Novembre 27, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Terremoti in California misteriosamente preceduti da cambiamenti nel campo magnetico terrestre: ScienceAlert

Terremoti in California misteriosamente preceduti da cambiamenti nel campo magnetico terrestre: ScienceAlert

Quando il prossimo terremoto colpirà da qualche parte nel mondo, arriverà senza preavviso, distruggendo le infrastrutture e mettendo a rischio vite umane.

Tuttavia, nei giorni precedenti l’evento, gigantesche forze geologiche avrebbero effettivamente agito, per distorcere la crosta in modi sottili che potrebbero, in teoria, prevedere la prossima catastrofe.

Un possibile segno potrebbe includere lampi nel campo magnetico che deviano e fluiscono attorno al nostro pianeta. Per decenni, i ricercatori hanno discusso i meriti della ricerca di firme magnetiche di tremori imminenti, per mancanza di prove convincenti.

Un nuovo caso di studio controllato da QuakeFinderun progetto di ricerca umana all’interno della società di servizi di ingegneria dei sistemi Stellar Solutions, in collaborazione con il team di Google Accelerated Science, conclude che potrebbero esserci buone ragioni per continuare la ricerca.

Presentazione apprendimento automatico Per le misurazioni a terra dei cambiamenti magnetici locali in vista di una serie di importanti terremoti in tutta la California tra il 2005 e il 2019, i ricercatori hanno trovato segni di un modello che richiede ulteriori studi.

Ciò non significa che l’effetto che hanno osservato possa essere necessariamente utilizzato per prevedere i terremoti, ma rappresenta comunque un’ottima introduzione allo studio futuro.

“Non affermiamo che questo segnale sia presente prima di ogni terremoto”, ha detto il direttore di QuakeFinder Dan Schneider Joshua Rap ha detto di IMPARARE in EOS.

Tuttavia, i risultati potrebbero essere sufficienti per mantenere vivo ancora per un po’ il controverso argomento delle previsioni elettromagnetiche di forti scosse.

Le ipotesi dietro le ipotetiche fluttuazioni del campo magnetico prima dei terremoti sembrano abbastanza ragionevoli. Alcuni sostengono il massiccio accumulo di pressione nella crosta prima del terremoto potrebbe, in teoria, Modificare le proprietà degli strati rocciosi abbastanza da influenzare la loro conduttività.

READ  Come quasi un capello umano ha fermato il lancio di SpaceX

Altri studi suggeriscono sacche di gas intrappolate Si accumulano prima di essere rilasciati creando le correnti elettriche necessarie per influenzare l’attività magnetica.

Il rilevamento dei conseguenti cambiamenti di frequenza ultra-bassa nel campo magnetico darebbe alle autorità un avvertimento che qualcosa di grosso sta per esplodere, fornendo il tempo per prepararsi allo stesso modo in cui le comunità potrebbero fare per un uragano in crescita.

Sfortunatamente, quella che sembra un’idea promettente deve affrontare una serie di ostacoli nell’attuazione.

Per prima cosa, molte cose possono creare oscillazioni a bassa frequenza in punti locali in un campo magnetico. L’aumento del traffico nelle vicinanze o piccoli cambiamenti nell’attività solare possono creare rumore che può essere considerato un disturbo geologico.

La decifrazione di un segnale affidabile da questo rumore richiede apparecchiature di misurazione accurate in posizioni fisse vicino a forti scosse. Anche se ciò si verifica, è necessario registrare un numero sufficiente di terremoti della dimensione appropriata per un campione statistico.

Con siti di ricerca vicini a malfunzionamenti in tutta la California, Quakefinder è in una posizione di forza per superare questi ostacoli.

I magnetometri sepolti in vari siti di ricerca hanno fornito ai ricercatori una grande quantità di dati sui terremoti di magnitudo superiore a 4,5.

Dopo aver selezionato i terremoti per i quali le misurazioni sono state prese da due siti vicini ed escluse le coppie di siti senza registrazioni adeguate, ai ricercatori sono state lasciate 19 misurazioni dei terremoti.

Questo campione è stato quindi diviso in due gruppi, uno che fungeva da base per uno studio di apprendimento automatico che ha tentato di individuare possibili modelli dagli effetti noti, con il secondo gruppo che fungeva da test per eventuali potenziali scoperte.

READ  SpaceX ha lanciato 4 astronauti della NASA dopo un volo privato

Il rapporto segnale-rumore determinato dal processo confermato nella corsa sperimentale non era del tutto robusto. Come ammettono i ricercatori, rapporto pubblicatoL’anomalia elettromagnetica evidente prima dei terremoti “era osservabile, documentata e accettata molto prima” in precedenti indagini.

Ma fanno notare che qualcosa di intrigante risiede nel lampo elettromagnetico come un grido sospetto durante un temporale, che avrebbe potuto essere presente tre giorni prima del terremoto. La messa a punto del metodo dei ricercatori con un campione più ampio potrebbe essere in grado di determinare cosa sta succedendo.

Se gli studi futuri raggiungeranno un ronzio affidabile di imminente rovina nel campo magnetico di una singola regione, potrebbe non essere un tono globale e richiedere ulteriori test in più località del mondo.

Al momento, l’idea di utilizzare piccoli cambiamenti nel campo magnetico del pianeta per prevedere i tremori è ancora controversa. Ma, rafforzate da scoperte come queste, ulteriori indagini potrebbero finalmente rivelare i sussurri segreti di un guasto al punto di rottura.

Questa ricerca è stata pubblicata in Giornale di ricerca geofisica: Terra solida.