Luglio 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

UN VERO MOSTRO MARINO – Gli scienziati hanno scoperto una nuova enorme specie di mosasauro

UN VERO MOSTRO MARINO – Gli scienziati hanno scoperto una nuova enorme specie di mosasauro

Scoperta Jörmungandr e Halaensis, una nuova specie di mosasaurus, fornisce approfondimenti critici sull’evoluzione di queste antiche lucertole marine e sulla storia geologica del tardo Cretaceo del Nord America. Questa specie di transizione, trovata vicino a Walhalla, nel Nord Dakota, colma il divario tra i mosasauri primitivi e quelli più avanzati e suggerisce nuovi dettagli sui loro adattamenti acquatici e sulla loro discendenza. Ricostruirne due Jörmungandr e Halaensis Lotta con il Mosasauro. Credito: Henry Sharp

Si è scoperto che Jörmungandr, un’enorme lucertola marina lunga 24 piedi vissuta 80 milioni di anni fa, era una specie di transizione tra due mosasauri conosciuti.

Gli scienziati ne hanno recentemente identificato uno nuovo Classificare Mosasauri, grandi lucertole acquatiche carnivore vissute durante la tarda età della pietra Periodo Cretaceo un periodo. Con caratteristiche “di transizione” che la collocano tra due famosi mosasauri, la nuova specie prende il nome da un serpente marino della mitologia norrena, Jörmungandr, e dalla piccola città di Walhalla, nel Nord Dakota, vicino a dove è stato trovato il fossile. carta che descrive Jormungandr walhallaensis È stato recentemente pubblicato in Bollettino del Museo Americano di Storia Naturale.

Caratteristiche comparative e contesto storico

“Se mettessi le pinne su un drago di Komodo e lo rendessi davvero grande, questo è fondamentalmente come sarebbe apparso”, ha detto l’autrice principale dello studio Amelia Zietlow, Ph.D. studente di biologia comparata presso la Richard Gilder Graduate School dell’American Museum of Natural History.

Il primo mosasauro fu scoperto più di 200 anni fa e la parola mosasauro è antecedente alla parola dinosauro. Ma rimangono molte domande su questi animali, incluso quanto spesso hanno sviluppato pinne e sono diventati completamente acquatici – i ricercatori ritengono che ciò sia accaduto almeno tre volte, e forse quattro o più volte – e se fossero più strettamente imparentati con le lucertole o i serpenti. I ricercatori stanno ancora cercando di determinare in che modo i diversi gruppi di mosasauri sono imparentati tra loro e il nuovo studio aggiunge un nuovo pezzo a quel puzzle.

Teschio di Jörmungandr e Helensis

Disegno a tratteggio di un teschio Jörmungandr e Halaensis. Credito: Henry Sharp

Scoperta di fossili

Il fossile su cui si basa lo studio è stato scoperto nel 2015, quando i ricercatori che effettuavano scavi nella parte nord-orientale del Nord Dakota trovarono un esemplare impressionante: un cranio quasi completo, mascelle e una colonna vertebrale cerebrale, oltre a numerose vertebre.

Dopo un’analisi approfondita e una scansione superficiale del materiale fossile, Zietlow e i suoi collaboratori hanno scoperto che questo animale è una nuova specie che contiene un mosaico di caratteristiche osservate in due famosi mosasauri: Clydastis, una forma più piccola e primitiva del mosasauro; E Mosasaurouna forma più grande che è cresciuta fino a quasi 50 piedi di lunghezza e vive fianco a fianco tirannosauro Rex. Si stima che l’esemplare fosse lungo circa 24 piedi e, oltre alle pinne e alla coda da squalo, avrebbe avuto “sopracciglia arrabbiate” causate da una protuberanza ossea nel cranio, e una coda un po’ tozza che avrebbe potuto essere addirittura più breve. Dal suo corpo.

Approfondimenti evolutivi e significato geologico

“Mentre questi animali si evolvevano in giganteschi mostri marini, apportavano costantemente cambiamenti”, ha detto Zitlow. “Questo lavoro ci porta un passo avanti verso la comprensione di come tutte queste diverse forme si relazionano tra loro”.

Il lavoro suggerisce questo Jormungandr Era un’introduzione a Mosasauro E visse circa 80 milioni di anni fa.

“Questo fossile proviene da un’era geologica degli Stati Uniti che non comprendiamo veramente”, ha detto il coautore Clint Boyd, del North Dakota Geological Survey. “Più riusciamo a completare la sequenza temporale geografica e temporale, meglio potremo comprendere queste creature”.

“Una storia”, ha aggiunto il coautore Nathan Van Vranken dell’Eastern West Virginia Community and Technical College Jormungandr Dipinge un quadro affascinante e aiuta a contribuire alla nostra comprensione delle regioni più settentrionali del Mare Interno, in particolare dei mosasauri, e scoperte come questa possono suscitare curiosità scientifica.

Riferimento: “Jörmungandr e Halaensis“Una nuova mosasaurina (Squamata: Mosasauroidea) dalla formazione Pierre Shale (membro Pembina: medio campano) del Nord Dakota” di Amelia R. Zietlow, Clint A. Boyd e Nathan E. Van Vranken, 30 ottobre 2023, Bollettino del Museo Americano di Storia Naturale.
doi: 10.5531/sd.sp.60

READ  Lacrime di astronomi attraverso le prime immagini del telescopio Webb