Febbraio 3, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La cometa appare per la prima volta e probabilmente solo nella storia documentata

Il nuovo anno è appena iniziato, ma l’universo sta già iniziando a fare la storia nel 2023. Una cometa scoperta meno di un anno fa ha percorso miliardi di miglia dalle sue presunte origini ai margini del nostro sistema solare e sarà visibile tra poco poche settimane durante quella che probabilmente sarà la sua unica apparizione.

La cometa C/2022 E3 (ZTF) è stata vista per la prima volta nel marzo 2022 mentre si faceva strada attraverso l’orbita di Giove. Secondo la NASA, si ritiene che sia una cometa di lungo periodo proveniente dalla nube di Oort, la regione più esterna del sistema solare terrestre che sembra una “grande bolla dalle pareti spesse fatta di pezzi ghiacciati di detriti spaziali” che può diventare più grande di montagne. Si pensa che il bordo interno di questa regione sia compreso tra 2.000 e 5.000 unità astronomiche (AU) dal sole, tra 186 miliardi e 465 miliardi di miglia.

Ciò significa che C/2022 E3 (ZTF) ha compiuto un raro viaggio irripetibile per avvicinarsi alla Terra.

La maggior parte delle comete di lungo periodo conosciute sono state viste solo una volta nella storia documentata perché i loro periodi orbitali sono così buoni, lungoLa NASA dice: “Innumerevoli comete sconosciute di lungo periodo non sono mai state viste da occhi umani. Alcune orbitano così a lungo che l’ultima volta che hanno attraversato il sistema solare interno, la nostra specie non esisteva ancora”.

Una recente cometa di questo tipo, C/2013 A1 Siding Spring, ha già visitato il sistema solare interno e Si è avvicinato a Marte nel 2014Ma secondo l’agenzia spaziale, non tornerà per circa 740.000 anni.

READ  Non perderti il ​​picco della pioggia di meteoriti orionidi stasera (21 ottobre)

ha dichiarato Jessica Lee, astronoma del Royal Observatory Greenwich Newssettimana Quella cometa E3 potrebbe essere una situazione simile.

“Non abbiamo ancora una stima di quanto possa arrivare dalla Terra – le stime variano – ma se dovesse tornare indietro non sarà per almeno 50.000 anni”, ha detto. “…alcune proiezioni sono che l’orbita di questa cometa è così eccentrica che non è più in orbita – quindi non tornerà affatto e continuerà a muoversi.”

Ora, la cometa E3 recentemente scoperta, che è stata vista con a Zombie verde brillante e la coda di polvere “corta, larga”, impostata su Fai il suo approccio più vicino al sole Il 12 gennaio raggiungerà il suo punto più vicino alla Terra il 2 febbraio.

L’astrofotografo Dan Bartlett ha scattato una foto della cometa a dicembre dal suo cortile in California. Ha detto di essere stato in grado di vedere la “complessa struttura della coda” nella coda di plasma della cometa e “le condizioni stanno migliorando”.

Dan Bartlett è riuscito a scattare una foto della cometa dalla sua casa in California il 19 dicembre. / Credito: Dan Bartlett / NASA

Se tutto va bene e la cometa continua nella sua attuale direzione per illuminarsi, la NASA ha affermato che sarà facilmente individuabile con l’aiuto del binocolo. È anche possibile che sia visibile ad occhio nudo lontano dalle luci della città. La NASA ha detto che quelli nell’emisfero settentrionale potranno vedere la cometa al mattino, mentre quelli nell’emisfero meridionale potranno vederla all’inizio di febbraio.

L’agenzia ha aggiunto: “Non si prevede che questa cometa sarà la scena in cui la cometa NEOWISE è tornata nel 2020”. “Ma è ancora una meravigliosa opportunità per stabilire una connessione personale con un gelido visitatore proveniente dal lontano sistema solare esterno.”

READ  Gli astrofisici "risolvono un'impronta gravitazionale fondamentale attorno a un buco nero"

Autore e illustratore del libro per bambini We Are Here per celebrare la comunità nera

Le “piastrelle” stampate in 3D stanno aiutando a far rivivere le barriere coralline in tutto il mondo

La fondatrice di Lila, Caitlyn Schollmeier, sulla creazione di un abito da lavoro virale