Febbraio 3, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Hanno detto torna, siamo tornati. It Feels Great’: I duetti di Sir Paul McCartney con John Lennon durante lo storico spettacolo di Spokane

Hanno detto torna, siamo tornati.  It Feels Great': I duetti di Sir Paul McCartney con John Lennon durante lo storico spettacolo di Spokane

Sir Paul McCartney ha fatto la storia con la sua prima festa a Spokane ieri sera (giovedì 28 aprile). È stato un concerto che includeva un ‘duetto’ con John Lennon – grazie alla magia elettronica – e grandi applausi. Quando la leggenda dei Beatles ha sventolato la bandiera ucraina.

Questo è stato il primo concerto di McCartney dall’estate del 2019. Quando è salito sul palco per la prima volta, il 79enne ha dovuto fare una pausa per un momento, apparentemente influenzato dalla sensazione di tornare in strada, nel mezzo di una pandemia che ha devastato e sconvolto molto, non ultimo con la musica dal vivo.

Hanno detto: “Torna indietro”, abbiamo promesso. “È fantastico”, ha detto. “Devi concedermi un momento per me stesso, solo per farmi assorbire.”

È stato uno dei tanti momenti durante il concerto di apertura del suo tour “Got Back”, che consisteva in 16 tappe prima della sua esibizione principale al Festival di Glastonbury il 25 giugno (che cadeva una settimana dopo il suo 80esimo compleanno).

“Come stai, Spokane?” chiese McCartney. “Penso che passeremo una buona notte”.

E lo hanno fatto. McCartney non ha mai avuto modo di mettersi in mostra sul palco con qualcuno come Mick Jagger, ma la sua performance è stata eccezionale sotto molti aspetti. Il set includeva la sua prima esibizione dal vivo dell’intera “You Never Give Me Your Money”, una canzone che arriva alla fine del secondo lato di Abby’s Road, l’ultima registrazione dei Beatles insieme. Ha anche suonato “Nonostante tutto il pericolo”, una melodia astratta che ha eseguito una volta con i The Quarrymen, il gruppo che ha preceduto i Beatles.

READ  La madre della vittima di Jeffrey Dahmer critica le persone che indossano costumi malvagi di Halloween

Mentre le persone erano stupite di quanto potesse arrivare la voce di McCartney, il settantenne era molto mobile quando quella voce non raggiungeva i toni che aveva prima.

“Molte persone stanno cercando di imparare questa canzone di ‘Blackbird'”, ha detto dolcemente prima di iniziare a suonare. “E vi sbagliate tutti”.

Qualcuno ha sentito la somiglianza quando lui e la sua band sono tornati sul palco per il bis, e gli ex Beatles si sono fatti applausi sventolando un’enorme bandiera dell’Ucraina. “Abbiamo qualcosa di speciale per te”, ha detto.

Paul McCartney durante il suo concerto a Spokane, Washington

(Nisha Saxena)

E così hanno fatto, eseguendo “I Have a Feeling”, in cui John Lennon ha cantato insieme a un’opera riprendere Direttore Peter Jackson. Un punto culminante del documentario è il concerto che hanno tenuto il 30 gennaio 1969 sul tetto del quartier generale della Apple Corps a Londra al 3 di Savile Row. Gli scatti un tempo sgranati sono impreziositi da colori e toni profondi.

Goditi l’accesso illimitato a 70 milioni di brani e podcast senza pubblicità con Amazon Music Iscriviti ora per una prova gratuita di 30 giorni

Partecipazione

“Peter Jackson ha detto ‘Posso ritirare la voce di John se vuoi'”, ha detto McCartney al pubblico.

E così hanno suonato insieme, McCartney – i suoi lunghi capelli grigi – e Lennon, che è stato ucciso a colpi di arma da fuoco a New York l’8 dicembre 1980, per un momento come se avessero evitato quel fatale confronto con l’ossessionato cheerleader Mark David Chapman. È tornato di nuovo con la sua band, in un felice ma amaro pomeriggio di gennaio, esibendosi come lui, l’ultima esibizione dal vivo dei Beatles.

La città di Spokane, con una popolazione di 220.000 abitanti, si trova a circa 300 miglia a est di Seattle ea 90 miglia dal confine con il Canada. Sebbene sia la seconda città più grande dello stato di Washington, ha una sorta di atmosfera da città di campagna, in particolare più conservatrice della città liberale di Seattle. La gente è sorpresa che suoni qui, riempiendo la Spokane Arena da 8.000 posti?

“Non sono sorpresa. Avevamo Elton John qui e Rod Stewart”, ha detto Mary Mitchell, 58 anni, originaria del Montana, che era alla festa con suo marito Stephen, nato a Londra.


Ama provare questi posti più piccoli

Paul McCartney è un fan di Debbie Bangs

Un’altra coppia tra il pubblico, Debbie e Jim Bangs, 70 anni, hanno detto di aver già visto McCartney a Missoula, nel Montana, quando si è esibito in un festival all’aperto nel 2014.

“Adora provare questi piccoli posti”, ha osservato Debbie, che aveva sperato che McCartney suonasse la sua canzone preferita, “Birthday”.

Jim doveva far eseguire a McCartney “Till There Was You”, una canzone originariamente scritta ed eseguita da Meredith Wilson, che i Beatles hanno interpretato e incluso nel loro album del 1963, con i Beatles. Jim ha detto che la cantava al figlio quando era bambino. Questa volta, McCartney non l’ha incluso nel suo repertorio, ma ha suonato “Get Back”, un altro dei suoi preferiti.

I funzionari hanno detto che i biglietti per lo spettacolo sono andati esauriti in pochi minuti.

“La gente è molto eccitata”, ha detto il portavoce della città Brian Coddington prima della cerimonia.

“È una grande opportunità per aiutare Paul McCartney a iniziare il suo tour e anche per mostrare la nostra comunità al mondo”, ha aggiunto.

McCartney e la sua band hanno suonato per oltre due ore e due ore, facendosi strada attraverso l’elenco delle tracce di 36 tracce.

“Grazie”, disse McCartney. “Grazie.”