Settembre 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le svalutazioni della Borsa di New York suggeriscono che Pechino potrebbe essere disposta a scendere a compromessi con gli analisti delle controversie di revisione degli Stati Uniti

Le svalutazioni della Borsa di New York suggeriscono che Pechino potrebbe essere disposta a scendere a compromessi con gli analisti delle controversie di revisione degli Stati Uniti

Un trader entra nel pavimento della Borsa di New York (NYSE) a New York City, USA, il 14 giugno 2022. REUTERS/Brendan McDermid

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

HONG KONG (Reuters) – La mossa di rimuovere dalla Borsa di New York (NYSE) cinque società statali cinesi suggerisce che Pechino potrebbe essere disposta a fare concessioni per concludere un accordo di audit con gli Stati Uniti, che analisti e consulenti detto lunedì avrebbe posto fine a una disputa che dura da più di un decennio.

Le cinque imprese statali tra cui la principale compagnia petrolifera Sinopec (600028.SS) Assicurazione sulla vita in Cina (601628.SS), la cui revisione è stata esaminata dalla US Securities Regulatory Authority, ha dichiarato venerdì che l’avrebbe rimossa volontariamente dalla Borsa di New York. Leggi di più

La US Securities and Exchange Commission (SEC) a maggio ha identificato le cinque società e molte altre come non conformi agli standard di revisione statunitensi, eliminando i segnali che la Cina potrebbe rinunciare a consentire ai revisori dei conti statunitensi di accedere ai conti di società private cinesi quotate negli Stati Uniti. stati, hanno detto alcuni analisti.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Pechino e Washington sono in trattative per porre fine a una disputa che ha minacciato di espellere centinaia di società cinesi dalle loro quotazioni a New York se la Cina non soddisferà la richiesta di Washington di pieno accesso ai libri contabili delle società cinesi quotate negli Stati Uniti.

“La presenza di SOE non quotate negli Stati Uniti consente alla parte cinese di fare concessioni nei negoziati”, ha affermato un procuratore dei mercati dei capitali di Hong Kong, che ha rifiutato di essere nominato a causa della delicatezza della questione.

READ  Google ha licenziato l'ingegnere del software Blake Lemoine che ha affermato che un robot AI era cosciente

“Erano più preoccupati per l’accesso ai conti delle società statali”, ha detto l’avvocato, riferendosi alle autorità di Pechino. “Si ritiene che molte società private non abbiano dati sensibili come le società statali”.

Tuttavia, alcuni osservatori erano meno ottimisti sull’impatto dei sollevamenti.

“Togliendo le SOE dal tavolo, in teoria, darebbe più spazio ai cinesi per fare alcune concessioni”, ha affermato Paul Gillis, professore in pensione presso la Guanghua School of Management dell’Università di Pechino.

“Ma penso che con l’ambiente politico generale tra Stati Uniti e Cina così com’è, sia difficile trovare un accordo”.

accesso completo

Le autorità di regolamentazione statunitensi richiedono da anni il pieno accesso ai fogli di lavoro di audit per le società cinesi quotate a New York, ma le autorità cinesi hanno fatto marcia indietro per motivi di sicurezza nazionale.

A maggio, un funzionario della SEC ha affermato che la Cina potrebbe accettare la rimozione volontaria dalla lista delle società ritenute “troppo sensibili” per conformarsi ai requisiti statunitensi, assicurando che il resto delle società e delle società di revisione possano soddisfare le ispezioni e le indagini statunitensi ed evitare potenziali divieti commerciali. .

Da allora, tuttavia, il Public Accounting Oversight Board (PCAOB) degli Stati Uniti, che regola gli audit delle società quotate statunitensi ed è supervisionato dalla Securities and Exchange Commission, ha affermato che il delisting delle società non renderà la Cina conforme perché le regole statunitensi richiedono che l’agenzia lo faccia. Accesso retroattivo ai record di audit aziendali.

Un portavoce del PCAOB ha affermato lunedì che la posizione del PCAOB sulla questione non è cambiata. Un portavoce della Securities and Exchange Commission non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

READ  Senior Sesig apre un nuovo ristorante a San Francisco Ferry Building

La China Securities Regulatory Commission non ha risposto a un’indagine lunedì pomeriggio.

Più di 270 società cinesi sono state identificate come a rischio di divieto commerciale, con la PCAOB che ha riferito di non avere pieno accesso ai propri documenti di audit.

Le preoccupazioni per il futuro di queste società sono cresciute nelle borse di New York negli ultimi mesi, poiché i gestori di fondi globali che possiedono azioni cinesi quotate negli Stati Uniti si sono costantemente rivolti ai loro colleghi che operano a Hong Kong. Leggi di più

Alibaba Group Holdings ha annunciato due settimane fa che avrebbe convertito la sua quotazione secondaria di Hong Kong in una doppia quotazione primaria, che secondo gli analisti renderebbe più facile in futuro se il gigante dell’e-commerce volesse rimuovere dalla lista negli Stati Uniti.

“Per le società private quotate negli Stati Uniti, consentire loro una maggiore discrezionalità per collaborare con PCAOB dipenderà probabilmente dalla sensibilità dei dati nei loro documenti di revisione”, ha affermato Weiheng Chen, capo delle principali pratiche cinesi presso lo studio legale Wilson Sonsini. .

Chen ha affermato che le aziende private che detengono grandi quantità di dati geografici e dati che tengono traccia della posizione, dei movimenti sociali e dei comportamenti di individui e aziende sono probabilmente considerate sensibili.

Dopo che le cinque società statali saranno rimosse dall’elenco, solo due società statali rimarranno quotate negli Stati Uniti: China Eastern Airlines (600115.SS) e China Southern Airlines (600029.SS).

“La Cina dovrebbe essere motivata a collaborare con la US Securities and Exchange Commission per garantire che le società cinesi che non hanno informazioni sensibili sui mercati dei capitali statunitensi non siano isolate”, hanno scritto gli analisti di Jefferies.

Rapporti aggiuntivi di Scott Murdoch, Ken Wu, Shi Yu e Samuel Shen; Montaggio di Sumit Chatterjee, David Holmes e Margarita Choi

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.