Giugno 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una missione della NASA ha determinato che Marte gira molto più velocemente

Una missione della NASA ha determinato che Marte gira molto più velocemente

Tempo di lettura stimato: 3-4 minuti

ATLANTA — Marte sta girando più velocemente di quanto non sia mai stato prima, secondo i dati raccolti dal lander InSight della NASA sul pianeta rosso.

L’ormai ritirato InSight era armato con una suite di strumenti, tra cui antenne e un ricetrasmettitore radio chiamato RISE, o Internal Structure and Rotation Experiment. Gli strumenti sono stati utilizzati per tracciare la rotazione di Marte durante i primi 900 giorni della missione sul pianeta.

Gli astronomi hanno determinato che la rotazione del pianeta sta aumentando di circa 4 millisecondi all’anno², o accorciando la lunghezza di un giorno su Marte di una frazione di millisecondo all’anno. Un giorno marziano dura circa 40 minuti in più di un giorno sulla Terra.

L’aumento dell’accelerazione sembra essere minuscolo e i ricercatori non sono del tutto sicuri del perché. Tuttavia, suggeriscono che potrebbe essere dovuto all’accumulo di ghiaccio ai poli di Marte o alla comparsa di masse continentali dopo essere state ricoperte di ghiaccio. Quando la massa di un pianeta cambia in questo modo, può accelerare la rotazione del pianeta.

I risultati, che si basano su un’analisi dei dati InSight condivisi prima che la missione fosse esaurita e ritirata, sono riportati in un rapporto Lo studio di giugno è stato pubblicato sulla rivista Nature.

Inizialmente, InSight, la prima missione per studiare l’interno di Marte, avrebbe dovuto continuare circa due anni dopo l’atterraggio nel novembre 2018. Ma la NASA ha esteso la missione per altri due anni.

La missione InSight ha continuato a raccogliere dati su Marte fino alla fine, Silenzio nel dicembre 2022 Dopo che la polvere ha impedito ai pannelli solari di ricevere la luce solare.

READ  Perché la NASA sta cercando di schiantare la Terra su Marte?

Gli scienziati hanno utilizzato il Deep Space Network per trasmettere segnali a RISE su InSight, che poi ha riflesso il segnale sulla Terra. Questi segnali trasmessi hanno aiutato i ricercatori a tracciare piccoli cambiamenti di frequenza causati dallo spostamento Doppler, che è ciò che fa cambiare tono alle sirene a seconda della loro distanza. La frequenza cambia a causa della rotazione del pianeta.

“Quello che stiamo cercando sono differenze di poche decine di centimetri nel corso di un anno marziano”, ha detto in una dichiarazione l’autore senior dello studio Sebastien Le Maistre, investigatore principale di RISE presso l’Osservatorio reale del Belgio. “Ci vuole molto tempo e molti dati per accumularsi prima che possiamo anche solo vedere queste differenze”.

Misurazione dell’oscillazione di Marte

Precedenti ricerche rese possibili dalle scoperte uniche della missione dell’interno del pianeta hanno confermato che Marte ha un nucleo metallico fuso. I ricercatori hanno quindi utilizzato RISE per misurare l’oscillazione di Marte mentre il suo nucleo scorre.

Il monitoraggio dell’oscillazione di Marte, o morphing, ha permesso al team di misurare le dimensioni del nucleo.

I dati RISE indicano che il raggio del nucleo è di circa 1.140 miglia.

Questa nuova cifra è stata confrontata con le stime precedenti del raggio del nucleo che era Raccolti seguendo le onde sismiche mentre viaggiano attraverso l’interno di Marte. Combinando queste misurazioni, i ricercatori stimano che il raggio del nucleo di Marte sia compreso tra 1.112 e 1.150 miglia.

Sebbene InSight non sia più operativo, il suo tesoro di dati raccolti durante i suoi quattro anni su Marte ha cambiato il modo in cui gli scienziati comprendono il Pianeta Rosso. La missione è stata la prima a rivelare alcuni dei segreti dell’interno di Marte e gli scienziati analizzeranno i suoi dati per i decenni a venire.

READ  UN VERO MOSTRO MARINO - Gli scienziati hanno scoperto una nuova enorme specie di mosasauro

“È davvero bello essere in grado di ottenere questa ultima misurazione – ed è proprio questo”, ha detto in una dichiarazione Bruce Banerdt, che è stato investigatore principale per InSight prima di ritirarsi il 1 agosto. Ha lavorato al Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California, per 46 anni.

“Sono stato coinvolto negli sforzi per portare una stazione geofisica come InSight su Marte per molto tempo, e risultati come questo valgono tutti quei decenni di lavoro.”

storie correlate

Ultime storie di scienza

Altre storie che potrebbero interessarti