Settembre 26, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La guerra tra Russia e Ucraina: aggiornamenti in tempo reale – The New York Times

La guerra tra Russia e Ucraina: aggiornamenti in tempo reale - The New York Times
a lui attribuito…Dmytro Kosatsky / Azov Battaglione speciale dell’Ufficio stampa della Guardia nazionale ucraina

Le autorità ucraine hanno assicurato il rilascio dei leader del battaglione Azov, che Difesa di Mariupol All’interno di un’estesa acciaieria li ha trasformati in celebrità in tutta l’Ucraina e li ha resi un prezioso premio per il Cremlino quando si sono arresi alle forze russe a maggio dopo un assedio di 80 giorni.

Andrei Yermak, uno dei massimi consiglieri del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, ha confermato mercoledì alla fine che il comandante del battaglione Azov, il tenente colonnello Denis Prokopenko, e il suo vice, il capitano Svyatoslav Palamar, erano tra i 215 prigionieri di guerra ucraini rilasciati nel prigioniero scambio, rendendola la più grande operazione di scambio nel suo genere dall’inizio della guerra.

Per la loro liberazione, gli ucraini hanno rinunciato al loro prezioso premio: Victor Medvichuk, un uomo d’affari e politico ucraino, è un caro amico del presidente russo Vladimir Putin. Il signor Medvichuk è stato arrestato dopo essersi nascosto in attesa del processo all’inizio della guerra e accusato di tradimento, secondo funzionari ucraini.

Per gli ucraini valeva la pena pagare il prezzo.

Il presidente Volodymyr Zelensky ha emesso un chiaro ordine di restituire i nostri eroi. Il risultato: i nostri eroi sono liberi”, ha detto il signor Yermak in una dichiarazione mercoledì sera. “Abbiamo sostituito 200 dei nostri eroi con Medvichuk, che aveva già dato tutte le testimonianze che poteva”.

Il signor Yermak ha detto che il signor Medvechuk era tra le 55 persone consegnate dal governo ucraino ai russi come parte dello scambio. Non ha fornito dettagli sulle loro identità, ma un alto funzionario militare ucraino, parlando in condizione di anonimato per discutere i dettagli dello scambio, ha affermato che includevano piloti e alti ufficiali militari russi.

READ  Vladimir Kara-Murza è stato arrestato a Mosca dopo un'intervista alla CNN in cui criticava Putin

Il funzionario non ha detto quando esattamente è avvenuto lo scambio, anche se i media ucraini hanno iniziato a pubblicare foto mercoledì tardi, ora di Kiev, di quelli che hanno detto essere i leader appena rilasciati.

Lo scambio ha rappresentato una grande vittoria per il signor Zelensky, che ha promesso di rimpatriare tutti i prigionieri di guerra. È probabile che il ritorno dei comandanti dell’Azov in particolare aumenti il ​​morale delle forze ucraine attraverso la linea del fronte e arriva dopo che le forze russe sono state rapidamente sconfitte in un attacco ucraino in gran parte a sorpresa. Spingili fuori dal territorio dell’Ucraina nord-orientale Hanno occupato nelle prime settimane di guerra.

Il signor Yermak ha affermato che tra gli ucraini rilasciati nello scambio c’erano soldati, guardie di frontiera e agenti di polizia, oltre a diverse combattenti ucraine che erano incinte. Il capo della polizia della pattuglia di Mariupol, Mikhail Vershinin, che era tra i difensori Mariupolinsieme a 10 stranieri, di cui due americani, erano membri della Legione straniera ucraina, un gruppo di combattenti stranieri che presero parte ad alcune delle battaglie più sanguinose della guerra.

Sono stati rilasciati anche 108 membri del Battaglione Azov, un’unità all’interno delle forze armate ucraine che la propaganda russa ha tentato di ritrarre come neonazisti come parte della giustificazione del Cremlino per la guerra.

La difesa dei soldati Azov per Mariupol, una città portuale nel sud dell’Ucraina devastata dalle forze russe nei primi mesi di guerra, è diventata fonte di ispirazione e orgoglio per gli ucraini, con i ritratti dei leader esposti sui cartelloni pubblicitari in tutto il paese.

READ  Dalle medaglie ai segnali stradali, i russi stanno cercando di imprimere il loro marchio su Mariupol

Per 80 giorni, la divisione dei soldati, in inferiorità numerica e armata rispetto alle forze russe, ha continuato a combattere nonostante le pesanti perdite e la grave carenza di cibo, acqua e armi. Si sono nascosti nelle cache sotto Azovstal per lavori siderurgiciuna fabbrica tentacolare che divenne allo stesso tempo una fortezza e una trappola, dalla quale alla fine non riuscirono a sfuggire.

La decisione dell’esercito ucraino di impartire ordini ai combattenti Abbandonare A maggio è stata una scommessa. Anche se ha salvato le loro vite, ha sollevato il timore che il Cremlino l’avrebbe usato come propaganda, forse conducendo processi farsa. Li ha anche mandati a punire le famiglie. Descrizione dei soldati rilasciati in precedenza scambi condizioni spaventosePoco cibo e percosse regolari da parte delle guardie.

A luglio enorme Esplosione Distrusse le baracche dove erano internati molti prigionieri di Azovstal, uccidendone almeno 50. Il Cremlino ha incolpato le forze ucraine per l’attentato alla prigione e ha offerto spiegazioni mutevoli per possibili motivazioni. Funzionari ucraini hanno definito questa affermazione assurda, citando i loro ripetuti sforzi per rilasciare i prigionieri. Il governo ucraino ha accusato la Russia di averli uccisi.

Alla fine di mercoledì, l’amministrazione presidenziale ucraina ha rilasciato a video Il signor Zelensky parla con i leader Azov liberati, che ora si trovano in Turchia. I soldati, che erano in uniforme e apparivano emaciati e malnutriti, ringraziarono il signor Zelensky per essersi rifiutato di abbandonarli.

Gloria all’Ucraina! ha detto il colonnello Prokopenko nel video. “Signor Presidente, da noi va tutto bene, le condizioni di salute sono accettabili. Sono grato a lei e a tutta la squadra.

Zelensky ha definito lo scambio una “grande vittoria per il nostro paese”, ma ha affermato che continuerà a premere per il rilascio di tutti gli ucraini ancora in cattività.

READ  Gli stati del Golfo chiedono a Netflix di rimuovere i contenuti "offensivi" | Notizie LGBTQ