Dicembre 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il candidato bosniaco moderato guida la corsa per il seggio presidenziale

Il candidato bosniaco moderato guida la corsa per il seggio presidenziale
  • La Bosnia al voto in mezzo alla crisi politica
  • Leader bosniaco moderato pronto a vincere il seggio presidenziale
  • International Peace Observer impone modifiche alla legge elettorale

SARAJEVO (Reuters) – I risultati preliminari hanno mostrato lunedì che il candidato bosniaco moderato Denis Beserevich guidava la sua candidatura alla presidenza tripartita del Paese.

Becerevic, membro del Partito socialdemocratico (SDP) sostenuto da 11 partiti di opposizione a orientamento civile, ha ricevuto il 55,78% dei voti su Bakir Izetbegovic, a cui ha partecipato il Partito d’azione democratico (SDA) nazionalista bosniaco (musulmano bosniaco). potere dalla fine della guerra nel 1996.

Izetbegovic, che secondo la commissione elettorale ha ricevuto il 39,31% dei voti, ha ammesso la sconfitta nella tarda serata di domenica.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Gli elettori bosniaci sono usciti per scegliere la nuova presidenza collettiva del paese e i legislatori a livello nazionale, regionale e locale, in una competizione tra nazionalisti affermati e riformatori incentrati sull’economia.

La Bosnia sta attraversando la sua peggiore crisi politica dalla fine della sua guerra negli anni ’90, spinta dalle politiche separatiste della leadership serba e dalle minacce di blocco dei croati bosniaci.

“E’ tempo per una trasformazione positiva in Bosnia”, ha detto Becirovic ai giornalisti dopo la dichiarazione della vittoria.

Le autorità elettorali hanno dichiarato lunedì che Borjana Kristo dell’Unione democratica croata nazionalista (HDZ) ha ricevuto il 51,36% dei voti per il membro presidenziale croato mentre il moderato Zeljko Komsic è arrivato secondo con il 48,64% dei voti sulla base del 54,73% dei voti contati .

Domenica, Komcic ha dichiarato la vittoria dopo che i risultati preliminari della SDA lo hanno portato davanti a Christo con il 70,73% dei voti, sulla base dell’80% dei voti contati.

READ  La Russia colpisce il portavoce del Pentagono per commenti emotivi: Kirby "perde i nervi"

Zelica Svijanovic, alleata del leader separatista serbo-bosniaco filorusso Milorad Dodik, ha ottenuto il 51,65% dei voti conteggiati nella corsa per eleggere i serbi alla presidenza bosniaca.

La commissione ha affermato che continuerà ad aggiornare i risultati preliminari quotidianamente da lunedì.

La Bosnia è composta da due regioni autonome: la Republika Srpska, a maggioranza serba, e la Federazione condivisa da bosgnacchi, o bosniaci musulmani, e croati, legati da un debole governo centrale. La Federazione è divisa in 10 cantoni. C’è anche la zona neutra di Brcko nel nord.

La corsa alla presidenza della Repubblica autonoma serba di Bosnia tra Dodik e la professoressa di economia Jelena Trevik dell’opposizione sembra ancora inconcludente, a giudicare dai risultati dei partiti in competizione.

La dichiarazione di vittoria di Komcic è stata pesantemente criticata dai partiti politici croati, che lamentano che la maggioranza dei bosgnacchi elegge un membro della propria presidenza. Hanno minacciato di bloccare la formazione di un governo regionale se Komcic avesse vinto.

Ma appena un’ora dopo la chiusura delle urne, l’International Peace Monitor for Bosnia ha imposto modifiche alla legge elettorale, imponendo meccanismi di deregolamentazione e scadenze rigorose a tutela del lavoro del sindacato.

La commissione elettorale ha affermato che l’affluenza alle 19:00 (1700 GMT) era del 50%.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Reportage aggiuntivo di Reuters TV e Ivana Sikolarak. Montaggio di Jan Harvey, Alexander Smith, Nick McPhee, Diane Kraft e Sam Holmes

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.