che i siriani erano membri di milizie filo-iraniane ma non ha fornito dettagli.

Martedì, annunciando la morte di Youssef, anche Hezbollah non ha fornito dettagli sul suo conto. Ha detto che Zahedi ha svolto un ruolo cruciale nell’aiutare a “sviluppare e migliorare il lavoro” del gruppo in Libano.

READ  L'Unione europea definisce inaccettabile il divieto di importazione di cereali e prodotti alimentari dall'Ucraina da parte di Polonia e Ungheria

La dichiarazione di Hezbollah afferma: “È certo che questo crimine non passerà senza che il nemico riceva punizione e vendetta”.

Il primo ministro siriano Hussein Arnous, dopo aver visitato l'ambasciata iraniana a Damasco, ha dichiarato che i soccorritori stanno ancora cercando i corpi sotto le macerie dell'edificio del consolato.

Da 7 ottobre, scoppio della guerra di GazaTuttavia, i rappresentanti iraniani hanno intensificato i loro attacchi, con scambi transfrontalieri quasi quotidiani tra Hezbollah e Israele e frequenti attacchi alle navi nel Mar Rosso da parte dei ribelli Houthi sostenuti dall’Iran.

Israele, che raramente riconosce gli attacchi contro obiettivi iraniani, ha affermato di non avere commenti sull’ultimo attacco in Siria, anche se un portavoce militare ha incolpato l’Iran per l’attacco. Attacco di droni lunedì mattina presto Contro una base navale nel sud di Israele.

Israele, sempre più impaziente nei confronti degli scambi con Hezbollah, ha messo in guardia sulla possibilità di una guerra totale. Gli Houthi hanno anche lanciato missili a lungo raggio verso Israele, anche lunedì.

Il ministro della Difesa israeliano Yoav Galant ha affermato che il suo Paese sta combattendo una guerra su più fronti, “offensivi e difensivi”.

“Ne vediamo le prove ogni giorno, anche negli ultimi giorni”, ha detto Galant, parlando davanti alla Commissione Difesa e Affari Esteri del parlamento israeliano. “Lavoriamo ovunque, ogni giorno, per impedire ai nostri nemici di prendere il potere e per chiarire a tutti coloro che agiscono contro di noi – in tutto il Medio Oriente – che il prezzo dell’agire contro Israele sarà alto. “

Il segretario generale dell'ONU António Guterres, che martedì ha ricevuto una telefonata dal ministro degli Esteri iraniano, ha condannato l'attacco al consolato iraniano e ha riaffermato martedì “il principio dell'inviolabilità degli edifici diplomatici e consolari”, secondo il suo portavoce Stephane Dujarric. Guterres ha anche affermato che il personale diplomatico “deve essere rispettato in ogni caso in conformità con il diritto internazionale”.

Durante una riunione del Consiglio di Sicurezza dell'ONU, l'ambasciatore russo all'ONU Vasily Nebenzia ha criticato gli Stati Uniti, il Regno Unito e la Francia per non aver condannato la violazione del diritto internazionale da parte di Israele e per aver deliberatamente colpito una premessa diplomatica.

READ  Un'esplosione colpisce una base militare irachena contenente milizie filo-iraniane

Ha poi detto ai giornalisti che la Russia avrebbe chiesto la condanna dell'attacco da parte del Consiglio di Sicurezza. Alla domanda se avesse qualche consiglio per l’Iran, Nebenzia ha risposto: “Ho un consiglio per Israele di mostrare moderazione e di non provocare un’ulteriore escalation, che è quello che ha fatto questa volta”.

“Al contrario, è l’Iran e i suoi delegati che hanno effettuato una serie di attacchi in tutta la regione”, ha risposto America Wood.

Secondo la Convenzione di Vienna sull’immunità diplomatica del 1961, i locali di una missione diplomatica non possono essere inviolabili.

Gli stati arabi del Golfo, l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti e il Qatar, hanno condannato l’attacco mentre crescevano i timori per l’espansione del conflitto regionale. La Lega Araba, composta da 22 nazioni, ha criticato Israele, affermando che mira ad “ampliare la portata della guerra e spingere la regione nel caos”.

L'agenzia di stampa ufficiale iraniana IRNA ha riferito che lunedì nella tarda serata l'Iran ha trasmesso agli Stati Uniti un messaggio importante, trasmesso tramite l'inviato svizzero a Teheran. La Svizzera tutela gli interessi americani in Iran poiché tra Washington e Teheran non esistono relazioni diplomatiche.

L'IRNA ha anche affermato che l'Iran ritiene responsabili dell'attacco gli Stati Uniti, il più stretto alleato di Israele.

Nel frattempo, un funzionario della difesa statunitense ha affermato che le forze statunitensi hanno rilevato e distrutto un drone d’attacco nella guarnigione di Al-Tanf in Siria lunedì pomeriggio.

Non si segnalano feriti né danni alle infrastrutture. Il funzionario ha parlato in condizione di anonimato per discutere dettagli che non sono ancora stati resi noti. Il funzionario ha detto che il drone era vicino alla base, ma non era chiaro se stesse prendendo di mira la base.

__

Chehayeb ha riferito da Beirut. Hanno contribuito a questo rapporto gli scrittori dell'Associated Press Sami Magdy al Cairo, Ellen Knickmeyer e Tara Cobb a Washington e Edith M. Lederer alle Nazioni Unite.