Novembre 30, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Putin esprime la sua “preoccupazione” per la centrale nucleare di Zaporizhzhya durante l’incontro con un organismo di monitoraggio delle Nazioni Unite

Putin esprime la sua "preoccupazione" per la centrale nucleare di Zaporizhzhya durante l'incontro con un organismo di monitoraggio delle Nazioni Unite

Il presidente russo Vladimir Putin ha incontrato martedì il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica delle Nazioni Unite, con Putin che ha espresso “preoccupazione” per la situazione nella centrale nucleare ucraina di Zaporizhia.

Le forze russe hanno occupato per mesi il territorio intorno alla centrale nucleare, la più grande d’Europa, dall’inizio della sua invasione, anche se gli equipaggi ucraini continuano a farla funzionare, con Alcuni sarebbero stati tenuti sotto tiro.

L’Agenzia internazionale per l’energia atomica, che ha inviato personale alla stazione, ha più volte lanciato l’allarme per il vicino bombardamento che rischia di provocare un disastro nucleare. Il capo del gruppo, Rafael Grossi, si è recato in Russia come parte dei suoi sforzi per facilitare un piano di “zona di protezione per la sicurezza nucleare” attorno all’impianto.

“Siamo molto lieti di vedervi e saremo felici di discutere tutte le questioni di interesse comune e forse anche alcune questioni che preoccupano alcuni, inclusi noi, ad esempio tutto ciò che riguarda la situazione intorno alla centrale nucleare di Zaporizhzhya”, ha affermato in Ha detto durante l’incontro. “Comunque, siamo aperti a questo dialogo e siamo felici di vederti”.

Grossi ha risposto ricambiando le sue preoccupazioni per l’impianto visti i combattimenti serrati.

“Forse le questioni del giorno sono quelle che rendono la nostra discussione odierna così importante e indispensabile, in effetti, perché abbiamo problemi di sicurezza nucleare e sicurezza nucleare, in particolare la centrale nucleare di Zaporizhzhya”, ha affermato Grossi. “E come sapete, mi sono adoperato per cercare di evitare un incidente nucleare che potrebbe essere molto dannoso in generale e nella regione in particolare”.

READ  I cani piangono lacrime di gioia quando si riuniscono ai loro padroni: uno studio

Grossi aveva indicato in precedenza che sarebbe tornato in Ucraina dopo il suo viaggio a San Pietroburgo, Ha descritto l’istituzione di una zona di protezione come una “necessità assoluta e urgente”.

L’incontro è avvenuto quando Energoatom, la compagnia energetica nucleare statale ucraina che gestisce l’impianto di Zaporizhzhia, ha accusato la Russia di aver rapito e torturato il vicedirettore generale dell’impianto.

L’agenzia ha dichiarato: “Ci appelliamo al direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, Rafael Grossi, e all’intera comunità internazionale affinché adottino tutte le misure possibili per l’immediato rilascio di Valery Martinyuk dalla prigionia degli occupanti russi e il suo ritorno in l’esercizio delle sue funzioni». ha scritto in un post su Telegram.

Già Energoatomo La Russia avrebbe rapito il direttore della fabbrica.

L’impianto si trova vicino al confine di Zaporizhzhia Oblast in Ucraina, una delle quattro regioni che la Russia ha annesso all’inizio di questo mese. Funzionari statunitensi e occidentali hanno condannato l’accaparramento della terra come una violazione del diritto internazionale.

Il conflitto ha continuato a intensificarsi negli ultimi giorni, con Putin che ha chiamato fino a 300.000 riservisti, minacciando l’Occidente con armi nucleari e lanciando dozzine di attacchi missilistici in tutta l’Ucraina, compresi luoghi lontani dalla prima linea.

I disordini a Zaporizhzhia hanno effettivamente posto ostacoli alla rete elettrica ucraina, ma quegli scioperi hanno avuto più colpi, portando i funzionari a esortare i residenti a conservare il consumo di energia mentre smettevano di esportare elettricità.

READ  Il nuovo Primo Ministro britannico Truss ha promesso di affrontare la crisi energetica e un'economia vacillante