Febbraio 2, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il più grande passo falso del calcio dopo che Ronaldo pensava che la vittoria fosse stata in Sud Africa

Cristiano Ronaldo ha preso d’assalto il mondo del calcio quando ha completato il suo incredibile trasferimento da 175 milioni di sterline al club Al-Nassr dell’Arabia Saudita dopo la sua amara uscita dal Manchester United.

Nonostante abbia ricevuto il più caloroso benvenuto in Arabia Saudita, Ronaldo ha annunciato di essere felice di trasferirsi in Sud Africa alla presentazione ufficiale del Medio Oriente.

Un video pubblicato sui social media mostra Ronaldo che dice: “Il calcio è diverso, quindi per me non è la fine della mia carriera andare in Sud Africa. Ecco perché voglio un cambiamento, e ad essere sincero non sono preoccupato per ciò che la gente dire.

Ma Ronaldo sarà lieto di sapere che non è solo quando si tratta di falsi trasferimenti. qui, sportsmail Recensioni tra le migliori nel corso degli anni.

Cristiano Ronaldo ha fatto una gaffe imbarazzante sulla presentazione di Al Nassr dopo aver detto che era felice di trasferirsi in Sud Africa invece che in Arabia Saudita.

Robinho crede di essere passato al Chelsea dopo aver battuto il record di trasferimenti per passare al Manchester City

Nel 2008, la superstar brasiliana Robinho desiderava disperatamente lasciare il Real Madrid per unirsi al Chelsea.

Tuttavia, il 24enne ha invece battuto il record di trasferimenti britannici quando ha firmato per il Manchester City per 32,5 milioni di sterline.

Sfortunatamente per Robinho, ha commesso un grave errore quando i giornalisti lo hanno interrogato sul suo nuovo club.

“L’ultimo giorno della finestra di mercato, il Chelsea ha fatto una buona offerta per me personalmente, e buona per il Real Madrid, ed è stata accettata”, ha detto, prima che qualcuno facesse notare la sua falsità.

Chelsea? No Manchester. Scusa, ha aggiunto.

Robinho indossa la sua maglia numero 10 insieme all'allora allenatore del Manchester City, Mark Hughes

Robinho indossa la sua maglia numero 10 insieme all’allora allenatore del Manchester City, Mark Hughes

Martin Braithwaite e Theo Hernandez si scontrano al Camp Nou e al Bernabeu

READ  5 Note dalla sconfitta pre-stagionale dei Packers contro i Chiefs

Nel 2020, Braithwaite ha completato un controverso trasferimento di emergenza dal Leganes dopo che il Barcellona ha attivato la sua clausola rescissoria da 16 milioni di sterline dopo il permesso della Liga.

Come di consueto con i ranghi del Barcellona, ​​Braithwaite è stato scoperto al Camp Nou, ma in circostanze strane.

A causa della pandemia, l’attaccante è stato costretto a esibirsi nel famoso stadio senza tifosi a portata di mano.

Penseresti che avrebbe potuto alleviare i suoi nervi, ma sfortunatamente non è stato così e il nuovo acquisto non è riuscito a impressionare, facendo un terribile tentativo di mostrare le sue capacità.

Il filmato si è fatto strada sui social media mostrando il 28enne che cercava di far rotolare la palla tra i piedi con un ritmo alternato, prima di tentare un “colpo dell’arcobaleno” e lanciarlo in aria.

Ma dopo due tentativi falliti, l’aggressore ha deciso di arrendersi e si è semplicemente schivato prima di essere preso in giro sui social.

Immagino si possa dire che Braithwate stava seguendo le orme di Theo Hernandez che ha avuto un successo simile (o meno) quando ha firmato per il Real Madrid nel 2017.

L’affare da 20 milioni di sterline è sembrato sotto pressione di fronte a pochi fan al Bernabeu e lui è riuscito a gestire solo sei run prima che la palla colpisse il mazzo.

È giusto dire che Hernandez ha fatto molta strada da allora, avendo raggiunto la gloria della Coppa del Mondo con la Francia nel 2018.

Dov’è finito il distintivo? Kieran Trippier e Maxwell Cornet perdono il loro nuovo stemma del club… a una certa distanza!

Una delle situazioni in cui un nuovo giocatore fa una mossa è quella di indicare lo stemma come dimostrazione di passione per i tifosi.

Ma sfortunatamente per Kieran Trippier e Maxwell Cornet, entrambi falliscono in modo imbarazzante nel trovare dove si trova il distintivo.

