Dicembre 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Trump è sbagliato”, Pence dice di falsa affermazione sul ribaltamento delle elezioni

L’ex vicepresidente Mike Pence venerdì ha offerto il suo più energico rimprovero nei confronti di Donald Trump, dicendo che Mr. Trump ha “torto” sul fatto che Mr. Pence aveva l’autorità legale per modificare i risultati delle elezioni del 2020 e che il Partito Repubblicano doveva accettare il risultato e guardare al futuro.

Parlando a un raduno di conservatori vicino a Orlando, in Florida, l’ex vicepresidente ha detto di comprendere “la delusione che tanti provano per le ultime elezioni”, ma ha ripudiato Mr. Le false affermazioni di Trump secondo cui Mr. Pence potrebbe respingere i risultati del Collegio Elettorale e alterare il risultato dell’anno scorso.

“Il presidente Trump ha torto”, ha detto. Pence, nelle sue osservazioni davanti alla Federalist Society, un’organizzazione legale conservatrice. “Non avevo il diritto di ribaltare le elezioni”.

I commenti hanno segnato il più forte rifiuto del sig. Gli sforzi di Trump per ribaltare le elezioni del 2020 dal suo ex vicepresidente. Sig. Pence ha rifiutato di cedere al sig. La campagna di pressione di Trump a gennaio 6 per modificare i risultati. Da allora, è rimasto relativamente tranquillo su quella decisione, rifiutandosi in gran parte di attaccare direttamente Mr. Trump o incolparlo per aver incitato all’assedio mortale al Campidoglio. In apparizioni pubbliche l’anno scorso, il sig. Pence ha difeso il suo ruolo nel resistere a Mr. Trump, ma non è andato oltre dicendo che i due uomini non “vedranno mai negli occhi quel giorno”.

Ma negli ultimi giorni sono aumentate le tensioni tra i due uomini. Come il sig. Pence si posiziona per una possibile candidatura presidenziale nel 2024, Mr. Trump ha spinto più intensamente una falsa narrativa volta a incolpare il suo ex vicepresidente per aver presentato domanda per impedire al presidente Biden di entrare in carica.

READ  Obama è tornato alla Casa Bianca con Biden per un evento sanitario

Sig. Pence ha espresso la sua opposizione venerdì come più ampia del momento politico immediato, il che implica che le false affermazioni spinte dal sig. Trump e i suoi seguaci hanno minacciato di minare la democrazia americana.

“La verità è che c’è più in gioco del nostro partito o delle nostre fortune politiche”, ha detto. “Se perdiamo fiducia nella Costituzione, non perderemo solo le elezioni, perderemo il nostro Paese”.

In un discorso incentrato principalmente sull’attacco alle politiche e ai record dell’amministrazione Biden, il sig. Pence ha sconfessato molte delle falsità spinte dal sig. Trump e la sua base sulle elezioni. Ha descritto gen. 6 come un “giorno oscuro” a Washington, rompendo con l’ala destra del suo partito che ha tentato di riscrivere la storia descrivendo l’assedio come una manifestazione pacifica e chiamando i rivoltosi “prigionieri politici”. E ha esortato il sig. Trump e il suo partito ad accettare i risultati delle ultime elezioni.

“Qualunque cosa ci riservi il futuro, so che quel giorno abbiamo fatto il nostro dovere,” Mr. ha detto Pence. “Credo sia giunto il momento di concentrarsi sul futuro”.

I suoi commenti sono arrivati ​​poche ore dopo che il Partito Repubblicano aveva votato per censurare due legislatori repubblicani per aver preso parte all’indagine della Camera del 19 gennaio. 6 attacco. I legislatori, i rappresentanti Liz Cheney del Wyoming e Adam Kinzinger dell’Illinois, sono stati censurati per aver partecipato a quella che la risoluzione del partito ha descritto come la “persecuzione dei cittadini comuni coinvolti in discorsi politici legittimi”.

Studiosi legali e funzionari di entrambe le parti affermano che il vicepresidente non ha il potere di ribaltare le elezioni. Sig. Pence è d’accordo con questa interpretazione della legge: in una lettera al Congresso inviata la mattina dell’attacco al Campidoglio, il sig. Pence ha respinto le affermazioni del presidente, scrivendo che la Costituzione “mi impedisce di rivendicare l’autorità unilaterale per determinare quali voti elettorali dovrebbero essere contati e quali no”.

READ  È improbabile che la star di Chris Lies infortunata Ja Morant giocherà nella quarta partita

Domenica il sig. Trump ha affermato falsamente che il sig. Pence avrebbe potuto “rovesciare le elezioni” in una dichiarazione di denuncia una spinta bipartisan per riscrivere l’Electoral Count Act del 1887. L’ex presidente e i suoi alleati hanno interpretato male quella legge secolare nel loro tentativo fallito di persuadere Mr. Penny per buttare fuori i risultati elettorali legittimi. E martedì il sig. Trump ha detto che il comitato del Congresso che sta indagando sul ruolo della sua amministrazione nel violento gen. 6 attacco al Campidoglio dovrebbe invece esaminare “perché Mike Pence non ha rimandato i voti per la ricertificazione o l’approvazione”.

Sig. I tentativi di Trump di influenzare il suo vicepresidente sono diventati il ​​fulcro della commissione della Camera che indaga sul gen. 6 attacco, con alcuni membri che vedono la partecipazione del sig. La squadra di Pence è fondamentale per decidere se ha prove sufficienti per deferire criminalmente il sig. Trump al Dipartimento di Giustizia. Due del sig. Gli aiutanti di Pence ha testimoniato in privato davanti al comitato questa settimana e il sig. L’avvocato di Pence e il pannello hanno parlato in modo informale se l’ex vicepresidente sarebbe disposto a parlare con gli investigatori.

Il Dipartimento di Giustizia ha anche esaminato i modi in cui il sig. Gli attacchi di Trump a Mr. Pence ha influenzato la mafia il gen. 6. Nelle recenti negoziazioni di patteggiamento in alcuni gen. 6 casi, i pubblici ministeri hanno chiesto agli avvocati difensori se i loro clienti avrebbero ammesso in dichiarazioni giurate di aver preso d’assalto il Campidoglio credendo che il sig. Trump voleva che fermassero Mr. Pence dalla certificazione dell’elezione.

READ  Bruce Willis si ritira dalla recitazione dopo che gli è stata diagnosticata l'afasia - Hollywood Reporter

Mentre gli aggressori hanno fatto irruzione in Campidoglio quel giorno, alcuni hanno cantato “Hang Mike Pence”. Sig. Trump inizialmente ha respinto le chiamate di aiutanti e alleati per annullarli. Da allora, il sig. Trump ha difeso i canti come comprensibili perché, come ha detto in un’intervista a Jonathan Karl di ABC News, “La gente era molto arrabbiata” per le elezioni.