Gennaio 28, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le proteste per il coronavirus si sono intensificate a Guangzhou mentre la rabbia per il blocco della Cina è esplosa

Le proteste per il coronavirus si sono intensificate a Guangzhou mentre la rabbia per il blocco della Cina è esplosa
  • La polizia antisommossa in tute ignifughe si schianta contro i manifestanti
  • Il numero di proteste è stimato tra 27 e 43 in 22 città della Cina
  • La più grande ondata di disobbedienza civile dalla Tiananmen del 1989
  • I blocchi e le proteste di Covid hanno colpito l’economia cinese

SHANGHAI/PECHINO (Reuters) – Persone a Guangzhou, l’hub manifatturiero cinese, martedì notte si sono scontrate con la polizia antisommossa bianca che indossava dispositivi di protezione ignifuga, hanno mostrato video online, nell’ultima di una serie di proteste che si sono intensificate durante il fine settimana a causa della diffusione. del virus Corona. 19 chiude.

I successivi scontri proteste A Shanghai e Pechino e in un altro luogodopo che la Cina ha registrato un numero record di casi di coronavirus al giorno e i funzionari sanitari, anche nella regione meridionale intorno a Guangzhou, hanno annunciato un leggero allentamento delle restrizioni.

La più grande ondata di disobbedienza civile nella Cina continentale dalle proteste di Tiananmen del 1989 arriva mentre la sua economia crolla dopo essere cresciuta a ritmi vertiginosi per decenni.

Quell’era di prosperità è stata fondamentale per il contratto sociale tra il Partito Comunista e una popolazione le cui libertà sono state notevolmente ridotte da quando il presidente Xi Jinping è salito al potere 10 anni fa.

In un video pubblicato su Twitter, dozzine di poliziotti antisommossa vestiti di bianco e con scudi sopra la testa avanzavano in formazione su quelle che sembravano essere state abbattute barriere di blocco mentre gli oggetti volavano sopra di loro.

La polizia è stata successivamente vista scortare una fila di persone legate in un luogo sconosciuto.

Un altro filmato mostrava persone che lanciavano oggetti contro la polizia, mentre un terzo filmato mostrava un lacrimogeno caduto in mezzo a una piccola folla in una strada stretta, mentre le persone correvano per sfuggire ai fumi.

READ  Biden afferma che gli Stati Uniti sono "tutti coinvolti" nel futuro dell'Africa

Reuters ha verificato che i video sono stati girati nel distretto Hezhou di Guangzhou, che due settimane fa ha assistito a disordini legati al virus Corona, ma non è stato in grado di determinare quando sono state girate le clip o l’esatta sequenza degli eventi e cosa ha scatenato gli scontri.

I post sui social media affermano che gli scontri sono avvenuti martedì notte e sono stati innescati da una disputa sulle restrizioni al blocco.

Il governo di Guangzhou, città colpita duramente dall’ultima ondata di contagi, non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Il China Descent Monitor, gestito dalla Freedom House finanziata dal governo degli Stati Uniti, ha stimato che almeno 27 manifestazioni si sono svolte in tutta la Cina da sabato a lunedì. Il think tank australiano ASPI ha stimato 43 proteste in 22 città.

Allenta le braccia

Sede di molti operai migranti, Guangzhou è una tentacolare città portuale a nord di Hong Kong, nella provincia del Guangdong, dove i funzionari hanno annunciato martedì scorso che avrebbero consentito ai contatti stretti di casi di COVID di mettere in quarantena a casa invece di costringerli ad andare nei rifugi.

La decisione va contro la pratica standard della politica cinese sulla non diffusione del coronavirus.

A Zhengzhou, il sito di un’enorme fabbrica Foxconn che produce iPhone Apple che è stata teatro di interruzioni dei lavoratori a causa di COVID, i funzionari hanno annunciato una ripresa “ordinata” delle attività, inclusi supermercati, palestre e ristoranti.

Tuttavia, hanno anche pubblicato un lungo elenco di edifici che rimarranno chiusi.

Ore prima di quegli annunci, martedì i funzionari sanitari nazionali hanno affermato che la Cina avrebbe risposto alle “preoccupazioni urgenti” sollevate dal pubblico e che le regole COVID dovrebbero essere attuate in modo più flessibile, in base alle circostanze di ciascuna regione.

Ma mentre l’allentamento di alcune misure sembra essere un tentativo di placare il pubblico, le autorità hanno anche iniziato a cercare coloro che hanno preso parte alle recenti proteste.

“La polizia è venuta alla mia porta chiedendomi tutto e chiedendomi di completare un verbale”, ha detto mercoledì a Reuters un residente di Pechino, che ha chiesto di non essere identificato.

Un altro residente ha detto che alcuni amici che hanno pubblicato video delle proteste sui social media sono stati portati in una stazione di polizia e gli è stato chiesto di firmare un impegno a “non farlo mai più”.

Non era chiaro come le autorità determinassero le persone che volevano interrogare, né quante persone le autorità avessero contattato.

L’Ufficio di pubblica sicurezza di Pechino non ha commentato.

Mercoledì, diverse auto della polizia e personale di sicurezza sono state dispiegate su un ponte nella parte orientale di Pechino, dove tre giorni prima si era svolta una protesta.

“forze ostili”

In una dichiarazione che non ha fatto menzione delle proteste, il massimo organo responsabile delle forze dell’ordine del Partito Comunista ha dichiarato martedì scorso che la Cina reprimerà risolutamente “l’infiltrazione e il sabotaggio da parte di forze ostili”.

Il Comitato centrale per gli affari politici e legali ha anche affermato che non saranno tollerati “atti illegali e criminali che disturbano l’ordine sociale”.

READ  Cosa ha visto Scott Bailey in Ucraina - 60 minuti

Il Dipartimento di Stato ha affermato che i diritti e le libertà devono essere esercitati nel quadro della legge.

Il portavoce della sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ha dichiarato martedì che i manifestanti in Cina non dovrebbero essere danneggiati.

COVID si è diffuso anche se la Cina si è in gran parte tagliata fuori dal mondo e ha richiesto enormi sacrifici a centinaia di milioni di persone per conformarsi a test incessanti e isolamento prolungato, tre anni dopo l’inizio della pandemia.

Mentre i numeri di infezione e morte sono bassi rispetto agli standard globali, gli analisti affermano che riaprire la porta prima che i tassi di vaccinazione aumentino potrebbe portare a più morbilità e morte e ospedali sopraffatti.

Il blocco ha danneggiato l’economia, interrotto le catene di approvvigionamento globali e scosso i mercati finanziari.

I dati di mercoledì hanno mostrato che l’attività manifatturiera e dei servizi della Cina per novembre ha registrato le letture più basse dall’inizio del blocco di due mesi di Shanghai ad aprile. Leggi di più

azioni cinesi (.SSEC)E il (.CSI300) È stato stabile, poiché i mercati hanno soppesato la dilagante debolezza economica contro le speranze che la pressione pubblica potesse spingere la Cina a riaprire finalmente.

Il capo del Fondo monetario internazionale, Kristalina Georgieva, ha indicato che le previsioni di crescita della Cina potrebbero essere abbassate.

Reportage aggiuntivo di Eduardo Baptista e Yu Luntian a Pechino. Scritto da Marius Zaharia. Montaggio di Michael Berry, Robert Purcell

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.