Febbraio 2, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli ingegneri russi valutano le perdite dalla navicella spaziale dell’equipaggio Soyuz – Spaceflight Now

Gli ingegneri russi valutano le perdite dalla navicella spaziale dell'equipaggio Soyuz - Spaceflight Now
Particelle di refrigerante fuoriescono dalla navicella spaziale russa Soyuz MS-22 fuori dalla Stazione Spaziale Internazionale. Credito: NASA TV/Spaceflight Now

Un traghetto dell’equipaggio russo Soyuz ha attraccato alla Stazione Spaziale Internazionale, vomitando particelle di una sostanza sconosciuta, presumibilmente un liquido criogenico, nello spazio mercoledì notte, costringendo due cosmonauti russi a cancellare una passeggiata spaziale pianificata mentre gli ingegneri a terra si affrettavano a determinare la fonte. la fonte. effetti di dispersione.

I controllori della missione hanno notato per la prima volta la perdita intorno alle 19:45 EDT di mercoledì (0045 GMT di giovedì), secondo Rob Navias, un portavoce della NASA che ha fornito commenti alla TV della NASA. La perdita si è verificata quando i cosmonauti russi Sergei Prokopyev e Dmitry Petlin si sono preparati per una passeggiata nello spazio per aiutare a trasferire il refrigerante dall’esterno del modulo Rassvet della Russia al modulo scientifico Nauka della stazione spaziale.

Ma prima che gli astronauti potessero uscire, i controllori di terra russi vicino a Mosca hanno notato “una grande perdita di una sostanza sconosciuta dal retro della navicella Soyuz MS-22 attraccata nel modulo Rasvet della Stazione Spaziale Internazionale”, ha dichiarato la NASA in una nota. . Mercoledì notte.

Navias ha affermato che le squadre di terra russe hanno notato un segnale acustico che indicava un calo di pressione nel circuito di raffreddamento esterno della navicella Soyuz quando è stato osservato per la prima volta uno spruzzo di particelle simili alla neve che scorreva via dalla capsula.

Navias ha affermato che ci sono due collettori nell’unico circuito di raffreddamento della navicella Soyuz. Non è stato immediatamente chiaro il potenziale impatto dell’apparente perdita di refrigerante sulle prestazioni della navicella Soyuz, che è stata lanciata il 21 settembre dal cosmodromo di Baikonur in Kazakistan con Prokopyev, Betlin e l’astronauta della NASA Frank Rubio.

READ  Il lancio inaugurale del razzo SLS della NASA è stato ritardato almeno ad agosto 2022

“La passeggiata spaziale è stata annullata e le squadre di terra a Mosca stanno valutando la natura dei fluidi e i potenziali impatti sulla sicurezza della navicella Soyuz”, ha dichiarato la NASA in una nota.

“Gli esperti di Mosca daranno un’occhiata ai loro sistemi e risponderanno alla fuga secondo le proprie procedure e politiche”, ha affermato Emily Nelson, principale responsabile di volo della NASA presso il Johnson Space Center di Houston. “Una volta che avranno una buona comprensione della posizione finale di Soyuz stasera, prenderemo una decisione congiunta su dove procedere da qui”.

Non vi è alcun pericolo per l’equipaggio da un’apparente perdita di refrigerante, ha detto Navias, ma i funzionari dovranno risolvere le condizioni della navicella Soyuz MS-22, la scialuppa di salvataggio e tornare a casa per tre membri dell’equipaggio nello spazio internazionale. Stazione.

“Il miglior piano d’azione stasera era focalizzare tutta la nostra attenzione, tutta l’attenzione del nostro team di Mosca, per capire esattamente cosa sta succedendo con la navicella Soyuz, e ci riorganizzeremo domani”, ha detto Nelson mercoledì sera.

Composizione della Stazione Spaziale Internazionale al 14 dicembre, che mostra la posizione della navicella spaziale MS-22 Soyuz attaccata al modulo Rassvet sul lato del complesso rivolto verso la Terra. Credito: NASA

Gli ingegneri russi stavano anche valutando se la perdita fosse stata causata da una collisione con spazzatura spaziale o un piccolo meteorite, o se fosse stata causata da un problema con la navicella Soyuz.

La navicella spaziale Soyuz MS-22 dovrebbe tornare sulla Terra con Prokopyev, Petelin e Rubio il 28 marzo. Fino ad allora, il veicolo spaziale funge da scialuppa di salvataggio di emergenza per l’equipaggio di tre uomini che è stato lanciato a bordo a settembre. Se i funzionari russi determinano che la navicella Soyuz MS-22 non è in grado di riportare a casa l’equipaggio, una Soyuz sostitutiva potrebbe essere lanciata da Baikonur senza che nessuno a bordo attracchi automaticamente alla stazione.

READ  Il triste destino degli antichi navigatori con una buona balistica

Ma non è chiaro quando la prossima Soyuz in linea, la Soyuz MS-23, potrebbe essere pronta per il lancio. Attualmente è programmato per decollare il 16 marzo con i cosmonauti russi Oleg Kononenko e Nikolai Chubb e l’astronauta della NASA Laurel O’Hara per iniziare una spedizione di sei mesi.

I controllori di terra russi hanno incaricato i cosmonauti nella parte russa della stazione di scattare foto ingrandite del modulo di misurazione e spinta sulla navicella Soyuz MS-22, l’apparente origine della perdita.

L’astronauta della NASA Francisco “Frank” Rubio, il comandante russo Sergei Prokopyev e il cosmonauta Dmitry Petlin fuori dal portello della navicella Soyuz MS-22 prima del suo lancio il 21 settembre. Credito: GCTC

Attualmente ci sono sette membri dell’equipaggio sulla Stazione Spaziale Internazionale. Anche la navicella SpaceX Crew Dragon ha attraccato alla parte americana dell’avamposto dopo essere arrivata il 6 ottobre con gli astronauti della NASA Nicole Mann e Josh Cassada, l’astronauta giapponese Koichi Wakata e la cosmonauta russa Anna Kikina.

Tramite un pannello di controllo all’interno della stazione, Kekina ha esteso il braccio robotico europeo per ispezionare la navicella spaziale Soyuz MS-22 dopo la perdita.

La prossima missione SpaceX Crew Dragon è prevista per il lancio il 19 febbraio dal Kennedy Space Center in Florida con due astronauti della NASA, un astronauta degli Emirati Arabi Uniti e un cosmonauta russo.

Alla stazione spaziale sono attaccate anche due navi di rifornimento russe e la nave da carico Northrop Grumman Cygnus.

Invia un’e-mail all’autore.

Segui Stephen Clark su Twitter: @dipendente.