Dicembre 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Xinjiang: il Consiglio Onu per i diritti umani respinge il dibattito sul trattamento riservato dalla Cina ai musulmani uiguri

Xinjiang: il Consiglio Onu per i diritti umani respinge il dibattito sul trattamento riservato dalla Cina ai musulmani uiguri

Giovedì il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha votato contro una proposta guidata dall’Occidente per una discussione sulle presunte violazioni dei diritti umani da parte della Cina contro uiguri e altri musulmani nel Xinjiang In una vittoria per Pechino che cerca di evitare ulteriori controlli.

La sconfitta – 19 contrari, 17 contrari, 11 astenuti – è solo la seconda volta nei 16 anni di storia del Consiglio che una proposta è stata respinta ed è vista dagli osservatori come una battuta d’arresto sia per gli sforzi di responsabilità che per l’autorità morale dell’Occidente sull’essere umano diritti. e la credibilità delle stesse Nazioni Unite.

Stato unito , Canada La Gran Bretagna è stata tra i paesi che hanno fatto la proposta.

“Questo è un disastro”, ha detto Dolkun Isa, presidente del Congresso mondiale degli uiguri, la cui madre è morta in un campo e i suoi due fratelli hanno perso.

Ha aggiunto: “Non ci arrenderemo mai, ma siamo davvero delusi dalle reazioni dei Paesi islamici”.

Qatar, Indonesia, Emirati Arabi Uniti e Pakistan Ha respinto la proposta, adducendo il rischio di alienarsi la Cina. Phil Lynch, direttore del Servizio internazionale per i diritti umani, ha descritto su Twitter il record del voto come “vergognoso”.

L’inviato cinese aveva avvertito prima del voto che la proposta avrebbe creato un precedente per l’esame dei dati sui diritti umani in altri paesi.

Oggi la Cina è nel mirino. “Qualsiasi altro paese in via di sviluppo sarà preso di mira domani”, ha detto Qin Shuo, aggiungendo che la discussione porterebbe a “nuovi scontri”.

L’Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani il 31 agosto ha pubblicato un rapporto tanto atteso che ha rilevato gravi violazioni dei diritti umani nello Xinjiang che potrebbero costituire crimini contro l’umanità, aumentando la pressione sulla Cina.

READ  Il Forum economico "Russian Davos" di Vladimir Putin a San Pietroburgo è davvero un grande e triste pasticcio

Gruppi per i diritti umani accusano Pechino di aver commesso abusi contro gli uiguri, una minoranza etnica musulmana di circa 10 milioni di persone nella regione occidentale dello Xinjiang, compreso l’uso massiccio del lavoro forzato nei campi di internamento. Gli Stati Uniti accusano la Cina di genocidio. Pechino nega con forza ogni violazione.

La proposta è la prima volta che il record dei diritti della Cina, un potente membro permanente del Consiglio di sicurezza, è stato all’ordine del giorno del consiglio. La disposizione ha causato divisioni e un diplomatico ha affermato che i paesi erano sottoposti a “un’enorme pressione” da parte di Pechino per sostenere la Cina.

Paesi come Gran Bretagna, Stati Uniti e Germania si sono impegnati a continuare a lavorare per la responsabilità nonostante il risultato di giovedì.

Ma gli attivisti hanno affermato che sconfiggere una proposta così limitata, che non è riuscita a portare avanti un’indagine, renderebbe difficile rimetterla all’ordine del giorno.

È stato un “grave errore di calcolo”, ha detto Mark Lemon dell’Universal Rights Group, riferendosi al tempismo che coincide con una proposta per indurre l’Occidente ad agire sulla Russia.

“È un duro colpo per la credibilità del consiglio e una chiara vittoria per la Cina”, ha affermato. “Molti paesi in via di sviluppo lo vedranno come un adeguamento dall’egemonia occidentale nel sistema dei diritti umani delle Nazioni Unite”.

L’evento ha sollevato dilemmi politici per molte nazioni più povere all’interno del consiglio di 47 membri che sono restii a sfidare apertamente la Cina per paura di mettere a repentaglio gli investimenti.

Altri potrebbero aver voluto evitare loro stessi un controllo futuro.

READ  Arshad Sharif: eminente giornalista pakistano ucciso in Kenya