Lo scorso gennaio, Trippier è diventato il primo acquisto del Newcastle con i proprietari sostenuti dai sauditi con un contratto da 12 milioni di sterline dopo un periodo stellare all’Atletico Madrid.

READ  Gli Yankees hanno inserito Giancarlo Stanton nella lista degli infortunati

Ma i fan hanno subito notato un grosso errore dopo che il Newcastle ha pubblicato una foto della loro nuova aggiunta che indicava la sua manica invece dello stemma Toon.

Non è affatto il primo a farlo. Solo sei mesi fa, Burnley ha ingaggiato il nazionale della Costa d’Avorio Maxwell Cornet dal Lione.

Ma analogamente a Trippier, Cornet ha perso lo stemma dei Clarets mentre firmava le foto e si è ritrovato a indicare un’insegna Umbro sulla sua nuova collezione.

Maxwell Cornet si riferisce al distintivo Umbro

Kieran Trippier è stato visto fare riferimento all'agenzia di viaggi sponsor del club, Kayak

Kieran Trippier e Maxwell Cornet non si sono resi conto che non si riferivano agli stemmi del loro nuovo club.

L’Everton ha scritto male il nome di Gerard Deulofeu sul retro delle nuove maglie in vendita

Non è un nome facile da pronunciare in alcun modo, ma speri che l’Everton faccia la dovuta diligenza prima di provare a montare magliette con il loro nuovo nome distintivo sul retro.

Deulofeu, prodotto della famosa accademia La Masia, è stato inizialmente acquistato dai Toffees in prestito dal Barcellona nel 2013.

All’Everton è costato 4,2 milioni di sterline rendere definitivo il trasferimento – dopo essersi assicurato un altro periodo in prestito al Siviglia – e ha avuto un enorme impatto sulla sua corsa verso la Premier League mentre il suo ritmo fulmineo tormentava i difensori.

Ha firmato come uno dei giovani talenti più promettenti al mondo, ma per chiunque voglia il proprio nome sul retro delle proprie maglie, spero che conservino una ricevuta.

L’errore imbarazzante è che il nome dell’imminente stella dell’Everton è scritto male “Deufoleu”. Almeno hanno il numero giusto!

Le magliette dell'Everton mostrate mostrate con il nome di Gerard Deulofeu scritto in modo errato (a destra)

Le magliette dell’Everton mostrate mostrate con il nome di Gerard Deulofeu scritto in modo errato (a destra)

Benteke afferma di essere un giocatore del Burnley su Twitter dopo aver firmato per il Crystal Palace

READ  Sembra che Mike Tyson abbia picchiato il suo collega

Quando l’ex attaccante del Liverpool ha completato il suo trasferimento al Crystal Palace per una quota record del club fino a 32 milioni di sterline nel 2016, ha subito un disastro di pubbliche relazioni.

Il suo profilo Twitter aggiornato mostrava foto di lui con la maglia del Palace, ma la biografia recita: “Burnleyl FC e la nazionale belga”. La sua posizione è rimasta la stessa del Liverpool.

Il 25enne ha poi cambiato club in CPFC, ma non prima che molti dei suoi 350.000 follower si prendessero gioco dell’errore.

Benteke si è subito reso conto e si è scusato con la sua nuova base di fan, twittando: “Scusa sì, ho firmato per cpfc non burnley. Scusa per il piccolo errore, la persona che gestisce il mio Twitter mi ha un po’ confuso.

Dopo aver firmato per il Crystal Palace, Christian Benteke ha accidentalmente dichiarato di essere un giocatore del Burnley su Twitter

Dopo aver firmato per il Crystal Palace, Christian Benteke ha accidentalmente dichiarato di essere un giocatore del Burnley su Twitter

Il flop del Tottenham Roberto Soldado non riesce a calciare il pallone tra i tifosi del Villarreal… due volte

Roberto Soldado è diventato l’acquisto più costoso del Tottenham quando si è trasferito a nord di Londra dal Valencia per 26 milioni di sterline nell’agosto 2013.

È giusto dire che non ha avuto la sua forma migliore con il Tottenham, segnando solo 16 gol in 76 presenze nelle sue due stagioni al White Hart Lane.

L’attaccante spagnolo è tornato a casa nel 2015, questa volta per unirsi al Villarreal nella speranza di ricominciare la sua carriera, ma è iniziata nel peggiore dei modi.

Durante la sua inaugurazione, Soldado è stato incaricato di calciare il pallone contro un piccolo gruppo di tifosi sugli spalti.

Ma non poteva andare peggio, dato che l’attaccante ha sopravvalutato la distanza e ha sbattuto la palla sopra le loro teste, non una ma due volte.