Luglio 19, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’America invia aerei da combattimento F-16 nel Golfo tra le tensioni sulle spedizioni in Iran | Notizie di politica

L’America invia aerei da combattimento F-16 nel Golfo tra le tensioni sulle spedizioni in Iran |  Notizie di politica

Un funzionario della difesa degli Stati Uniti ha affermato che Washington sta studiando le opzioni in mezzo all’escalation dell’aggressione aerea russa nei cieli della Siria.

Un alto funzionario della difesa statunitense ha affermato che gli Stati Uniti stanno schierando ulteriori aerei da combattimento attorno allo stretto strategico di Hormuz per proteggere le navi dalle acquisizioni iraniane.

Parlando ai giornalisti del Pentagono venerdì, il funzionario ha affermato che gli Stati Uniti invieranno aerei da combattimento F-16 nella regione del Golfo questo fine settimana per rafforzare gli aerei d’attacco A-10 che pattugliano lì da più di una settimana.

L’agenzia di stampa Associated Press ha riferito che l’aumento delle risorse militari di Washington nella regione arriva dopo che l’Iran ha tentato di sequestrare due petroliere vicino allo stretto la scorsa settimana.

Il funzionario della difesa, che ha parlato a condizione di anonimato per fornire dettagli sulle operazioni militari statunitensi nella regione, ha affermato che gli F-16 forniranno copertura aerea alle navi che si muovono attraverso il corso d’acqua e aumenteranno la visibilità delle forze armate statunitensi nell’area, come un deterrente. in Iran, ha riferito l’Associated Press.

In due casi recenti, ha affermato la Marina degli Stati Uniti, le navi militari iraniane hanno fatto marcia indietro quando il cacciatorpediniere missilistico guidato USS McFaul è arrivato sulla scena.

Il funzionario della difesa ha anche detto ai giornalisti che gli Stati Uniti stanno studiando una serie di opzioni militari per affrontare la crescente aggressione russa nei cieli della Siria. Il funzionario ha rifiutato di approfondire le opzioni, ma ha affermato che gli Stati Uniti non cederanno alcun territorio e continueranno a volare nella parte occidentale della Siria come parte delle operazioni contro i militanti dello Stato islamico.

READ  Marcos: accesso Usa alle basi filippine non inteso come 'offensivo'

Il funzionario ha affermato che l’attività militare russa in Siria, che si è intensificata di pari passo contro le forze statunitensi da marzo, deriva dalla crescente cooperazione e coordinamento tra Mosca, Teheran e il governo siriano per cercare di fare pressione sugli Stati Uniti affinché lascino la Siria.

L’ultimo incidente è avvenuto venerdì mattina, quando un aereo russo ha ripetutamente sorvolato la caserma di al-Tanf nella Siria orientale, dove le forze statunitensi stanno addestrando gli alleati siriani e monitorando l’attività dell’ISIS.

Il funzionario ha detto che l’An-30 russo stava raccogliendo informazioni sulla base. Il funzionario ha affermato che gli Stati Uniti non avevano aerei da combattimento nell’area e non hanno intrapreso alcuna azione diretta contro il volo russo.

Ci sono circa 900 soldati americani nel paese, e altri entrano ed escono per svolgere missioni contro l’ISIS.

In questa immagine dal video rilasciato dalla US Air Force, un SU-35 russo vola vicino a un drone MQ-9 Reaper della US Air Force il 5 luglio 2023 sopra la Siria. Gli Stati Uniti affermano che gli aerei da combattimento russi hanno volato pericolosamente vicino a molti dei loro droni sulla Siria, innescando razzi e costringendo i Razziatori MQ-9 a compiere azioni evasive. [File: US Air Force via AP]