Gennaio 29, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La navicella spaziale Artemis 1 prenderà il volo domenica per portare a termine una missione storica

La navicella spaziale Artemis 1 prenderà il volo domenica per portare a termine una missione storica

La navicella spaziale Artemis 1 della NASA ha concluso un viaggio di 25 giorni intorno alla luna, chiudendo le porte sulla Terra sabato, sulla buona strada per una domenica di ritorno a 25.000 miglia all’ora che sottoporrà la capsula senza equipaggio a un inferno infernale di 5.000 gradi prima di schiantarsi al largo della Baja California. .

In una coincidenza inaspettata ma simbolicamente ricca, la fine della missione Artemis 1, prevista alle 12:39, arriverà 50 anni esatti dopo l’ultimo allunaggio dell’Apollo nel 1972.

Testare lo scudo termico Avcoat largo 16,5 piedi derivato dalla capsula Orion è la massima priorità per la missione Artemis 1, “ed è il nostro obiettivo numero uno per un motivo”, ha affermato Mike Saravin, responsabile della missione.

“Non esiste un getto ad arco o una struttura termica ad aria qui sulla Terra in grado di ripetere l’ingresso a velocità supersonica con uno scudo termico di queste dimensioni”, ha affermato. “È un design completamente nuovo per uno scudo termico, ed è un pezzo di equipaggiamento fondamentale per la sicurezza. È progettato per proteggere il veicolo spaziale e (i futuri astronauti)… quindi lo scudo termico deve funzionare.”

121022-terra-luna.jpg
Il 28 novembre, a metà del volo di Artemis 1, una telecamera su una delle quattro ali solari della navicella Orion ha catturato questa iconica vista blu e bianca della Terra e della Luna (in basso a destra).

NASA


Lanciato 16 novembre Nel primo volo del nuovo imponente razzo Space Launch System della NASA, una capsula Orion senza equipaggio è stata spinta dall’orbita terrestre alla Luna per eseguire una serie esaustiva di test, mettendo alla prova i sistemi di propulsione, navigazione, alimentazione e computer in uno spazio profondo ambiente.

Mentre i controllori di volo hanno riscontrato difetti ancora inspiegabili nel loro sistema di alimentazione, l’iniziale “burlesque” con inseguitori stellari e prestazioni degradate dall’antenna phased array e dalla navicella spaziale Orion e dal modulo di servizio costruito dall’Agenzia spaziale europea Ha funzionato bene in generaleraggiungendo quasi tutti i loro obiettivi principali fino a questo punto.

“Abbiamo raccolto un’enorme quantità di dati che caratterizzano le prestazioni del sistema dal sistema di alimentazione, propulsione e GNC (guida, navigazione e controllo) e fino ad oggi, il team di controllo di volo ha correlato oltre 140 gigabyte di dati ingegneristici e immagini”, ha affermato Jim Jeffer, direttore dell’integrazione Veicolo Orion.

traj-semplice. jpg
La navicella spaziale Orion ha seguito una traiettoria che includeva un sorvolo ravvicinato della Luna e un successivo incendio del motore per raggiungere la sua prevista “orbita molto retrograda” attorno alla Luna. Mezzo giro dopo, il motore della navicella si è acceso altre due volte per prepararsi a un secondo sorvolo ravvicinato della Luna, che a sua volta ha inviato la capsula sulla via del ritorno sulla Terra per un sorvolo domenicale nell’Oceano Pacifico a ovest della Bassa California.

NASA


Il team sta già analizzando quei dati per “aiutare non solo a comprendere le prestazioni su Artemis 1, ma anche ad andare avanti in tutte le missioni successive”, ha affermato.

Se tutto va bene, la NASA prevede di dare seguito alla missione Artemis 1 inviando quattro astronauti intorno alla luna sul secondo volo del programma – Artemis 2 – nel 2024. Il primo allunaggio seguirà nel periodo 2025-26 quando la NASA afferma che primo metterà piede. Presentare la prossima donna e l’uomo sulla luna.

La capsula Artemis 1 senza equipaggio ha percorso mezza orbita attorno alla Luna e l’ha portata più lontano dalla Terra – 268.563 miglia – rispetto a qualsiasi precedente veicolo spaziale classificato dall’uomo. Due lanci critici del suo motore principale hanno avviato un sorvolo a bassa quota della superficie lunare lunedì scorso, che, a sua volta, mette il rover in rotta per un atterraggio domenica.

