Gennaio 28, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le azioni salgono e lo yen sale mentre la Banca del Giappone è alle prese con il calo dei prezzi delle obbligazioni

  • La Bank of Japan è sotto forte pressione mentre difende la politica dei rendimenti
  • Lo yen è salito al massimo di 7 mesi e lo yuan è salito con l’indebolimento del dollaro
  • Più profitti in arrivo, molti oratori della banca centrale
  • L’indice britannico FTSE ha stabilito un record

SYDNEY/LONDRA (Reuters) – L’ottimismo sugli utili societari e la riapertura della Cina hanno alimentato i timori che la Bank of Japan possa allentare la sua politica di stimolo fuori misura in occasione di una riunione cruciale questa settimana, mentre è in vacanza in Cina. I mercati statunitensi hanno favorito scambi deboli.

Lo yen è salito al livello più alto da maggio dopo che si sono diffuse voci secondo cui la Banca del Giappone potrebbe tenere una riunione di emergenza lunedì mentre lotta per difendere il nuovo tetto del rendimento di fronte a vendite aggressive. Leggi di più

Questo era il mercato interno in uno stato d’animo ansioso, l’indice giapponese Nikkei (.N225) È sceso dell’1,3% al livello più basso in due settimane.

Tuttavia, il più ampio indice MSCI di azioni dell’Asia-Pacifico al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) È salito dello 0,27%, con le speranze di una rapida riapertura della Cina che gli hanno dato un guadagno del 4,2% la scorsa settimana.

Le borse europee hanno aperto positivamente con lo STOXX 600 (.STOXX) Era in rialzo dello 0,1% alle 0850 GMT, spinto dai titoli sanitari (.SXDP) che ha guadagnato lo 0,6%.

Indice FTSE di riferimento britannico (.FTSE) Vicino al massimo record di 7.903,50 stabilito nel 2018, le banche e le compagnie di assicurazione sulla vita sono state tra i maggiori guadagni.

READ  Le azioni di Twitter sono aumentate di oltre il 25% dopo che Elon Musk ha acquisito il 9% della società di social media

La stagione degli utili sale questa settimana con Goldman Sachs (GS.N)Morgan Stanley (MSN) e Netflix (NFLX.O) Tra questi rapporti.

Leader mondiali, responsabili politici e amministratori delegati parteciperanno al World Economic Forum di Davos, e c’è un gruppo di banchieri centrali che parla, tra cui almeno nove membri della Federal Reserve statunitense.

L’incontro ufficiale di due giorni della BoJ si conclude mercoledì e la speculazione è diffusa che modificherà la sua politica di controllo della curva dei rendimenti (YCC) dato che il mercato ha spinto i rendimenti a 10 anni al di sopra del loro nuovo tetto dello 0,5%. Leggi di più

La Banca del Giappone ha acquistato quasi 5 trilioni di yen (39,12 miliardi di dollari) di obbligazioni venerdì nella più grande operazione giornaliera di sempre, ma il rendimento a 10 anni ha comunque chiuso la sessione in rialzo allo 0,51%.

All’inizio di lunedì, la banca si è offerta di acquistare altri 1,3 trilioni di yen di titoli di stato giapponesi, ma il rendimento è rimasto allo 0,51%.

“C’è ancora qualche possibilità che la pressione del mercato costringa la Banca del Giappone ad aggiustare ulteriormente o uscire dal YCC”, hanno detto gli analisti di JPMorgan in una nota. Non possiamo ignorare questa possibilità, ma in questa fase non la consideriamo uno scenario importante”.

Hanno aggiunto che “sebbene la domanda interna abbia iniziato a riprendersi e l’inflazione continui a salire, l’economia non si sta riscaldando al punto da poter tollerare un forte aumento dei tassi di interesse e il potenziale rischio di un significativo apprezzamento dello yen”.

Yen non installato

La politica ultra-facile della Banca del Giappone ha agito come una sorta di ancoraggio per i rendimenti a livello globale, trascinando lo yen verso il basso. Se questa politica viene abbandonata, ciò eserciterà una pressione al rialzo sui rendimenti nei mercati sviluppati e molto probabilmente vedrà rafforzarsi lo yen.

READ  Uomini che indossano bastoni rompono le telecamere di sicurezza in una fabbrica di iPhone in Cina

Il dollaro è stato sottoquotato dal calo dei rendimenti obbligazionari statunitensi poiché gli investitori scommettono che la Fed potrebbe essere meno aggressiva nell’aumentare i tassi di interesse, dato che l’inflazione è chiaramente dietro l’angolo.

Lo yen giapponese è salito al massimo di sette mesi contro il dollaro lunedì, poiché il sentimento del mercato è stato dominato dalle aspettative che la Banca del Giappone apporterà ulteriori aggiustamenti alla sua politica di controllo del rendimento o la abbandonerà del tutto.

Lo yen è balzato di circa lo 0,5% a 127,215 per dollaro, prima di ritirarsi a 128,6 entro le 0915 GMT.

L’indice del dollaro, che misura l’unità degli Stati Uniti rispetto a un paniere di valute principali, si è ripreso dal minimo di 7 mesi toccato all’inizio della sessione a 102,6.

I future ora non indicano quasi nessuna possibilità che la Fed aumenti i tassi di interesse di mezzo punto a febbraio, con un movimento di un quarto di punto visto come una probabilità del 94%.

Il rendimento del Treasury a 10 anni è sceso del 3,498%, dopo essere sceso di 6 punti base la scorsa settimana, vicino al minimo di dicembre e all’obiettivo grafico chiave del 3,402%.

L’allentamento dei colli di bottiglia dell’offerta globale negli ultimi mesi è stato uno shock per l’inflazione, che aumenta la possibilità di un atterraggio morbido per l’economia statunitense, ha affermato Alan Ruskin, responsabile globale della strategia di cambio G10 presso Deutsche Securities.

“Un tasso di inflazione più basso incoraggia di per sé un atterraggio morbido attraverso guadagni salariali reali, consentendo alla Federal Reserve di bloccarsi più facilmente e incoraggiando un mercato obbligazionario che si comporta meglio, con ricadute favorevoli per le condizioni finanziarie”, ha affermato Ruskin.

READ  Dow futures: resilienza del mercato in aumento; Apple, Tesla, questi cinque chipset possono usarlo

“Un atterraggio morbido riduce anche il rischio di coda derivante dall’aumento dei tassi di interesse statunitensi e questo abbassamento del premio per il rischio aiuta la propensione al rischio globale”, ha aggiunto Ruskin.

Lunedì i prezzi delle materie prime, che erano aumentati la scorsa settimana, sono scesi.

Il calo dei rendimenti e il dollaro hanno beneficiato del prezzo dell’oro, che è balzato del 2,9% la scorsa settimana, ma il metallo prezioso è sceso dello 0,4% a 1911 dollari l’oncia nelle prime contrattazioni di oggi, lunedì.

I prezzi del petrolio sono diminuiti poiché un aumento dei casi di COVID ha offuscato le prospettive di un aumento della domanda mentre la Cina riapre la sua economia.

Il greggio Brent è sceso di 73 centesimi, o dello 0,83%, a 84,57 dollari al barile alle 0857 GMT, mentre il greggio US West Texas Intermediate è sceso di 61 centesimi, o dello 0,6%, a 79,24 dollari al barile.

($ 1 = 127,8000 yen)

(Segnalazione di Wayne Cole e Lawrence White) Montaggio di Shri Navaratnam ed Emilia Sithole Mataris

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.