Maggio 21, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I chip rendono difficile per gli Stati Uniti lasciare la Cina

I chip rendono difficile per gli Stati Uniti lasciare la Cina

A maggio, il produttore di chip Micron Technologies, con sede in Idaho, è stato colpito duramente durante la guerra tecnologica tra Stati Uniti e Cina. Il governo cinese ha vietato alle aziende che gestiscono informazioni sensibili di acquistare chip Micron, affermando che la società non ha superato una revisione della sicurezza informatica.

disse Micron Il cambiamento può distruggere circa un ottavo del suo fatturato globale. Tuttavia, a giugno, il produttore di chip ha annunciato che avrebbe aumentato i suoi investimenti in Cina, aggiungendo 600 milioni di dollari per espandere un impianto di confezionamento di chip nella città cinese di Xi’an.

“Questo progetto di investimento dimostra l’incrollabile impegno di Micron nei confronti della sua attività e del suo team in Cina”, si legge in un annuncio pubblicato sull’account cinese dei social media dell’azienda.

Le aziende globali di semiconduttori si trovano in una posizione molto difficile mentre cercano di creare una spaccatura crescente tra Stati Uniti e Cina. L’industria dei semiconduttori è diventata il ground zero per la rivalità tecnologica tra Washington e Pechino, con nuove restrizioni e misure punitive imposte da entrambe le parti.

I funzionari statunitensi affermano che i prodotti statunitensi hanno alimentato i programmi militari e di sorveglianza cinesi che vanno contro gli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Hanno imposto limiti sempre più rigidi sul tipo di chip e attrezzature per la produzione di chip che possono essere inviati in Cina e stanno offrendo nuovi incentivi, tra cui sovvenzioni e agevolazioni fiscali, ai produttori di chip che scelgono di costruire nuove operazioni negli Stati Uniti.

Ma possono volerci anni per costruire fabbriche e le relazioni tra le aziende rimangono forti. La Cina è un mercato importante per i chip, poiché ospita molte fabbriche che producono prodotti ricchi di chip, tra cui smartphone, lavastoviglie, automobili e computer, che vengono esportati in tutto il mondo e acquistati dai consumatori in Cina.

READ  La Casa Bianca afferma che un secondo trimestre consecutivo di PIL negativo è "improbabile" essere indicativo di una recessione

Nel complesso, la Cina rappresenta quasi un terzo delle vendite globali di semiconduttori. Ma per alcuni produttori di chip, il paese rappresenta il 60% o il 70% delle loro entrate. Anche quando i chip vengono prodotti negli Stati Uniti, vengono spesso inviati in Cina per l’assemblaggio e il collaudo.

“Non possiamo semplicemente premere un interruttore e improvvisamente dire che devi portare tutto fuori dalla Cina”, ha detto Emily S. Weinstein, ricercatrice presso il Georgetown Center on Security and Emerging Technology.

La dipendenza dell’industria dalla Cina evidenzia come la relazione economica stretta, ma molto controversa, tra Washington e Pechino ponga sfide per entrambe le parti.

Tali tensioni si sono riflesse durante la visita del segretario al Tesoro Janet L. Yellen a Pechino questa settimana, dove ha tentato di camminare su una linea sottile criticando alcune delle pratiche della Cina insistendo sul fatto che gli Stati Uniti non cercano di recidere i legami con il paese.

La signora Yellen ha criticato le recenti misure punitive della Cina contro le società straniere, inclusa la limitazione dell’esportazione di alcuni metalli utilizzati per produrre trucioli, e ha suggerito che tali misure fossero la ragione per cui l’amministrazione Biden ha cercato di rendere i produttori statunitensi meno dipendenti dalla Cina. Ma ha anche sottolineato che il rapporto tra Stati Uniti e Cina è strategico e importante.

“Ho chiarito che gli Stati Uniti non cercano un completo disaccoppiamento delle nostre economie”, ha detto la signora Yellen durante una tavola rotonda con le società statunitensi che operano in Cina. Cerchiamo la diversificazione, non la separazione. Il disaccoppiamento delle due maggiori economie mondiali destabilizzerebbe l’economia globale e sarebbe praticamente impossibile farlo”.

READ  Il dollaro è aumentato in vista della riunione di Jackson Hole poiché i dati lo hanno supportato

L’amministrazione Biden si sta preparando a iniziare a investire pesantemente nella produzione di semiconduttori negli Stati Uniti per attirare le fabbriche fuori dalla Cina. Entro la fine dell’anno, il Dipartimento del Commercio dovrebbe iniziare a distribuire fondi per aiutare le aziende a costruire impianti di chip negli Stati Uniti. I soldi arriveranno con delle stringhe: le aziende che ricevono finanziamenti devono astenersi dall’espandere impianti di produzione ad alta tecnologia in Cina.

L’amministrazione sta anche prendendo in considerazione ulteriori restrizioni sui chip che possono essere inviati in Cina, come parte di una spinta per espandere e porre fine alle restrizioni radicali emesse lo scorso ottobre.

Tali misure potrebbero includere potenziali restrizioni sulle vendite alla Cina di chip avanzati utilizzati nell’intelligenza artificiale, nuove restrizioni sull’accesso delle aziende cinesi ai servizi di cloud computing statunitensi e restrizioni sugli investimenti di capitale di rischio statunitensi nel settore dei chip cinesi, secondo persone che hanno familiarità con il piani.

L’amministrazione sta inoltre valutando la possibilità di sospendere le licenze concesse ad alcuni produttori di chip statunitensi che hanno consentito loro di continuare a vendere prodotti alla società di telecomunicazioni cinese Huawei.

Anche Giappone e Paesi Bassi, sede di aziende che producono apparecchiature avanzate per la produzione di chip, hanno imposto nuove restrizioni alle loro vendite in Cina, in parte su sollecitazione degli Stati Uniti.

La Cina ha emesso restrizioni proprie, compresi nuovi controlli sulle esportazioni di metalli utilizzati per produrre trucioli.

Tra normative più severe e nuovi programmi di incentivi dagli Stati Uniti e dall’Europa, le società globali di chip guardano sempre più al di fuori della Cina mentre scelgono le località per il loro prossimo grande investimento. Ma è probabile che ci vorranno anni per costruire queste strutture, il che significa che eventuali cambiamenti nel mercato globale dei semiconduttori appariranno gradualmente.

READ  Abbiamo provato il nuovo Double Big Mac di McDonald's e la torta di fragole e crema

John Neufer, presidente della Semiconductor Industry Association, che rappresenta l’industria dei chip, ha affermato in una dichiarazione che la continua escalation dei controlli rappresenta un rischio significativo per la competitività globale dell’industria statunitense.

“La Cina è il più grande mercato mondiale per i semiconduttori e le nostre aziende devono semplicemente fare affari lì per continuare a crescere, innovare e stare al passo con i concorrenti globali”, ha affermato. “Sollecitiamo soluzioni che proteggano la sicurezza nazionale, evitino danni involontari e permanenti all’industria dei chip ed evitino future escalation”.