Inizialmente la NASA aveva pianificato di abbandonare la nave a ovest di San Diego, ma l’anticipazione di un fronte freddo che portava venti più forti e mari più agitati ha spinto i responsabili della missione a spostare il sito di atterraggio a sud di circa 350 miglia. Splashdown è ora previsto a sud dell’isola di Guadalupe, a circa 200 miglia a ovest della Baja California.

La sonda Orion, che viaggia a 32 volte la velocità del suono, si sta avvicinando da sud e dovrebbe rientrare nell’atmosfera visibile a 400.000 piedi, o circa 76 miglia, alle 12:20 p.m.

121022-skipp-chart.jpg
La navicella spaziale Orion percorrerà un’insolita traiettoria di “salto” mentre ritorna sulla Terra, saltando l’atmosfera superiore riconoscibile come una pietra attraverso acque calme prima di un secondo ammaraggio.

NASA


I pianificatori della NASA hanno creato un profilo unico “salta voce” che farà saltare Orion attraverso la parte superiore dell’atmosfera come una pietra piatta che salta attraverso acque calme. Orion scenderà da 400.000 piedi a circa 200.000 piedi in soli due minuti, quindi salirà di nuovo a circa 295.000 piedi prima di riprendere una caduta guidata dal computer sulla Terra.

Entro un minuto e mezzo dall’ingresso, l’attrito atmosferico genererebbe temperature attraverso lo scudo termico di quasi 5.000 gradi Fahrenheit, avvolgendo il veicolo spaziale in un plasma elettricamente carico che bloccherebbe le comunicazioni con i controlli di volo per circa cinque minuti.

Dopo un calo delle comunicazioni per altri due minuti e mezzo durante la sua seconda discesa nella bassa atmosfera, il veicolo spaziale continuerà a rallentare mentre si avvicina al sito di atterraggio bersaglio, rallentando a circa 650 mph, all’incirca la velocità del suono, circa 15 minuti dopo l’inizio dell’ingresso.

Infine, ad un’altitudine di circa 22.000 piedi e ad una velocità di circa 280 miglia all’ora, piccoli paracadute a trascinamento si dispiegheranno per stabilizzare il veicolo spaziale. I paracadute principali della nave si schiereranno a circa 5.000 piedi, rallentando Orion a 18 mph o giù di lì per un tuffo.

121022-welldecka.jpg
Un modello di Orion a grandezza naturale viene trascinato sul ponte del pozzo allagato di una nave da attracco anfibia della Marina durante l’addestramento per prepararsi alla pioggerella domenicale e recuperare l’attuale veicolo spaziale Artemis 1 dopo il suo volo di prova di 1,4 milioni di miglia intorno alla Luna.

NASA


Durata prevista della missione: 25 giorni, 10 ore, 52 minuti, coprendo 1,4 milioni di miglia dall’esplosione del 16 novembre.

Le squadre di soccorso della NASA e della Marina a bordo della USS Portland, una nave anfibia, saranno in vista del crollo, pronte a mettere in sicurezza l’imbarcazione e trainarla fino al “ponte del pozzo” allagato.

Una volta chiusi i portelli del ponte, l’acqua sarebbe stata pompata fuori, lasciando Orion su un supporto dedicato, per la protezione dello scudo termico, per il viaggio di ritorno alla base navale di San Diego.

Ma prima, la squadra di recupero rimarrà in piedi per un massimo di due ore mentre gli ingegneri raccolgono dati su come il calore di ritorno viene assorbito nel veicolo spaziale e quali eventuali effetti potrebbe avere sulla temperatura della cabina dell’equipaggio.

“Siamo sulla buona strada per una missione di pieno successo con alcuni obiettivi aggiuntivi che abbiamo raggiunto lungo la strada”, ha affermato Sarafin. “E il giorno dell’ingresso, raggiungeremo il nostro primo obiettivo, ovvero mostrare il veicolo in condizioni per un ritorno sulla Luna”.

READ  Il telescopio James Webb della NASA rivela milioni di galassie